LE MANI IN PASTA
Psicologie, Psichiatrie e dintorni. Informazione, divulgazione, orientamento e anche disinformazione, errori, dabbenaggini.
di Rolando Ciofi

Dedicato ai soli colleghi psicologi - il professionista, il burocrate, il missionario

Share this
19 agosto, 2015 - 14:59
di Rolando Ciofi

Cara collega, caro collega


Ti chiedo di leggere con attenzione questo comunicato nel quale tenterò non solo di fornirti tutte le ultime novità normative inerenti la nostra professione, tutti i servizi che l'associazione da me diretta mette a disposizione dei colleghi, tutte le anticipazioni che il futuro prossimo venturo, per quanto io sia capace di leggerlo, ci presenta, ma anche una visione "sociale" della nostra comunità professionale.


Negli ultimi due anni la nostra professione (e in generale il mondo delle professioni) è profondamente cambiato quanto alle regole di fondo. 


E' cambiata la professione ma non con altrettanta velocità sono cambiati i professionisti che tuttora potremmo dividere in tre macrocategorie.


1. Lo/a psicologo professionista

2. Lo/a psicoburocrate

3. Lo/a psicologo missionario


1. Lo/a psicologo professionista

E' il collega o la collega che svolge la propria attività lavorativa con particolare abilità e competenza.

Obiettivi del professionista sono essenzialmente due: 1. Risolvere i problemi (essere di aiuto al cliente/paziente che a lui si rivolge), 2. Procacciarsi un (buon) reddito. Tendenzialmente il professionista è laico, incentrato sulla clinica o comunque sulla "pratica", riconosce alla comunità professionale un ruolo di guida ed alla collettività sociale il diritto di dettare le regole di fondo.

Conosco molti professionisti eccellenti, per lo più dediti alla pratica clinica o ad attività nel settore della psicologia giuridica o del lavoro e trovo che il loro comun denominatore sia prevalentemente quello di una buona visione della realtà, di un senso del limite, della capacità di rischiare senza discostarsi troppo dalle regole professionali e deontologiche. Certo semplificando potremmo supporre che la parola chiave del professionista sia concretezza (il rovescio della medaglia è pragmatismo)


2. Lo/a psicoburocrate

E' il collega o la collega, prevalentemente presente nel comparto delle ASL, ma non solo, che esercita le sue mansioni con formalismo eccessivo. Obiettivi dello psicoburocrate sono essenzialmente tre: 1. Mantenere la propria posizione lavorativa e di potere (lo/a psicoburocrate è normalmente, anche se non sempre, dipendente pubblico). 2. Fornire buoni servizi alla collettività (l'interesse è centrato più sul sociale che sul cliente individuale). 3. Assicurarsi possibilità di carriera. 

Conosco psicoburocrati di grande eccellenza, spesso campioni nella gestione delle risorse umane e delle organizzazioni complesse e mi azzarderei a dire che la loro parola d'ordine potrebbe essere mediazione (il rovescio della medaglia è ipocrisia).


3. Lo/a psicologo missionario

E' il collega o la collega che propugna un alto ideale, quello della psicologia o della psicoterapia che se non salveranno il mondo certamente arrecheranno grandi benefici ai loro singoli clienti o pazienti. 

Obiettivi dello/a psicologo missionario sono principalmente due: 1. Salvare (io ti salverò) il proprio cliente paziente dal giogo della malattia e restituirlo ad una vita ricca di soddisfazioni. 2. Propagandare "la fede" nella psicologia. 3. mantenere la propria totale autonomia di giudizio. Nel campo della psicologia ho conosciuto missionari (guru o maestri) meravigliosi che hanno davvero letteralmente "salvato" pazienti che altri avrebbero ritenuto irrecuperabili e credo che una parola che potrebbe accomunarli siacoraggio (il rovescio della medaglia è autoreferenzialità)


Se dovessi personalmente collocarmi in questa griglia, posto che mai una definizione può essere netta, direi che mi collocherei nell'area degli psicologi professionisti con qualche sfumatura (noblesse obligedi psicoburocrateSono stato a lungo sposato con una grande missionaria della psicologia, Patrizia Adami Rook, non più tra noi dal 2007, dalla quale molto ho imparato ed alla quale ho regalato talvolta qualche pizzico di senso pratico.


