Un metodo di Counseling basato sul Modello Pragmatico Elementare: un Programma di applicazione delle frasi in rete, Piero De Giacomo e coll. Università di Bari

Share this
3 dicembre, 2012 - 17:41

Sarà presentato un metodo di intervento psicologico in rete basato sull'uso di frasi a forte impatto psicologico. Tali frasi derivano da un Modello delle interazioni e dei cambiamenti che è stato oggetto di numerosi lavori. Con metodi statistici, utilizzando campioni di soggetti normali e patologici, sono state selezionate 31 frasi che saranno presentate nel Meeting.
Il rapporto con il cliente in rete deve avvenire sulla base di un contratto che prevede come obbiettivo il raggiungere una maggiore conoscenza di sé stesso, cioè una approfondimento cognitivo della sua organizzazione mentale.
Il processo è il seguente: Il cliente sceglie una frase fra quelle assegnate e la utilizza come una sorta di tema destinato all'approfondimento di sé stesso: oggetto del lavoro del cliente sarà il perché ha scelto la frase che ha scelto, come si inserisce nelle sue convinzioni, quali associazioni suscita in lui, quali episodi della sua vita vengono evocati dalla frase scelta, come rielaborerebbe la frase da un suo punto di vista, quale storia costruirebbe sulla base della frase. Gli sarà inoltre fornita una griglia di risposte previste dal Modello Pragmatico Elementare ed egli dovrà contrassegnare quella che più corrisponde al suo punto di vista ed un test “Come vedi te stesso” che definisce le caratteristiche del cliente sul piano relazionale secondo il Modello Pragmatico Elementare. Alla seduta successiva il paziente presenta il suo elaborato che viene discusso interattivamente col terapista. Alla fine della seduta telematica prima di chiudere, sceglie una seconda frase. La seconda frase viene elaborata nella stessa maniera della prima ed il prodotto della elaborazione viene presentato alla terza seduta dove viene discusso interattivamente col terapista. Alla fine viene scelta una terza frase che va incontro alla stessa procedura, e così via per un complesso di dieci sedute. Alla decima seduta si fa una sintesi generale: interagendo col cliente si cerca di definire cosa è emerso dal lavoro delle dieci sedute. Si cerca di cogliere che cosa il paziente ha capito di se stesso. Viene riempito nuovamente il test “Come vedi te stesso” e si fa una valutazione del trattamento su quattro livelli (Ottimo, Buono, Mediocre, Nullo).

Silvestri A., De Giacomo P., Pierri G., Lefons E., Pazienza M.T., Tangorra F. A Basic Model of Interacting Subjects. Cybernetic and System: An International Journal, 11:115-129, 1980
De Giacomo P., Pierri G., Lefons E., Mich L. A technique to simulate human interaction: ralational styles leading to a schizophrenic communication pattern and back to normal. Acta Psychiatr Scand 1990: 82: 413-419.
De Giacomo P., De Nigris S. Computer Workbooks in Psychotherapy with Psychiatric Patients. Distance Writing and Computer-Assisted Interventions in Psychiatry and Mental Health. Edited by Luciano L'Abate. Ablex publishing. Westport, Connecticut, London. 2001

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 601