UN LIBRO E UNA TAZZA DI TÈ
“Un libro ben scelto ti salva da qualsiasi cosa, persino da te stesso” D. Pennac
di Marzia Simona Giansante

NELLA SETTA di Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni

Share this
15 giugno, 2019 - 02:49
di Marzia Simona Giansante
Autori: Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni
Titolo: Nella Setta
Editore: Fandango Libri
Collana: Documenti
Anno edizione: 2018
Pagine: 365
Prezzo: 15,72 Euro

Ci si imbatte, a volte, in qualche articolo di giornale o in qualche dibattito televisivo che affronta la tematica trattata in questo libro. Sparisce qualcuno e puntualmente una delle ipotesi proposte dai media e discusse nei salotti televisivi è che lo scomparso in questione sia “finito in qualche setta”. 

Ma cosa sono le sette? Quali sono e come funzionano? Come si entra in una setta e cosa accade dopo? 


 
Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni hanno risposto a queste domande dopo aver svolto un lodevole e minuzioso lavoro di ricerca. Hanno infatti raccolto dati e testimonianze, hanno visionato bilanci, visure camerali, documenti e hanno dato una voce ad un mondo che tende ad essere silenzioso, muto, un mondo che si nasconde volutamente perché, si sa, è nella scarsa informazione che l’illecito si muove meglio e si potenzia. 
“Nella Setta” è un’inchiesta giornalistica ben strutturata ed esaustiva che apre le porte sul mondo sconosciuto di alcune tra le più importanti organizzazioni religiose o simil-religiose, da Scientology alla città stato di Damanhur, dal Forteto del Mugello alla comunità piemontese Durjaya e alla Soka Gakkai ma anche ad altre comunità più piccole e meno note.
Gli Autori spiegano come queste associazioni siano in realtà luoghi all’interno dei quali frequentemente si verificano plagi, soprusi e illeciti di diverso tipo che talvolta sconfinano nell’abuso e nel maltrattamento sia fisico che psicologico. Il ruolo della donna viene descritto come marginale, inferiore, talvolta alla stregua di una schiava. Flavia Piccinni e Carmine Gazzanni illustrano inoltre i numerosissimi legami politici e gli sbalorditivi volumi d’affari che ruotano attorno a queste organizzazioni. Apprendere, numeri alla mano, la portata delle adesioni (quattro milioni in Italia) fa rabbrividire. Conoscere l’entità delle donazioni elargite dagli adepti è assolutamente sconvolgente ma ancora di più lo è scoprire che molti di loro hanno perso casa e risparmi per sostenere la propria ascesa in una di queste “sette”.  Le testimonianze raccolte dagli Autori sono documenti preziosi che spiegano dettagliatamente le tecniche di reclutamento utilizzate: il love-bombing (esagerate manifestazioni di affetto, stima e amicizia), la manipolazione mentale (che induce dipendenza emotiva acritica), lo spionaggio e la creazione di dossier personali (da utilizzare per screditare chi volesse uscire), richieste di lavoro estenuante a titolo gratuito, richieste di ingenti somme di denaro, richiesta di fedeltà assoluta al guru, alla guida spirituale o al maestro.
Realtà decisamente inquietanti.
Da professionista operante nell’ambito psichiatrico ho trovato, in questo libro, grandi spazi di riflessione soprattutto relativamente alla povertà emotivo/affettiva che emerge sul piano sociale odierno.  È come se la società, così come è strutturata, non fosse adeguata a rispondere ai reali bisogni della gente che, per questo motivo, cerca ovunque una sorta di affiliazione, di identità e di protezione comunitaria di cui si sente evidentemente sprovvista.  
Un libro che senza dubbio desta molto interesse.  
Buona lettura! 
> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 207