LA BOTTEGA DEL POETA

Share this


Canale Tematico YouTube di Psychiatry on line Italia
http://www.youtube.com/PsychiatryonlineITA1
IN DIRETTA STREAMING ALLE ORE PREVISTE
Da 20 settembre, 2021 - 00:00 a 6 giugno, 2022 - 00:00

LA BOTTEGA DEL POETA 

Rassegna di incontri con poeti e poesia condotti da Gabrio Vitali 

 

La rassegna organizza tre cicli di incontri, ciascuno di sei appuntamenti settimanali, con poetesse e poeti contemporanei, invitati a dialogare col conduttore sul loro laboratorio poetico nella realtà linguistica e culturale di oggi. 

 

Presentazione 

 

Un aspetto importante della crisi evolutiva globale, che la pandemia ci ha drammaticamente rivelato e che ancora attraversiamo con incertezza e fatica, si presenta nella nostra più minuta quotidianità anche come crisi linguistica, vale a dire come il venir meno di quella strumentazione espressiva e cognitiva che l’umanità ha sviluppato per prendere coscienza del mondo e di  stessa, per inventare e trasmettere tecnica e scrittura, per costruire insomma cultura, storia e civiltà. Questa strumentazione si rivela oggi come inefficace, perché ha subito e subisce processi di semplificazione e di omologazione dei linguaggi, che inducono processi analoghi nel pensiero e nel sentimento e che impediscono di leggere e di pensare la realtà secondo nuovi paradigmi. Per queste ragioni, il mestiere che un poeta svolge nella propria bottega, è un lavoro di salvaguardia e di rinnovamento della lingua e della parola di cui la nostra civiltà ha, oggi più che mai, grande bisogno. Esso, infatti, ha un valore antropologico e non solo letterario. Scegliendo certe parole, evidenziandone una particolare sonorità, posizionandole in un certo modo nel verso, associandole a una o più aree di significato, intrecciandole con altre parole, facendole risuonare insieme o in contrappunto, il poeta prende una posizione sul mondo e costruisce l’espressione di un lacerto, piccolo o grande, dell’esperienza che l’uomo fa (o può fare) della vita o di un suo aspetto e del mondo in cui essa si svolge. La comunica poi a noi, cadenzandola nel respiro della sua voce che diventa verso, e chiama la nostra risposta nell’adesione e nello sforzo di interpretazione, che siamo liberi di fare rispetto a quanto ci viene detto prendendo a nostra volta posizione. È così che, mobilitando la sua tecnica nei repertori semantici, fonetici, sintattici e metrici della sua lingua, il poeta ci ri-vela (cioè mette il velo di un nuovo o perduto significato a…) qualcosa su di noi e sulla vita che prima non sapevamo e che, quindi, in qualche modo per noi «non c’era». Egli ci restituisce così continue possibilità di parola, di significato e di valore per comprendere la nostra vita e la nostra storia di uomini. E questo accresce di continuo il nostro possesso dell’esperienza umana e civile raccolta nella lingua e la nostra riflessione su di essa.  Si tratta di una vera e propria opera di restituzione di possibilità di pensiero e di sentimento sulla vicenda dell’uomo e sul suo senso, oggi più che mai necessaria per tutti. Leggere e indagare la poesia, ascoltare i poeti è insomma, un’opera di continua rieducazione alla civiltà e al valore delle parole che la sostanziano, la rappresentano e la comunicano. 

 

 

1° Ciclo. Settembre/Ottobre 2021 
 

Programma 

 

Lunedì, 20 settembre 2021 

Rapsodie di racconto e canto 

Incontro con Paolo Fabrizio Iacuzzi 
 

PAOLO FABRIZIO IACUZZI (Pistoia, 1961) vive tra Firenze e Pistoia. Ha esordito sulla rivista «L’altro versante». È presente in diverse antologie, ed è tradotto all’estero in inglese e francese. Nel 1996 ha pubblicato Magnificat (Bologna, I Quaderni del Battello Ebbro); nel 2000 Jacquerie (Torino, Nino Aragno Editore); nel 2005 Patricidio (Torino, Nino Aragno Editore); nel 2008 Rosso degli affetti (Torino, Nino Aragno Editore), nel 2016 Pietra della pazzia (Giorgio Tesi Editore), nel 2018 Folla delle vene (Corsiero Editore), Consegnati al silenzio (Bompiani Editore). Ha partecipato a Sospeo respiro – Poesia di pandemia (Moretti&Vitali, 2020) con la silloge Fiabucce per una madre.

