I DIRITTI DEI SOFFERENTI PSICHICI
Come possiamo organizzare leggi, istituzioni, associazioni e SSN per garantire l'emancipazione
di Manlio Converti

DIRITTO al RISPETTO della LEGGE

Share this
19 febbraio, 2014 - 08:55
di Manlio Converti

In Italia fatta una legge trovato lo gabbo... o lo santo... ora non ricordo, insomma trovato l'imbroglio per scavalcarla, abusarla, modificarla...ai danni del più debole, che in questo caso è il sofferente psichico!

In Italia la Salute Mentale si basava sulla legge 180, poi incorporata nella legge generale che istituisce il SSN, ma soprattutto dai Progetti Obiettivi regionali, che dovevano essere rinnovati di triennio in triennio, ma che, almeno in Campania, sono stati sospesi ormai dieci anni orsono.

Sospesi significa disattesi, ignorati, sovvertiti, pervertiti.
Soprattutto nell'aspetto economico, ormai teso tutto a tagliare i servizi pubblici, con la chiusura dei CSM che erano sulle 24 ore, dei Centri Diurni, Notturni ed altre attività, ormai ridotte a progetti di lusso, invece che a diritti ed a progetti individuali, mentre la maggioranza dei costi sono tagliati, ovvero il numero del personale, delocalizzato in altri ambiti ASL.

I fondi non vengono mai a mancare per sovvenzionare invece il cosiddetto privato, che spesso non rispetta nè la legge 180 nè i Progetti Obiettivi, con strutture che superano le centinaia di posti letto, invece che i 15 previsti per l'umanizzazione della cura e che ha ancora soprattutto solo la finalità di escludere sine die dalla società e dalla famiglia i sofferenti psichici,

Ecco cosa ne pensano alcuni operatori e politici Campani.
COSA NE PENSATE INVECE VOI ??

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 574