freud

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Vedere gli alberi, non vedere il bosco
20 ottobre, 2018 - 10:57
 Il modo di dire non è italiano ma tedesco. L’ho imparato alle elementari dalle Schwestern dell’Istituto Giulia di Milano. Freud doveva certamente conoscere den Wald vor lauter Bäumen nicht sehen. [1] Tuttavia nelle Sigmund Freud gesammelte Werke il...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Perché non sono realista
9 ottobre, 2018 - 09:39
 Nel gioco stesso della scrittura matematica dobbiamo trovare, se posso dire così, la punta, il punto di orientamento verso cui dobbiamo dirigerci. J. Lacan, Encore,16.01.1973   “Non sono realista, perché sto dalla parte del reale”. Nel seguito...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

Autoritratto in un interno viennese, Sigmund Freud si racconta INTERVISTA ALL' AUTORE SERGIO VITALE
3 ottobre, 2018 - 13:53
Gianluca Garrapa: Autoritratto in un interno viennese è il racconto di una lettera di Sigmund Freud del 19 marzo del 1939 (Freud morirà il 23 settembre dello stesso anno), indirizzata all’amico Engelman per ringraziarlo del dono di un album di fotografie. Fotografie dell...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Il sogno come mezzo di prova della teoria analitica
25 settembre, 2018 - 11:19
Ho sognato di dire una sciocchezza: “I viceré” di De Roberto è un romanzo scritto alla Proust. Ovviamente non discuto la validità dell’affermazione onirica, ma sfrutto il brevissimo sogno per riaprire una questione che di solito nelle scuole di psicoanalisi...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
La letteratura può salvare la psicanalisi?
11 settembre, 2018 - 15:40
  La letteratura nasce molto prima della scienza. È una banalità storica la mia, che tuttavia non è tanto banale in rapporto alla psicanalisi, la quale onestamente riconosce agli artisti il merito di arrivare prima degli psicanalisti a intuire il senso della vita ...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Sullo stato del movimento psicoanalitico
29 agosto, 2018 - 10:27
  Tutto l’inconscio ti si squaglia davanti come ti avvicini. L.F. Céline, Viaggio al termine della notte (1932), p. 436   Non porto più i pantaloni corti. Da un pezzo ho finito di andare a scuola. Ho attraversato diverse scuole lacaniane di psicoanalisi....

> Lascia un commento

> Leggi tutto

LA VOCE DELL'INDICIBILE
Educazione sessuale e impossibilità d'amare: "Il segreto" dell'Anonimo Triestino
19 agosto, 2018 - 19:27
Uno degli errori che, a parere di chi scrive, vengono commessi anche da chi desidera sinceramente aiutare i propri simili ad evolversi è frutto di superficialità e di fretta. S’individua una meta che si trova nella direzione del progresso, e ci si precipita su di essa,...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
IN DIFFERITA: a proposito del saggio Tardività, Freud dopo Lacan di Alessandra Campo
9 agosto, 2018 - 17:06
Freud dopo Lacan Il ponderoso saggio di Alessandra Campo (440 pagine), intitolato Tardività,[1] si annuncia come “studio filosofico di una nozione psicoanalitica” (p. 20): la Nachträglichkeit. Si tratta del termine che per la prima volta Freud menzionò...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Sulla tragedia di vivere
7 luglio, 2018 - 10:41
Malgrado timore e compassione, siamo felicemente vivi, non come individui, ma come un unico vivente, fusi nel suo godimento procreante. F. Nietzsche, La nascita della tragedia dallo spirito della musica (17)     Cos’hanno a che fare con le odierne civiltà il sogno di...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Perché non uso psicofarmaci?
8 giugno, 2018 - 10:40
Nel lontano 1961 la risposta me la diede Thomas Szasz nel suo classico Il mito della malattia mentale. Se la malattia mentale è un mito, non si possono usare farmaci contro di lei: i farmaci sono nel reale, i miti nell’immaginario. Si può agire sul reale attraverso l...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

