Quarta giornata - Domenica 1 luglio

Share this
3 dicembre, 2012 - 17:45

Giornata conclusiva del Convegno, dopo tre giorni di lavoro intenso, l'aula congressuale ricavata negli spazi della Chiesa di San Giovanni è ancora piena di un pubblico attento.
E' una giornata molto bella e finalmente soleggiata, dopo che le nuvole basse ci hanno accompagnato in tutti questi giorni rendendo l'atmosfera magica e surreale.
751 metri sotto una calura appicicosa e africana, qua un fresco ventoso e inaspettato ha reso piacevoli le esplorazioni notturne tra le strade lastricate di questo gioiello urbanistico magnificatamene conservato e protetto.
I lavori cominciano con una Relazione di Marco Strano, che presenta una relazione sul rapporto tra Internet e pedofilia, team di grande attualità e molto dibattuto sui media.
Viene ribadito che il fenomeno della pedofilia on line è marginale rispetto al suo esplicarsi nel mondo reale. Internet favorisce contatti e scambi di materiale pornografico. Più particolare è il fenomeno delle molestie e dei tentativi di adescamento di minori nelle Chat da parte di pedofili.
Vengono presentate le “strategie” di comportamento dei pedofili in queste situazioni.
Strano presenta poi le prime risultanze di un questionario sul tema somministrato a 500 minori, utenti della rete,volto a valutare le situazioni a rischio in cui possono incorrere nella loro frequentazione di Internet nei confronti della pedofilia.
Viene sottolineato il rapporto stretto tra la parafilia e la particolare recettività dei minori alle stimolazioni connesse alla sessualità.
Valentina Gotti presenta una ricerca sul mondo degli Hackers, i pirati informatici, sul loro mondo e sui loro tratti caratteriali.
Massimo Di Giannantonio presenta un lavoro sul tema dell'etica in psichiatria nell'era di Internet.
Quale Tesoriere della Società Italiana di Psichiatria annuncia in apertura del suo intervento che nel giugno 2002 si terrà a Roma il Convegno della SIP incentrato sul tema del rapporto tra Mass Media e Psichiatria.
Di Giannantonio poi introduce il concetto di Digital Divide e le sue declinazioni all'interno dei processi di globalizzazione.
Etica in sostanza vuol dire linee guida sia nel mondo degli atomi che in quello dei bit.
Segue la relazione di Cettina Mezzatesta i cui contenuti sono proposti nell'abstract presente nelle nostre pagine
Alla fine dei lavori Vincenzo Carretti riassume le linee culturali del congresso ed annuncia che la prossima edizione del convegno, la terza, verrà organizzata a Roma nell'estate del 2002.

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 547