Corrado Pontalti LEGGE OSSICINI, Facoltà di Psicologia, Scuole di Psicoterapia

Share this
Vedi il video

Un tema MOLTO SCOTTANTE su cui val la pena riflettere ed aprire un dialogo tra noi

> Lascia un commento

Commenti

Condivido ogni parola. L'università non forma perché la frammentazione degli insegnamenti ha portato numerosi lacchè ed arrivisti a fare lezione alle giovani leve, senza avere nulla da insegnare. Nel privato, la retorica della relazione e del "fare rete", ha diffuso la presenza di "imbonitori" e "venditori di saponette", onnipresenti sui social, che pubblicizzano felicità, liberazione dalla depressione ed altre formule spot. Ho visto gente che s'improvvisa e che grazie alle "rete" riesce a vedere pazienti con i quali "chiacchierare" credendo, e dando a credere, di fare terapia. Conosco persone che con una misera laurea e senza specializzazione pretendono di curare altre persone solo perchè hanno letto mezzo libro sulla tecnica del colloquio o sulla "struttura della magia". Per questa situazione drammatica servono rimedi eccezionali che però non sarebbero applicabili. Uno, perché non converrebero ai più; due, perché coloro che stanno andando ai vertici della professione, sono proprio quelli che su questi metodi "social" hanno costruito la propria fortuna. La situazione è troppo compromessa, non c'è soluzione. Si salvi chi può.

A mio avviso è tutto l'impianto che non funziona: 1. Secondo me occorre prima di tutto partire dalla proliferazione delle facoltà, voluta dal Miur e assolutamente non arginata dal Cnop. 2. In secondo luogo non è mai stata fatta da alcuno una indagine di mercato sui possibili sbocchi professionali, per cui oggi ci troviamo in una calca indescrivible SOLO sulla psicoterapia e nel sostanziale fallimento di tutti gli altri possibili sbocchi (mia figlia, psicologa del lavoro, è sola nell'azienda in cui lavora, ed i suoi aggiornamenti sono dettati solo in base alle esigenze 'attuali' dell'azienda). 3. non si è mai pensato al blocco delle iscrizioni a psicologia. 4. Le facoltà italiane, sicuramente perchè nate come funghi hanno mediamente docenti scadenti (proprio come i docenti delle scuolette di cui parla Pontalti); scadenti ed incapaci di coniugare in facoltà teoria e pratica: in facoltà! e non fuori affidandosi al buon cuore dei colleghi che già lavorano (e che non si curano di formare come tutor: http://www.psychiatryonline.it/node/5590 ); 5. il Miur è stato sempre in conflitto di interessi, ma NESSUNO ha denunciato questo orrore che è all'origine della proliferazione della scuolette (mentre si spendevano risorse preziose nella guerra contro i mulini a vento: vedi l'annosa e falsa questione dei counselor); 6. nessuno (neanche Pontalti!) ha detto nulla sull'obbrobrio del falso percorso degli psichiatri, che al contrario di noi non devono far nulla per accreditarsi come psicoterapeuti (se non specializzarsi in psichiatria o NPI); 7. e infine sulle scuolette ho già detto quando qualche anno fui invitato a firenze da Sandra Vannoni e non ho nulla da aggiungere, se non che la mia tesi è sovrapponibile ampiamente a ciò che sostiene ora Pontalti: http://lacosapsy.altervista.org/le-relazioni.../
Dino Angelini

il dibattito è aperto si attendono contributi


Totale visualizzazioni: 476