PSICOANALISI ETICA
LA PSICOANALISI E’ SOVVERSIVA, O NON E’
24 maggio, 2018 - 01:43
Caro Massimo Recalcati, per prima cosa, ti devo ringraziare, Lacan e Freud in tivvù. Sembra un sogno. C’è stato un momento che la psicoanalisi non si poteva neanche nominare. Ho frequentato Psicologia alla Sapienza nei primi anni novanta. Non si chiamava nemmeno psicoanalisi...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Sulla logica congetturale o l'apologia del falso
16 maggio, 2018 - 13:31
La scientificità sarebbe solo paura e scappatoia dal pessimismo? Solo raffinata legittima difesa contro la verità? Detto in termini morali, qualcosa come viltà o falsità? F. Nietzsche, La nascita della tragedia. Tentativo di autocritica, 1, 1876   Ho...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Sulla probabilità in psicoanalisi
28 aprile, 2018 - 11:28
Ignota agli antichi, che pensavano che ogni evento casuale fosse dovuto alla dea Fortuna,[1] la nozione di probabilità è un prodotto tuttora problematico del discorso scientifico moderno. Ha uno statuto ancora concettualmente incerto, per non dire ambiguo. Perché lo dico?...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Cosa un caso clinico può e cosa non può Ovvero la paranoia del confirmation bias
10 aprile, 2018 - 09:03
Coloro che in primo luogo hanno sete di certezze di sicuro non amano la verità. Lettera di Marie Bonaparte a Freud (data?) Gli spiriti mediocri esigono dalla scienza un genere di certezza che essa non può dare, una specie di soddisfazione religiosa. Solamente le reali e vere menti...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Al di là del principio di causalità
25 marzo, 2018 - 11:29
Ovvero la memoria quotidiana di David Hume   03.13.2018 A un certo punto della propria evoluzione tecnica Freud si concentrò sul transfert dell’analizzante verso l’analista e trascurò il controtransfert dell’analista verso l’analizzante. Forse riconobbe di...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
L'epistemologia intertestuale per una scienza letteraria
4 marzo, 2018 - 11:31
Quasi stento a crederlo. Da due immensi poeti tra loro solidali – Pound ed Eliot[1] – mi giunge inatteso un suggerimento positivo per un’epistemologia che potrebbe trasformare la pratica psicoanalitica da “sordido mestiere” (Lacan, Roma, ottobre 1974) a pratica...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

FREUD E L'IMPIEGATA VERGINE
26 febbraio, 2018 - 11:12
Anche se si respinge la teoria freudiana delle paranoie, non si può fare a meno di ammirarne l’eleganza esplicativa. Eleganza nel senso corrente del termine: ottenere effetti di completezza con un dispendio minimo di materiali, senza aggiunte ad hoc né sbrodolature. Se Freud...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Freud e la lezione della scienza
10 febbraio, 2018 - 09:33
  Sono moderatamente convinto che Freud sia stato più medico che uomo di scienza. Lo affermo in base alla premessa che la medicina non sia scienza; anche se applica tecniche scientifiche, ingegnerizzate a fini terapeutici, la medicina ha un fondamento vitalistico che la separa dalla...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

Riflessioni (in)attuali
27 GENNAIO Lo sterminio: la memoria e l’oblio
7 febbraio, 2018 - 18:21
Il “giorno della memoria”, un rito stanco, difensivo, è espressione di un conflitto irrisolto tra resistenza e cedimento all’oblio. Già nell’essere privo di oggetto (ricordo di cosa?) si manifesta la sua contraddizione. La volontà di educare a...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

LA VOCE DELL'INDICIBILE
Libero arbitrio: Freud, Kohut, Dostoevskij
5 febbraio, 2018 - 10:37
  Freud, di fronte alle obiezioni di filosofi e psicopatologi riguardo all’attendibilità di alcune sue affermazioni, era solito tagliar corto citando il suo maestro Charcot: “ça n’empêche pas d’exister”, ossia “quel che voi mi...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

L’Uomo dei Lupi: un caso di psicosi ordinaria
30 gennaio, 2018 - 14:39
Freud non riesce a ritrovarsi nel transfert Dopo il commento al caso dell’Uomo dei Lupi dello scorso 29 dicembre, qui pubblicato, a firma di Sergio Benvenuto, mi trovo spronato a rileggere ancora una volta il suddetto caso freudiano. Caso memorabile, caso che ha fatto parte da subito...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

Freud, Tolstoj e il Mugnaio
28 gennaio, 2018 - 10:40
Qualche giorno fa, rileggendo l’edizione integrale della Newton Compton  di  “Guerra e Pace” -  di Lev Tolstoj[1] - ho avuto un sussulto  nel trovare un passo che ricordavo presente ne “L’Interpretazione dei Sogni”[2] di Freud. Subito ho...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Determinismo, meccanicismo, soggettività
17 gennaio, 2018 - 10:47
‘n ciodo de fero vecio dela mecanica de precision. Ballata veneta Freud fu un accanito determinista. Creò una psicoanalisi deterministica, ma non meccanicista. Era ciò di cui sentivamo la mancanza? La pars destruens di questo post giustifica la risposta negativa a una...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

IL SOGGETTO COLLETTIVO
Resistere alla scienza
4 gennaio, 2018 - 13:52
Amano il proprio delirio come sé stessi. S. Freud, Minuta H   La spinta più potente a resistere alle scienze è la convinzione che producano un risultato globale prima che locale, collettivo prima che individuale, pernicioso per gli schemi culturali acquisiti. In effetti...

> Lascia un commento

> Leggi tutto

Commento a “L’Uomo dei Lupi” di Sigmund Freud OSF, vol. 7, pp. 483-593
29 dicembre, 2017 - 12:00
1.            Il caso clinico dell’Uomo dei Lupi è un testo scritto in modo davvero eccellente, e che esercita una grande seduzione sul lettore. Eppure oggi è chiaro che è il meno convincente tra i casi clinici pubblicati...

> Lascia un commento

> Leggi tutto


Totale visualizzazioni: 2752