Conclusione e Bibliografia

Share this


di Stefano Pini, Adolfo Bandettini di Poggio

Per quanto rapido ed incompleto, questo excursus ci consente di dire che l’insight, piuttosto che un’entità semplice, sembra essere un fenomeno complesso, multidimensionale e sostanzialmente autonomo. In effetti, un paziente può avere un buon insight in una dimensione (ad esempio, la coscienza di malattia) ma non in un’altra (ad esempio, la necessità di un trattamento) ed uno scarso insight può persistere nonostante il miglioramento del quadro clinico nel suo insieme; ed anche le correlazioni tra mancanza di insight ed altri aspetti del quadro clinico (come la maggiore gravità del quadro psicopatologico, la non compliance al trattamento, una prognosi meno favorevole, eccetera) non sono particolarmente strette.

L’insight può essere ancora oggi considerato un’entità elusiva, sfuggente, che gli strumenti di indagine di cui disponiamo non sono capaci di chiarire in maniera soddisfacente.

Se si pensa, tuttavia, che questo problema è stato affrontato con una certa sistematicità soltanto negli ultimi 10-15 anni, possiamo dire di essere su di una buona strada per una migliore comprensione dell’insight. Gli sviluppi futuri dovranno meglio definire le diverse dimensioni dell’insight (dalla consapevolezza della malattia alla percezione del bisogno di trattamento ed alla presa di coscienza psicologica dei cambiamenti di se stessi e del proprio ambiente) e ci dovranno fornire criteri operativi standardizzati per la valutazione diagnostica.

È auspicabile, infine, un maggiore approfondimento delle possibili correlazioni dell’insight con i meccanismi neuropsicologici per poter dare una risposta ai numerosi quesiti che ancora rimangono irrisolti.

BIBLIOGRAFIA

Amador XF, Strauss DH: The Scale to Assess Unawareness of Mental Disorder (SUMD). New York State Psychiatric Institute, Columbia University, New York, 1990.

Bisiach E, Berti A: Dyschiria: An attempt at its systemic explanation. In: Jeannerod M (Ed.) "Consciousness in Contemporary Science", Oxford University Press, New York, 1987.

Cuesta MJ, Peralta V: Lack of insight in schizophrenia. Schizophrenia Bull, 20:359, 1994.

David AS: Insight and psychosis. Br J Psychiatry, 156:798, 1990.

Eisen J, Phillips K et al.: Brown Assessment of Beliefs Scale (BABS). Butler Hospital, Providence, Rhode Island, 1997.

Frith CD: The positive and negative symptoms of schizophrenia reflect impairments in the perception and initiation of action. Psychol Med, 17:631, 1987.

Frith CD, Done DJ: Towards a neuropsychology of schizophrenia. Br J Psychiatry, 153:437, 1989.

Goldberg E, Barr VB: Three possible mechanisms of anawareness of deficit. In: Prigatano GP, Schecter DL (Eds.): "Awareness of Deficit after Brain Injury: Clinical and Theoretical Issue", Oxford University Press, New York, 1991.

Lewis A: The psychopatology of insight. Br J Med Psycol, 14:332, 1934.

Markova IS, Berrios GE: The assessment of insight in clinical psychiatry: A new scale. Acta Psychiat Scand, 86:159, 1992.

McEvoy JP, Appelbaum PS et al.: Why must some schizophrenic patients be involuntarily committed?

The role of insight. Compreh Psychiatry, 30:13, 1989a.

McEvoy JP, Apperson LJ et al.: Insight in schizophrenia: its relationship to acute psychopathology. J Nerv Ment Dis, 177:43, 1989b.

McEvoy JP, Freter Set al.: Insight and the clinical outcome of schizophrenics. J Nerv Ment Dis, 177:48, 1989c.

McGlashan TH, Carpenter WT: Postpsychotic depression in schizophrenia. Arch Gen Psychiatry, 33:231, 1976b.

McGlashan TH, Levy ST, Carpenter WT Jr: Integration and sealing over: Clinically distinct recovery styles from schizophrenia. Arch Gen Psychiatry, 32:1269, 1976a.

Pini S, Cassano GB et al.: Insight into illness in schizophrenia, schizoaffective and mood disorders with psychotic features. Am J Psychiatry, in stampa.

Pini S, Dell’Osso L et al.: Axis I comorbidity in bipolar disorder with psychotic features. Br J Psychiatry, 175: 467, 1999.

Richfield J: An analysis of the concept of insight. Psycoan Quarterly, 23:390, 1954.

Sackeim HA, Wegner AZ: Attributional patterns in depression and euthymia. Arch Gen Psychiatry, 43:553, 1986.

Van Putten T, Crumpton E, Yale C: Drug refusal in schizophrenia and the wish to be crazy. Arch Gen Psychiatry, 33:1443, 1976.

WHO: The International Pilot Study of Schizofrenia. WHO, Geneva, Switzerland, 1973.

> Lascia un commento   > Torna all'indice

Totale visualizzazioni: 95