Fatta questa premessa in certo senso socioprofessionale ti chiedo di cercare, ovunque nelle categorie descritte tu ritenga di poterti collocare, di capire come è la professione oggi e come la nostra associazione abbia messo a punto dei servizi capaci di aiutarti.



Negli anni il Mopi www.mopi.it è andato sempre più caratterizzandosi per i servizi che offre ai colleghi:
 
 
Il servizio più generalista è quello di essere vicino ai propri associati inviando periodicamente informazioni sulle normative che regolano la professione ed essendo disponibile con consulenze mirate nei momenti di difficoltà che nella vita di un professionista possono insorgere (esempio assistenza in caso di procedimenti disciplinari). Questa, che tu sia un professionista, uno psicoburocrate od un missionario, è cosa che nei momenti di necessità potrai apprezzare. 
 
 
Ma ci sono poi molti servizi specifici
 
 
1. I soci Mopi hanno diritto all'aggiornamento permanente (sistema ECM) gratuito http://rolandociofi.blogspot.it/2015/08/dopo-aver-effettuato-un-sondaggio-tra-i.html
 
Se sei uno/a psicologo missionario salta pure questo paragrafo, tanto la tua posizione sarà del tipo "a quasi sessant'anni, con tanta esperienza alle spalle, lavorando come psicoterapeuta, mi domando quale cavolo di corso possa aggiornarmi. Ci aggiorniamo e formiamo, leggendo, lavorando e vivendo con attenzione la realtà che ci circonda." (tratto da un dialogo con una collega su facebook). Potrai rivolgerti al MoPI successivamente ricordando che assistiamo i colleghi sottoposti a procedimento disciplinare e ricordando anche che non pensiamo che la tua posizione sia del tutto insensata.
 
Se invece non appartieni a tale categoria di colleghi ti invitiamo a riflettere su quanto segue.
 
Proprio in questi giorni l'Agenas ha confermato che la formazione continua con il sistema ECM è obbligatoria per tutti gli psicologi che siano pubblici dipententi o liberi professionisti http://rolandociofi.blogspot.it/2014/10/obbligo-ecm-psicologi-lagenas-risponde.html e lo ha poi ancor più ufficialmente ed articolatamente ribadito https://drive.google.com/file/d/0ByNxHeIdR9J0Um1zVkJKemdkUWM/view?usp=sharing
 
Anche gli Ordini degli psicologi, sia pure in ordine sparso e lentamente stanno adeguandosi 
 
 
 
Ordine degli psicologi della Lombardia "Un chiarimento definitivo in tema ECM"

Il Mopi è comunque dell'avviso che, finchè non vi siano ulteriori indicazioni sia preciso diritto dei colleghi conoscere la normativa professionale di riferimento e che, sul tema dell'aggiornamento permanente la normativa di riferimento attuale sia quella del sistema ECM. 

 
Per questo motivo già dal 2013 abbiamo messo a disposizione dei colleghi la possibilità di aggiornarsi gratuitamente attraverso una serie di corsi on line, accreditati ECM che l'associazione  mette a disposizione dei propri iscritti http://rolandociofi.blogspot.it/2015/08/dopo-aver-effettuato-un-sondaggio-tra-i.html

(La Commissione nazionale per la Formazione Continua ha determinato che il debito formativo per tutte le professioni è di 150 crediti anche per il triennio 2014-2016Diversamente dal triennio precedente tutti i crediti possono essere ottenuti mediante la partecipazione a corsi FAD senza più alcuna limitazione.)
 
