LO PSICOANALISTA E LA CITTA'
Riflessioni sulla vita contemporanea
di Massimo Recalcati

Si fa presto a dire famiglia

Share this
2 maggio, 2016 - 13:44
di Massimo Recalcati

Famiglia è ancora una parola decente che può essere pronunciata senza provocare irritazione, fanatismi o allergie ideologiche? Famiglia è ancora una condizione fondamentale e irrinunciabile del processo di umanizzazione della vita oppure è un tabù da sfatare?
Se c'è stato un tempo nel quale essa appariva circondata da un alone di sacralità inviolabile non rischia forse oggi di essere condannata come una sopravvivenza ottusa della civiltà patriarcale?
Sono solo i cattolici più intransigenti a sostenere la sua esistenza come indispensabile alla vita umana?

Dal punto di vista laico della psicoanalisi la famiglia resta una condizione essenziale per lo sviluppo psichico ed esistenziale dell'essere umano. La vita umana ha bisogno di casa, radici, appartenenza.
Essa non si accontenta di vivere biologicamente, ma esige di essere umanamente riconosciuta come vita dotata di senso e di valore. Lo mostrava "sperimentalmente" un vecchio studio di Renè Spitz sui bambini inglesi orfani di guerra che dovettero subire il trauma della ospedalizzazione ( Il primo anno di vita del bambino, Giunti 2009).
La solerzia impeccabile delle cure somministrate dalle infermiere del reparto nel soddisfare tutti i bisogni cosiddetti primari dei bambini non erano sufficienti a trasmettere loro il segno irrinunciabile dell'amore. Effetto: cadute depressive gravi, anoressia, abulia, marasma, stati di angoscia, decessi. Se la vita del figlio non è raccolta e riconosciuta dal desiderio dell'Altro, resta una vita mutilata, cade nell'insignificanza, si perde, non eredita il sentimento della vita. Non è forse questa la funzione primaria e insostituibile di una famiglia?
Accogliere la vita che viene alla luce del mondo, offrirle una cura capace di riconoscere la particolarità del figlio, rispondere alla domanda angosciata del bambino donando la propria presenza.
La clinica psicoanalitica ha riconosciuto da sempre l'importanza delle prime risposte dei genitori al grido del figlio. Non si tratta solo di soddisfare i bisogni primari perché la vita umana non è la vita di una pianta, né quella dell'animale, non esige solo il soddisfacimento dei bisogni, ma domanda la presenza del desiderio dell'Altro; vive, si nutre del desiderio dell'Altro.
La vita umana non vive di solo pane, ma dei segni che testimoniano l'amore. L'attualità politica ci impone a questo punto una domanda inaggirabile: tutto questo concerne la natura del sesso dei genitori? Essere capaci di rispondere alla domanda d'amore del figlio dipende dalla esistenza di una coppia cosiddetta eterosessuale?
La famiglia come luogo dove la vita del figlio viene accolta e riconosciuta come vita unica e insostituibile – ogni figlio è sempre "figlio unico" , afferma Levinas,– è un dato naturale, un evento della biologia?
Siamo sicuri che l'amore di cui i figli si nutrono scaturisca, come l'ovulo o lo spermatozoo, dalla dimensione materialistica della biologia? Esiste davvero qualcosa come un istinto materno o un istinto paterno o forse queste formulazioni che riflettono una concezione naturale della famiglia contengono una profonda e insuperabile contraddizione in termini? Se, infatti, quello che nutre la vita rendendola umana non è il "seno", ma il "segno" dell'amore, possiamo davvero ridurre la famiglia all'evento biologico della generazione? Non saremmo invece obbligati a considerare, più coerentemente, che un padre non può essere mai ridotto allo spermatozoo così come una madre non può mai essere ridotta ad un ovulo?
La domanda si allarga inevitabilmente: cosa significa davvero diventare genitori?
Lo si diventa biologicamente o quando si riconosce con un gesto simbolico il proprio figlio assumendosi nei suoi confronti una responsabilità illimitata?
Le due cose non si escludono ovviamente, ma senza quel gesto la generazione biologica non è un evento sufficiente a fondare la genitorialità. In questo senso Françoise Dolto affermava che tutti i genitori sono genitori adottivi. Generare un figlio non significa già essere madri o padri.
Ci vuole sempre un supplemento ultra- biologico, estraneo alla natura, un atto simbolico, una decisione, un'assunzione etica di responsabilità. Un padre e una madre biologica possono generare figli disinteressandosi completamente del loro destino. Meritano davvero di essere definiti padri e madri?
E quanti genitori adottivi hanno invece realizzato pienamente il senso dell'essere padre e dell'essere madre pur non avendo alcuna relazione biologico-naturale coi loro figli?
Questo ragionamento ci spinge a riconsiderare l'incidenza del sesso dei genitori. Ho già ricordato come l'amore sia a fondamento della vita del figlio. Ma l'amore ha un sesso? Prendiamo come punto di partenza una formula di Lacan: "l'amore è sempre eterosessuale". Come dobbiamo intendere seriamente l'eterosessualità?
Questa nozione, per come Lacan la situa a fondamento dell'amore, non può essere appiattita sulla differenza anatomica dei sessi secondo una logica elementare che li differenzia a partire dalla presenza o meno dell'attributo fallico. L'amore è eterosessuale nel senso che è sempre e solo amore per l'Altro, per l'eteros. E questo può accadere in una coppia gay, lesbica o eterosessuale in senso anatomico. Non è certo l'eterosessualità anatomica – come l'esperienza clinica ci insegna quotidianamente – ad assicurare la presenza dell'amore per l'eteros! È invece solo l'eterosessualità dell'amore a determinare le condizioni migliori affinchè la vita del figlio possa trovare il suo ossigeno irrinunciabile.