Ha tradotto LeRoi Jones nell’antologia Kerouac and Co. (Stampa alternativa 1995) e Lunch Poems di Frank O’Hara (Mondadori, 1998). Ha scritto saggi e note critiche d’arte e di critica letteraria su figure emblematiche di poeti e scrittori del Novecento. Ha curato l’antologia di racconti e poesie Il tempo del Ceppo (Giunti 1997) e, con altri, Lezioni di poesia (Le Lettere 2000) e Dizionario della libertà (Passigli 2002). Si occupa di editoria, critica letteraria e promozione culturale. In particolare, per Giunti Editore è il curatore di Passepartout collana di “classici con le parole dei contemporanei”. È il curatore delle opere di Piero Bigongiari ed è direttore scientifico del Fondo Bigongiari della Biblioteca San Giorgio di Pistoia. É il presidente e il direttore artistico del Premio Letterario Internazionale Ceppo. www.paolofabrizioiacuzzi.it

 

Lunedì, 27 settembre 2021 

La necessità della parola poetica 

Incontro con Laura Corraducci 
 

LAURA CORRADUCCI (Pesaro, 1974) è insegnante di inglese. Nel 2007 pubblica il suo primo libro di poesie con Edizioni Del Leone dal titolo Lux Renova. Suoi inediti sono apparsi su Punto. Almanacco della poesia italiana 2014, edizione Puntoacapo e, con nota critica di Giancarlo Pontiggia, su Gradiva. Almanacco dei poeti e della poesia contemporanea 2, Raffaelli editore. Dal 2012 organizza, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della sua città, la rassegna poetica “Vaghe stelle dell’Orsa” dedicata alla poesia contemporanea italiana e straniera che ha visto come ospiti poeti fra i più importanti del panorama letterario italiano e straniero. Nel 2015 per Raffaelli editore pubblica la sua seconda raccolta poetica dal titolo Il Canto di Cecilia e altre poesie che si classifica al secondo posto nel concorso poetico “Premio di poesia Camposampiero 2016”. Ha scritto e portato in scena il recital poetico Dell’amore, della parola e di altri tormenti. Sue poesie sono state tradotte in lingua spagnola, inglese, olandese, rumena e portoghese. Ha tradotto il libro Dire sì in russo della poetessa inglese Caroline Clark, poesie della poetessa turca Muesser Yehniay e del poeta americano Bill Wolak. É stata ospite per la Giornata Mondiale della Poesia all’IIC di Cracovia nel 2018 e a diversi festival internazionali di poesia.

Il passo dell’obbedienza (2020) edito Moretti&Vitali è il suo terzo libro di poesie, presentato nel febbraio 2021 all’ICC di Bruxelles per l’associazione italo- belga “Allez les Marche, italiani a Bruxelles”.

 

 