2. I Soci Mopi hanno diritto alla posta elettronica certificata (obbligatoria per legge) gratuita
Articolo 16 decreto legge 185/2008.  Se sei uno/a psicoburocrate non avrai certo bisogno di questo nostro servizio, avrai già da tempo provveduto autonomamente ad adeguarti. Ma se sei un professionista non tanto organizzato o uno psicologo missionario che non bada tanto a questi vili dettagli sappi che è sufficiente farne richiesta alla segreteria info@mopi.it compilando la prevista modulistica. 
 

3. I soci Mopi possono se credono convenzionarsi con Unisalute spa (gruppo Unipol-Sai)  che di tanto in tanto può inviare loro clienti (la tariffa convenzionata è 75 euro a seduta) 
Questa è cosa che penso possa esserti gradita a qualunque categoria di psicologi tu appartenga. Va detto tra l'altro che, come noto, da poco più di un anno il gruppo Unipol ha incorporato Sai- Fondiaria-Previdente. Ed Unisalute è diventata il braccio, nel settore sanitario, di tale gruppo. Gli invii ai colleghi stanno esponenzialmente aumentando in questi ultimi mesi.
Se sei già convenzionato o se intendi convenzionarti ti informiamo del fatto che, ritenendo ormai chiara l'applicazione del  D.L. 13 agosto 2011, n. 138 a far data dal 01/01/2016 ti richiederemo per mantenere il convenzionamento la dimostrazione di avere acquisito i crediti ECM necessari.
 
4. I soci Mopi sono inseriti nelle nostre reti di visibilità  http://www.relazionediaiuto.it/default.asp
In analogia con il punto 3 anche per essere inseriti nelle reti di visibilità dal 01/01/2016 sarà necessario avere acquisito i crediti necessari allo svolgimento della professione.
 
5. Quando i soci hanno collaborato con l'associazione attraverso loro interventi scritti tali interventi vengono raccolti nel blog e dunque resi disponibili in qualunque momento.quella che segue è una pagina di esempio http://rolandociofi.blogspot.it/search/label/Rolando%20Ciofi  . E' riferita a me per non violare la privacy di nessuno ma ogni socio che con noi abbia pubblicato ha la propria pagina sul blog.
 
Ti ricordo infine due adempimenti relativamente ai quali non abbiamo servizi diretti ma che vale la pena sottolineare in quanto obblighi di legge:
 
1.  Art. 15, d.l. 18 ottobre 2012, n. 179 (convertito in l. n. 221/2012) Pos (accettazione pagamenti con carta di credito) Obbligatorio (dal 30 giugno 2014). Da notare che  la legge ha istituito un obbligo, a richiesta del cliente, ma non sanzionato: se il cliente rifiuta di pagare con altre modalità il credito del professionista permane e il primo si considera inadempiente. In ogni caso vi sono, oltre a quelle offerte dalla propria banca proposte molto interessanti a costi irrilevanti che consentono di adempiere all'obbligo senza particolari aggravi. Gli interessati possono consultare questo link. 
 
2.  Dpr 137/2012 Obbligatorietà dell'assicurazione contro i rischi professionali (da 13 agosto 2014) Come certamente saprai, CAMPI, associazione senza finalità di lucro, già da moltissimi anni offre alla categoria degli psicologi e degli psicoterapeuti una convenzione per l’assicurazione della RC professionale che, via via, è stata sempre aggiornata ed ampliata e rappresenta oggi in assoluto la migliore soluzione per provvedere in modo completo ed economico a questa copertura assicurativa.  A tutt’oggi il costo annuo per questo tipo di polizza varia da € 32,00 a € 60,00, a seconda del massimale prescelto, (vedi dettagli sul Notiziario presente sul sito www.cassamutuapsicologi.it ) e decorre dal 31 ottobre di ogni anno (è possibile anche pagare il premio semestralmente). Ricordiamo che la copertura è erogata tramite la Allianz, primaria compagnia europea di assicurazioni.
 

In conclusione a qualunque categoria di psicologi tu appartenga il Mopi cerca di esserti vicino, di tenerti informato/a e di darti una mano nel tuo percorso professionale. 

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 656