Riflessioni (in)attuali
Uno sguardo psicoanalitico sulla vita comune
di Sarantis Thanopulos

UCCIDERE PER NON AMARE

Share this
29 settembre, 2014 - 08:45
di Sarantis Thanopulos

A Genova, a Viterbo e a Brescia, questa settimana, tre donne sono state uccise a coltellate dai loro compagni per motivi di gelosia.
In provincia di Napoli un uomo ha preso a martellate la moglie mentre dormiva: l'ha colpita alla testa, tenendola per il collo, e l'ha ridotta in fin di vita. Intervistata da "Il Mattino" un'esperta mediatica di psicologia forense ha attribuito la violenza maschile a stereotipi culturali trasversali che assegnano alla donna una posizione di sottomissione.
Ha parlato di crimini d'odio senza amore commessi da individui emotivamente fragili e assetati di potere che agiscono in modo lucido sotto l'effetto di una gelosia possessiva che gli spinge a controllare e dominare ossessivamente la vita della partner.
Queste opinioni sono largamente condivise da chi lavora nel campo. Secondo la docente di Psicologia Sociale a Caserta, il femminicidio è compiuto da chi considera la donna come oggetto di sua proprietà: "da una parte rabbia e rancore ma dall’altra un possesso totale con cui, io uomo, attraverso l’omicidio sancisco per sempre che ho potere sulla tua vita, togliendotela". Per il responsabile del Centro di Ascolto per Uomini Maltrattanti di Firenze "la violenza è una scelta''.
Non è chiaro cosa si intende come "scelta" nella disumanizzazione dei propri sentimenti che produce una catastrofica distruzione dell'oggetto del desiderio. Più la violenza si diffonde più gli esperti ricorrono, per spiegare l'agire degli assassini, a stereotipi interpretativi generici. Negli uomini che uccidono le donne la violenza è direttamente proporzionale alla loro vulnerabilità psichica, a un senso profondo di impotenza che accompagna i loro sentimenti d'amore che per questo rigettano.
La subalternità femminile, che non è un dato culturale ma un derivato dei rapporti di potere sociali duro da sconfiggere, finisce per esaltare la loro difficoltà di sentirsi capaci di una vera presa sulla donna che vorrebbero amare.
La percezione della propria posizione nel campo erotico assegna loro un ruolo capovolto rispetto al privilegio sociale di cui dispongono: si sentono nelle mani della donna (che non pensano di poter coinvolgere), in preda al suo capriccio che li domina.
Il movimento di emancipazione femminile li frastorna, aumentando l'incertezza del loro senso di identità già precario. Il fatto che il riequilibrio, stentato in realtà, dei rapporti di forza tra i due sessi tende a privilegiare modelli unisex, indifferenzianti, rende la loro confusione più devastante.   
Freud spiegava il delirio di gelosia dell'uomo nei confronti della donna con la negazione di un amore omosessuale per il presunto rivale: "Non amo lui, è lei che l'ama".
L'uomo non può fidarsi del suo amore per la donna se reprime la presenza dentro di lui di un desiderio femminile rivolto all'uomo che gli fa (o potrebbe fargli) concorrenza (a partire dal padre). Questo desiderio gli dà l'intima conoscenza del proprio valore come oggetto desiderato dall'amata e gli consente di identificarsi con lei per capire le sue esigenze.
La vulnerabilità sociale della posizione femminile nell'uomo (spinto nella posizione di un'eccitazione/erezione autoreferenziale), indebolisce l'efficacia della sua offerta amorosa e lo porta a proiettare sulla donna la capacità di amare.
La superiorità, reale o immaginaria, della donna nel campo dell'amore che così si determina crea nell'uomo invidia e rancore ma non è per questo che lui la può uccidere. Nei casi estremi di fragilità maschile uccidere la donna significa uccidere la propria tentazione di amarla vissuta come cadere senza difese nel suo dominio.     

> Lascia un commento


Commenti

Senza voler mancare di rispetto alle vittime, credo che spiegare la violenza sulle donne sottolineando il ruolo subalterno che queste rivestono nel l'immaginario collettivo di alcuni uomini sia una petizione di principio che pecca della stessa natura del fenomeno che si appresta a condannare. Spiegare i femminicidi ricorrendo ad un cortocircuito della mente maschile mi sembra un tentativo che non fa altro che mettere la figura femminile in secondo piano una volta di più. Femminicido...... reato di genere.........mah......è vero che il principio di uguaglianza sostanziale impone alla legge trattamenti differenziati al fine di colmare situazioni di disuguaglianza, ma la diversità dei sessi è realmente una condizione di disuguaglianza? o piuttosto una situazione di differenza che non giustifica un diverso trattamento normativo?
Al di la di queste domande, mi sento di dire che si "rimprovera" sempre l'uomo ed il suo essere violento possessivo cavernicolo.......... mai si fa un accenno alla responsabilità femminile, responsabilità di scelta, responsabilità verso se stesse e di chi avere accanto.
Io credo che si debba smettere di puntare il dito sulla differenza di genere. In una famiglia in cui si arriva a certi orrori possiamo ben pensare che, già molto prima del cortocircuito della violenza (cit), sia stata uccisa la felicità di stare insieme, quell'insieme che si completa di due persone........appunto persone: unico genere!!


Totale visualizzazioni: 573