Lunedì, 4 ottobre 2021 

Poesia come lavoro e come ecologia 

Incontro con Alberto Bertoni 
 

ALBERTO BERTONI (Modena, 1955), insegna Letteratura italiana contemporanea e Poesia del Novecento all’Università di Bologna. In poesia, dopo una serie di opuscoli, libretti, plaquettes inaugurata nel 1981, ha esordito con il volume Lettere stagionali (Book Editore, 1996, con una nota di Giovanni Giudici), a inaugurare una sequenza di sette libri, conclusa fino a oggi da Traversate (SEF, Firenze 2014, prefazione di Paolo Valesio) e dalla silloge Poesie 1980-2014, Nino Aragno Editore, Torino 2018. Per riscontro critico e vendite, spiccano tra loro le tre edizioni di Ricordi di Alzheimer (2008, 2012, 2016), pubblicate da Book Editore e accompagnate da una poesia in versi pavanesi di Francesco Guccini oltre che da una nota critica di Milo De Angelis. Suoi testi sono stati tradotti in russo, inglese, francese, ceco, ungherese, arabo e romeno (Amintiri din Alzheimer. O poveste, Eikon, Bucuresti 2017, traduzione e cura di Eliza Macadan). Una sua antologia poetica è stata tradotta e pubblicata in lingua spagnola: El guardian del lugàr, Biblioteca fip, Granada 2010 (traduzione e cura di Raquel Lanseros e Fernando Valverde). Per Book Editore dirige le collane di poesia contemporanea “Fuoricasa” e “Quaderni di Fuoricasa”; per il Corsiero Editore la collana “Strumenti umani”. Ha partecipato a Sospeo respiro – Poesia di pandemia (Moretti&Vitali, 2020) con la silloge Diario poetico e impoetico; per la bianca Einaudi ha pubblicato infine L’isola dei topi (2021).

Sul versante critico, è autore dell’antologia di poesia contemporanea Trent’anni di Novecento (Book, 2005). E a lui si devono diversi articoli, interventi militanti, saggi e volumi di argomento novecentesco. In particolare, conviene ricordare i libri curati per le edizioni del Mulino, dai Taccuini 1915-21 di Filippo Tommaso Marinetti (1987) al lavoro metrico Dai simbolisti al Novecento. Le origini del verso libero italiano (1995), fino al “manuale” La poesia. Come si legge e come si scrive (2006) e a La poesia contemporanea (2012), cui si possono aggiungere le monografie dedicate a Giovanni Giudici (2001) ed Eugenio Montale (2014), pure edite da Book, Scrittori da un ducato in fiamme (2016), pubblicato dal Corsiero e dedicato a Silvio D’Arzo e Antonio Delfini. A ciò si aggiungono, più di recente, i volumi Poesia italiana dal Novecento a oggi, Marietti 1820, Bologna 2019; e Una questione finale. Pensiero e poesia da Auschwitz, Book Editore, Riva del Po (FE) 2020. Per i “Meridiani” Mondadori ha curato nel 2010 l’edizione dei Romanzi di Alberto Bevilacqua. E per gli Oscar Mondadori ha curato i “Tutte le poesie” di Alberto Bevilacqua, Pier Luigi Bacchini e Maurizio Cucchi.

 

 

Lunedì, 11 ottobre 2021 

Nuovo Medioevo 

Incontro con Francesca Serragnoli 
 

FRANCESCA SERRAGNOLI (Bologna, 1972) è laureata in Lettere Moderne (1997) e in Scienze Religiose (2020). Ha lavorato presso il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna. Ha pubblicato le raccolte Il fianco dove appoggiare un figlio (Bologna 2003, nuova ed. Raffaelli Ed. 2012), Il rubino del martedì (Raffaelli Ed., 2010), Aprile di là (LietoColle – collana Pordenonelegge, 2016), La quasi notte (MC Edizioni, 2020). Suoi testi sono stati tradotti in inglese, turco, spagnolo, russo, romeno, georgiano e sono apparsi in varie riviste e antologie italiane ed estere, fra le quali: I cercatori d’oro, a cura di D. Rondoni (Forlì, La Nuova Agape, 2000); Nuovissima poesia italiana, a cura di M. Cucchi e A. Riccardi (Mondadori, 2004); Mosse per la guerra dei talenti, a cura di Marco Merlin (Fara Editore, 2007);  La stella polare, a cura di D. Brullo (Città Nuova, 2008); Jardines secretos, Joven Poesìa Italiana, a cura di E. Coco (Sial, Madrid, 2008); Qui regna amor, antologia poesia italiana in cd (Argentina); Mana scrie sunetul, a cura di E. Macadan (Eiekon, Bucarest, 2014); Aproape noapte (Eiekon, Bucarest 2019), trad. A. Macadan; Esplendor en las sombras – Tres voces italianas contemporáneas, a cura di E. Tardonato Faliere e M. C. Micetich (Editorial Hdj, Buenos Aires, 2016); Essere delle foto, Mini-antologia della poesia italiana contemporanea, Editrice Free Poetry 2018 (Russia); Abril de allá, Edizione bilingue. Traduzione di Maria Cecilia Micetich (Editorial Hdj, Buenos Aires, 2020).

