Altre condotte di abuso e bibliografia

Share this


Pochissimi sono, a nostra conoscenza, gli strumenti messi a punto per la valutazione delle tossicodipendenze diverse dall’alcolismo. Lo strumento che, senza dubbio, ha avuto il maggior successo e la massima diffusione è l’Addiction Severity Index - ASI di McLellan e collaboratori (1980). L’ASI è stato messo a punto con l’intento di valutare, all’inizio ed alla fine del trattamento, la natura e la gravità dei problemi dei soggetti che abusano di sostanze.

Si tratta di uno strumento multidimensionale che prende in esame 7 aree funzionali che sono generalmente compromesse in questi soggetti: le condizioni mediche, quelle lavorative, l’uso di sostanze e di alcol, la situazione legale, familiare/sociale e psichiatrica. Ogni area viene esplorata dettagliatamente (frequenza, durata e gravità del problema relativo) sia nel corso della vita (mediante una scala di gravità a 10 punti) che nel mese precedente l’intervista, mediante un punteggio composito. La scala è composta da 142 item che vengono esplorati mediante un’intervista semistrutturata che richiede oltre un’ora. Tipicamente la ASI viene somministrata al momento della presa in carico e nel follow-up e/o alla dimissione per valutare l’entità del cambiamento: nelle valutazioni successive vengono utilizzati soltanto gli item relativi al mese precedente e perciò l’intervista è molto più rapida (15-20 minuti). La scala ha mostrato ottime caratteristiche psicometriche. Numerose sono le traduzioni della ASI e recentemente è stata presentata una versione "europea", l’EUROPASI, concordata tra ricercatori di numerosi paesi europei. Come strumento di screening, possiamo ricordare il Drug Abuse Screening Test — DAST (Skinner, 1982), che deriva direttamente dal MAST riformulato in modo che, invece dell’abuso di alcol, esplori l’abuso di sostanze. È composto da 28 item dicotomi (No/Sì) dove il "Sì" corrisponde ad 1 in tutti gli item eccetto che per gli item 4, 5 e 7 per i quali è la risposta "No" che corrisponde a 1. La scala ha mostrato buone caratteristiche psicometriche.

BIBLIOGRAFIA

Anton RF, Mohak DH, Latham P: The Obsessive Compulsive Drinking Scale: a self-rated instrument for the quantification of thoughts about alcohol and drinking behavior. Alcohol Clin Exp Res, 19:92, 1995.

Babor TF, De la Fuente JR et al.: The Alcohol Use Disorders Identification Test: Guidelines for Use in Primary Health Care. WHO/MMH Geneva, Switzerland, 1989.

Conti L, Garonna F, Cassano GB: Un modello multiassiale per la diagnosi ed il trattamento dell’alcolismo. N.P.S., Atti del XXXV Congresso Nazionale SIP, Cagliari Ottobre-Novembre 1982.

Conti L, Pezzica P, Mauri M: Applicabilità ed efficacia del Test di valutazione del Rischio di Alcolismo (TRiAl): Analisi preliminare. Atti del XXXVII Congresso Nazionale SIP, Roma, Febbraio 1989.

Dell’Osso L, Mauri M et al.: Una proposta per la valutazione standardizzata dell’alcolismo. Atti del IV Congresso Nazionale SIA, Castel S. Pietro Terme, Maggio 1986.

Ewing JA: Detecting alcoholism. The CAGE questionnaire. JAMA, 252:1905, 1984.

Ewing JA, Rouse BA: Identifying the hidden alcoholic. Paper presented at the 29th International Congress on Alcohol and Drug Dependence, Sydney, Australia, February 1970.

Feuerlein W, Ringer CH et al.: Diagnose des Alkoholismus. Der Münchner Alkoholismustest (MALT). Münch med Wschr, 40:1275, 1977.

Friedrich WN, Loftsgard SO: A comparison of the MacAndrew Alcoholism Scale and the Michigan Alcoholism Screening Test in a sample of problem drinkers. Q J Stud Alcohol, 39:11, 1978.

Horn JL, Wanberg KW, Foster FM: The Alcohol Use Inventory - AUI. Center for Alcohol-Abuse Research and Evaluation, Denver, Colo., 1974.

Jellinek EM: Phases in drinking history of alcoholics. Q J Stud Alcohol, 7:1, 1946.

Lachar D, Berman W et al.: The MacAndrew Alcoholism Scale as a general measure of substance misuse. Q J Stud Alcohol, 37:1609, 1976.

MacAndrew C: The differentiation of male alcoholic outpatients from non alcoholic psychiatric outpatients by means of the MMPI. Q J Stud Alcohol, 26:238, 1965.

MacNeil G: A short-form scale to measure alcohol abuse. Res Soc Work Practice, 1:68, 1991.

McLellan AT, Luborsky L et al.: An improved diagnostic instrument for substance abuse patients: the Addiction Severity Index. J Nerv Ment Dis, 168:26, 1980.

Raistrick D, Bradshaw J et al.: Development of the Leeds Dependence Questionnaire (LDQ): a questionnaire to measure alcohol and opiate dependence in the context of a treatment evaluation package. Addiction, 89:563, 1994.

Raistrick D, Dunbar G, Davidson R: Development of a questionnaire to measure acohol dependence. Br J Addict, 78:89, 1983.

Russell M, Czarnecki DM et al.: Measures of maternal alcohol use as predictors of development in early childood. Alcohol Clin Exp Res, 18:1156, 1991.

Selzer ML: The Michigan Alcoholism Screening Test: The quest for a new diagnostic intrument. Am J Psychiatry, 127:1653, 1971.

Skinner HA: The Drug Abuse Screening Test. Addict Behav, 7:363, 1982.

Stockwell T, Hodgson R et al.: The development of a questionnaire to measure severity of alcohol dependence. Br J Addict, 74:79, 1979.

Stockwell T, Sitharthan T et al.: The measurement of alcohol dependence and impaired control in community sample. Addict, 89:167, 1994.

Wanberg KW, Horn JL, Foster FM: A differential assessment model for alcoolism. The scale of the Alcohol Use Inventory. J Stud Alcohol, 38:512, 1977.

> Lascia un commento   > Torna all'indice

Totale visualizzazioni: 98