Vedi il video
> Lascia un commento


Commenti

La RIngrazio.
E' da molto tempo che non mi commuovevo nel merito, essendo io un fan di Erode, tra l'altro...

La mia riflessione ulteriore, per quel che vale, sul segno dell'utero, che ossessiona tante false femministe, oggettivamente omofobe.

No. Forse volevo dire altro.

Sappiamo dal '45, grazie ad Alan Turing e lo confermano gli studi di neuroscienze, che non esiste nessuna differenza significativa tra un cervello maschile e femminile. E' impossibile riconoscere attraverso un testo il genere dello o della scrivente. Ogni lezione della psicanalisi sulle differenze di genere soffre del bias di essere nato dal pregiudizio di avere di fronte un maschio, una donna, una persona virile, una persona effeminata, una persona vestita da uomo, da donna...in un binarismo infinito, interrotto solamente dalle persone queer, rarissime perle della fantasia umana, capaci di essere sè stesse in ogni circostanza critica che la cultura manichea del genere ci imponga.
Crolla tutta la teoria metafisica sulle persone transessuali, che falsificano notoriamente la propria psicoterapia obbligatoria, per ottenere quel cambiamento estetico che non verrebbe negato mai alle persone cisgender, solo per il tabù del crossgender. Crollerebbero tutte queste parole sempre più prive di senso. Ci sarebbero solo persone felici di avere un seno o un pene, una vagina o un petto villoso, indipendentemente dalle circostanze che la società interpreta come tabù invalicabili.
Crolla la teoria dell'amore materno, virtù metafisica innaturale, perché il suo recente surrogato paterno altro non sarebbe che la stessa identica forma di amore verso i piccoli della specie umana, priva di connotazione di genere, cui solamente gli ormoni, forse, la gravidanza e l'allattamento, forse, l'abitudine alla relazione e le circostanze sociali e culturali, forse, impongono con maggiore credito e valore alle sole partorienti, costruendo su di loro archetipi e norme, fantasie e marketing.
Restano solamente gli esseri umani, tutti uguali dal punto di vista dei bisogni e quindi tutti diversi nei propri comportamenti, che affrontano il desiderio di genitorialità con gli stessi strumenti e con la stessa capacità di altruismo necessaria alla cura del neonati e dei bambini, qualunque sia la loro origine biologica.


Totale visualizzazioni: 96