 

 

Lunedì, 18 ottobre 2021 

Il suono, la voce e la partitura 

Incontro con Giacomo Trinci 
 

GIACOMO TRINCI (Pistoia, 1960) si è laureato presso l’Università degli studi di Firenze.

In poesia, ha pubblicato Cella, ed. Pananti (1994); Voci dal sottosuolo, ed. l’Obliquo (1996); Telemachia, ed. Marsilio (1999); Resto di me, ed. Aragno (2001); Autobiografia di un burattino, ed. Gli Ori (2004); Senz’altro pensiero, ed. Aragno (2006); La cadenza e il canto, ed. Via del vento (2007); Inter nos, ed. Aragno (2013) Premio Betocchi 2013. Ha partecipato a Sospeo respiro – Poesia di pandemia (Moretti&Vitali, 2020) con la silloge Presa di fiato.

In prosa, sono invece i racconti nell'antologia Camere con vista, ed. Festina Lente (1994). Con F. M. Corrao ha curato la versione poetica della raccolta “Nella pietra e nel vento” di Adonis ed. Mesogea e il volume della poesia Araba ed. “La Repubblica”. È stato redattore della rivista di letteratura “Pioggia Obliqua” e ha collaborato al periodico di letteratura “Stilos”, ad “Alias” de “Il Manifesto”, alla rivista letteraria del Gabinetto Vieusseux. È tradotto in spagnolo, arabo, inglese.

 

 

Lunedì, 25 ottobre 2021 

Il racconto delle pianure 

Incontro con Nadia Agustoni 
 

NADIA AGUSTONI (Bergamo, 1964) scrive poesie e saggi. Suoi testi sono su riviste, antologie (anche in traduzioni) e lit-blog. Tra i suoi libri del 2021 è La casa è nera Vydia edizioni, del 2020 Gli alberi bianchi Gialla oro Pordenonelegge-Lietocolle, del 2017 I Necrologi La Camera verde, del 2016 Racconto Aragno, del 2015 Lettere della fine Vydia editore premio ex equo Bologna in Lettere Interferenze 2017, e la silloge [Mittente sconosciuto] Isola Edizioni; del 2013 è il libro-poemetto Il mondo nelle cose (LietoColle). Del 2011 è Il peso di pianura LietoColle. Vive a Bagnatica, vicino a Bergamo.

 

__________________________________________ 

 

Appuntamenti successivi: 

 

2° Ciclo. Gennaio/Febbraio  

Lunedì, 24 gennaio 2022 

Giancarlo Sissa 

 

Lunedì, 30 gennaio 2022 

Maria Luisa Vezzali 

 

Lunedì, 7 febbraio 2022 

Tommaso Di Francesco 

 

Lunedì, 14 febbraio 2022 

Franca Grisoni 

 

Lunedì, 21 febbraio 2022 

Pasquale Di Palmo 

 

Lunedì, 28 febbraio 2022 

Gabriella Galzio 

__________________________________ 

 

3° Ciclo. Maggio/Giugno 2022 

Lunedì, 2 maggio 2022 

Lino Angiuli 

 

Lunedì, 9 maggio 2022 

Giusi Quarenghi 

 

Lunedì, 16 maggio 2022 

Remo Rapino 

 

Lunedì, 23 maggio 2022 

Paola Loreto 

 

Lunedì, 30 maggio 2022 

Marcello Marciani 

 

Lunedì, 6 giugno 2022 

Marisa Brecciaroli 

 

 

 

> Lascia un commento

Totale visualizzazioni: 233