INTERVISTA A BRUNO CALLIERI (Università La Sapienza, Roma)

Share this
30 novembre, 2012 - 14:30

Domanda: Oggi è possibile parlare di guarigione per la schizofrenia?

Risposta: Cinquanta anni fa si diceva “schizofrenico sempre schizofrenico”. Questo pessimismo terapeutico era giustificabile in quanto le molecole a disposizione erano veramente poche. Oggi intravediamo un orizzonte pieno di prospettive ma occorre precisare che non si può parlare di schizofrenia ma di schizofrenie: non ci troviamo dinnanzi ad una malattia ma a vicissitudini umane, modi differenti e drammaticamente unici di vivere l'affettività, la religiosità, la personalità. E' la possibilità dell'incontro con l'Altro, dell'apertura verso il mondo, del non-isolamento che può consentire di parlare di guarigione.

Domanda: Ha senso parlare di dicotomia mente-corpo?

Risposta: Il dualismo cartesiano ha appesantito le ricerche di questo secolo e ha creato pericolose semplificazioni. C'è un'unità che chiamerei persona: lo psichiatra si occupa necessariamente della persona nel suo ambiente. Io è un'astrazione, uno scandalo concettuale che in parte è figlio di questa artificiosa separazione. C'è sempre un Noi, l'incontro, la traità: da qui bisogna partire. 

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 361