Traiettorie, non destinazioni
Terzo millennio: appunti di cinema, psichiatria e mass-media
di Massimo Lanzaro

Quasi un sondaggio, piuttosto che una recensione, per chi ha visto Irrational Man di Woody Allen

Share this
4 gennaio, 2016 - 14:46
di Massimo Lanzaro
Scritto e diretto da Woody Allen “Irrational Man” è magistralmente interpretato da   Joaquin Phoenix e Emma Stone.

Forse definibile solo forzatamente una commedia noir, o forse un thriller intessuto di filosofia. Vi si narra di Abe Lucas, professore di filosofia in piena crisi esistenziale che si trasferisce per lavorare nel college Brailyn. Lì conoscerà Rita, collega con cui inizierà una relazione e Jill, una studentessa "interessata a lui".

La mia domanda, per chi ha visto il film è questa: secondo voi il protagonista è "irrazionale" (come dice il titolo) o francamente delirante?
E se fosse processato Abe Lucas sarebbe imputabile per quello che ha fatto?

Personalmente ci sto ancora riflettendo. Alcuni colleghi hanno riscontrato una sindrome bipolare. Altri dicono che non c'è alcuna patologia diagnosticabile.

- SPOILER -
Vorrei anche suggerire di prendere in considerazione l'ipotesi diagnostica di un disturbo o sindrome  delirante cronica, con il nucleo delirante polarizzato su una missione speciale (quindi in un certo senso di grandezza): "uccidere un uomo cattivo per migliorare il mondo". In questo caso l'imputabilità non sarebbe più così netta. Cosa ne dite?

 

Vedi il video
> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 146