Serial Killer in Italia. Un’analisi psicologica, criminologica, psichiatrico-forense di Paolo De Pasquali

Share this
5 ottobre, 2012 - 15:34

[FrancoAngeli Editore, Pag. 127, Euro 21]

 

Questo libro si propone come strumento conoscitivo, tra i più completi, della fenomenologia inerente gli omicidi seriali in Italia. Di Pasquale offre con rigore scientifico un’esauriente panoramica del fenomeno e attraverso un’analisi degli studi stranieri ci conduce alla situazione Italiana.

Attualmente America si calcolano più di 5000 vittime di serial killer all’anno, in Italia negli ultimi cento anni sono stati catturati 43 serial killer e si contano 200 vittime accertate

Si tratta di un argomento che negli ultimi tempi ha destato un crescente interesse sia nell’opinione pubblica, in ambito letterario e mediatico, sia in campo scientifico, giudiziario, criminologico e psichiatrico, dove tuttavia, soprattutto in Italia, sono ancora scarsi validi riferimenti teorici specialistici.

Nella prima parte fa riferimento alle classificazioni e definizioni operate negli anni, ponendo particolare accento sul profilo psicologico e sulla psicobiografia degli assasini e delle loro vittime. Successivamente si sofferma, descrivendo le attuali conoscenze a disposizione, sull’importanza di tenere in considerazione alcuni fattori di rischio per individuare preventivamente potenziali assassini seriali.

Affronta poi il tanto discusso interrogativo rispetto alla compresenza di una psicopatologia come primum movens degli omicidi in serie. Giunge a considerare l’assenza di una nosografia specifica ed enfatizza la funzione essenziale della perizia psichiatrica per definire l’imputabilità e soprattutto la pericolosità sociale, entrambe deducibili solo attraverso un approfondito studio della biografia e delle dinamiche interne del singolo soggetto.

L’autore ritiene tale indagine indispensabile per orientare le misure necessarie ad arginare l’elevato rischio di una reiterazione dei delitti.

Conclude la prima parte esponendo una sintesi di quelli che a suo giudizio sono i tratti distintivi del profilo del serial killer.

Contemporaneamente esorta gli operatori del campo ad affinare le tecniche di indagine ed esecuzione, promuovendo una più precoce identificazione degli indicatori di pericolosità sociale, e quindi una maggior prevenzione a fronte dell’attuale insufficienza strumenti terapeutici atti ad arrestare un fenomeno che, altrimenti troppo spesso, si è mostrato dotato di un potere distruttivo ingestibile.

Secondo De Pasquali i serial killer hanno in comune una stessa pulsione, la "necromania", che definisce " perversione dell’istinto di vita che determina un’attrazione patologica per la morte. Il bisogno del rapporto diretto con la morte è compulsivo e induce il soggetto a uccidere ripetutamente".

Questa affermazione lo induce a considerare l’assassino seriale pericoloso in modo "perenne" e a denunciare gli attuali sistemi cautelari che più volte hanno permesso la reiterazione degli omicidi attuando pene troppo flessibili.

Nella seconda e ultima parte riporta in modo schematico ma completo, sulla falsa riga dei criteri nosografici esposti, le schede psicobiografiche di ognuno dei 43 serial killer italiani indagati dal 1843 al 1997.

Vengono illustrate con rigore, per ogni scheda: le caratteristiche del singolo soggetto, delle vittime, il movente, la dinamica degli omicidi, il comportamento al momento dell’arresto e durante il processo, la perizia psichiatrica (se richiesta), il verdetto, dove si trova ora il soggetto e in fine la psicobiografia.

Questa peculiare tecnica di esposizione ha permesso all’autore di riassumere ed evidenziare ulteriormente la presenza di tratti identificativi specifici che, per alcuni aspetti, accomunano tali individui e il loro modus operandi nell’agire le proprie fantasie omicide.

Nel complesso il libro offre al lettore, grazie all’utilizzo di uno stile chiaro e fruibile anche dai non specialisti, un’utile strumento che inquadra i punti cardine su cui si focalizzano le attuali conoscenze sui serial killer, fornendo altresì un’analisi completa del panorama italiano dell’ultimo secolo.

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 687