Clint Eastwood: la mia esperienza di analisi con Wilfred Bion

Share this
6 gennaio, 2021 - 10:20

All'inizio degli anni 70 ero molto insoddisfatto della mia carriera al cinema.
Nel 1969 avevo lavorato ad un film musicale chiamato "Paint Your Wagon".
Il film ha arrecato grande pregiudizio allo studio all'epoca, e ha guadagnato solo dopo essere stato venduto su VHS e DVD.
Molte persone mi criticavano e addirittura dicevano che avrei dovuto smettere.
Era come un allarme per me, ero molto triste pensando che non sarei riuscito a sfuggire ai film di violenza con i quali la gente mi definiva.
Ero visto solo come una specie di bad boy, un maschilista e altre cose brutte.

Parlando di questo con la mia amica Jane Fonda, lei mi ha confidato che per gli stessi motivi aveva iniziato un percorso psicoanalitico, e che la sua vita sembrava stesse dando una svolta.
Gli ho chiesto chi fosse questo psicanalista, perché dubitavo che qui in California si potesse trovare qualche analista buono.
Lei mi ha detto che si chiamava Wilfred Bion, che era un analista inglese, molto famoso nel mondo psicoanalitico, appena arrivato nella nostra terra.

Mi sono subito interessato per avere un colloquio con lui. Curiosamente, quando ho chiamato il numero che mi aveva dato Jane, lui mi ha risposto e mi ha chiesto di scrivere una lettera esponendo i motivi per cui volevo fare analisi.
Ho trovato ciò molto curioso e mi è venuta la strana idea che avesse voluto analizzare la mia calligrafia.

Ho scritto la lettera con macchina da scrivere, con poche righe. Non ci sono voluti due giorni per ricevere una chiamata per un appuntamento.

Sono arrivato puntualmente e sono stato accolto da un uomo molto serio, che ho immaginato avesse sui settant'anni, con la stessa altezza mia (1,93 cm). Si vestiva britannicamente con una giacca beige chiara, camicia bianca, con cravatta a farfalla blu. Mi ha porto una sedia mentre si sedeva sulla sua poltrona con un divano marrone chiaro sul lato destro. L ' ho guardato e notato le sue sopracciglia spesse, che si sono alzate e mi ha chiesto: "che diavolo ci fa qui?"

Ho pensato che fosse opportuno dirgli di nuovo ′′ Sono Clint Eastwood Junior. Sono un attore, regista e produttore di Hollywood ". Lui mi ha risposto con un tono che sembrava sarcastico: ′′ Dove qualcun altro potrebbe essere tutto questo?". Sono rimasto un momento in silenzio cercando di decidere come continuare e lui ha tagliato il silenzio chiedendomi :
′′ E hai pensato di fare qualcos'altro nella vita?".

Confesso che questa domanda mi ha lasciato spaventato e allegro allo stesso tempo. Non avevo menzionato questo motivo nella mia lettera. Risposi ′′ beh, per questo sono qui. Stavo pensando ai conflitti - che non so quali siano - che mi fanno porre questa domanda ". Ma non ho resistito a quella che mi sembrava un'indovinazione e ho accennato che mi era venuta in mente l'immagine dell'ispezione che fanno negli aeroporti con un metal detector. Ha detto, rialzando le sopracciglia: ′′ È molto importante per l'analisi che hai avuto un'immagine. Essa ha a che fare con la libertà e la sicurezza. Ti lascerò passare attraverso il mio metal detector per fare analisi con me, ma sarà che lascerai passare  me attraverso il tuo? Non possiamo sapere, solo l'esperienza ci dirà ".

Qualunque cosa abbia detto, ho sentito che in quel momento il mio processo di analisi era iniziato. Ero davanti a una persona sensibile e pensante, a cui potevo dire quello che volevo. Risposi: ′′ Dott. Bion, grazie mille per avermi accolto. Ho sempre pensato che il cinema mi concedesse la libertà, perché io ho a che fare con immagini visive e musica. Farò tutto il necessario per aiutarmi ". Ha detto: ′′ Continua ad essere sincero e a dire tutto quello che ti viene in mente. Non ti interessa la mia sensibilità o altra mia caratteristica. Dedichiamoci a incontrare Clint Eastwood ". Ha fatto una pausa e ha completato: ′′ Jr.".

Io, molto colpito, perché lui ha sottolineato la sua sensibilità, e che aveva pensato qualche istante prima. Ho detto: ′′ Lei, signore, legge i pensieri Se legge può sapere che ho pensato che, oltre che sensibile, lei, signore, è un pensatore ". ′′ Guarda bene Mr. Clint... Posso chiamarti Clint? Entrambi stiamo pensando e analizzando l'uno con l'altro con libertà. C ' è un punto tra noi che è impossibile decidere a chi appartiene. Quel punto su cui nulla sappiamo è dove si può evolvere ".

Sono rimasto in silenzio pensando ′′ è questo... ho bisogno di sopportare che non so cosa farò per poter prendere le giuste decisioni nella mia vita. Devo tollerare questo appuntamento con le mie incertezze ". Ma il nostro orario era finito, lo ha detto puntando al suo orologio. Siccome mi piacciono gli orologi, ho identificato la marca di orologi inglese Burberry. Ho guardato il mio orologio ed erano passati 45 minuti. Ha preso l'agenda a un tavolo accanto a lui e mi ha chiesto se potevo tornare lunedì alle 13:00 Ho risposto che l'orario era fantastico, ma me ne sono andato molto inquieto.

Un po ' di tempo dopo, commentando con lui, ho sentito qualcosa di molto curioso: "Questa è una tempesta emotiva derivante dal contatto tra noi due. Succede con chiunque si permetta di esporre la propria personalità, la propria mente, la propria anima o qualunque sia il nome che le diamo. Non c'è attività che faccia più questo della psicanalisi. Si tratta di un cattivo business che ci sfida a trarre profitto da lui ".

È stato un punto assurdamente fondamentale della mia analisi. Trarre profitto dai cattivi affari implicava decisioni in cui si doveva includere certe cose ed eliminarne altre per continuare a creare.

Sono stato in politica per un po ' e ho assunto la carica esecutiva di sindaco della città di Carmel. Le mie attività sono andate così nel corso degli anni, me ne sono andato migliorando e correndo il rischio di cattivi affari, ma ho avuto risultati. Ho scoperto cos'era la felicità potendo affrontare le mie tristezze. Ho scoperto cosa significa avere saggezza guardando la mia ignoranza. Ho scoperto la mia delicatezza guardando la mia violenza.

Oggi posso riassumere tutto questo in una recente conversazione che ho avuto con Toby Keith, il mio amico e compositore, con il quale gioco a golf. Ho detto che avrei compiuto 88 anni la settimana successiva e mi ha chiesto cosa avrei fatto. Risposi: "inizierò a fare un film." ′′ Ma come fai ad ottenerlo?", mi ha chiesto, come se mi criticasse per essere a quest'età a realizzare progetti stressanti. Io risposi: non faccio entrare il vecchio... Sembra che la mia risposta abbia generato una di quelle rivolte di cui il Dr. Bion parlava.

Toby ha composto la musica del mio film ′′ Il mulo ′′
Mi manca molto il dottor Bion.

 

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 1861