RECENSIONI WEB
Suggerimenti di navigazione nella psichiatria in rete.
di Raffaello Biagi

Il DSM 5 IN RETE

Share this
19 maggio, 2013 - 16:09
di Raffaello Biagi

L'attesissimo e contestatissimo Manuale Diagnostico Statistico di Psichiatria, edizione 5 (a proposito chissà perché l’abbandono della numerazione progressiva ordinaria con numeri romani  in favore dei numeri cardinali? Forse perché il quinto romano - V-  in inglese richiama troppo il V di Victory??)  ha l'onore di aprire questa nuova rassegna di recensioni di siti psichiatrici. D'altra parte tutti i professionisti dell'area Psy si dovranno confrontare, nel bene e nel male, con i contenuti di questo volume e pertanto  ci è sembrato opportuno parlarne cercando  in rete siti o commenti in merito.

Quindi diamo subito un occhio alle novità presentate in questa edizione. Trovare il testo completo in rete ė al momento evidentemente impossibile. Ci sono però già diversi commenti relativi  alle bozze che sono state diramate dalla APA ed al testo definitivo  riguardanti le varie patologie ed alla nuova organizzazione e classificazione .

In lingua inglese
 

Il sito preposto alla divulgazione ed alla raccolta di suggerimenti e proposte da parte della comunità scientifica per la stesura del manuale è stato definitivamente chiuso   Vi si afferma tuttavia di aver ricevuto oltre 13.000 mail di commento! Si tratta quindi di uno dei primi volumi scientifici dove, grazie a Internet, è stato possibile un lavoro congiunto e condiviso da parte di studiosi di tutto il mondo.  Molti studiosi hanno però manifestato perplessità su questo modo di procedere “ per acclamazione”. A loro modo di vedere la verità scientifica non necessariamente è condivisa, anzi storicamente gran parte delle realtà scientifiche inizialmente sono state viste con scetticismo (od addirittura osteggiate) dalla comunità scientifica “ ufficiale”.

Se volete leggere numerose anteprime con commenti in lingua inglese potete andare sul sito dell' American Psychiatry Association La pagina è piena di ottimi contenuti  ordinati  in modo facilmente comprensibile. Gli interventi riguardanti le varie patologie sono suddivisi in tre colonne nella home page: nella prima vengono riportati articoli, per lo più tratti da Psychiatrics News inerenti commenti e spiegazioni sui nuovi criteri diagnostici, nella seconda sono riportate schede tratte direttamente dal Dsm 5 e nella terza colonna sono presenti numerosi interventi video inerenti le nuove caratteristiche riguardanti patologie.
Se poi vi ineressa cominciare a conoscere conoscere le numerose differenze diagnostiche esistenti tra il DSM 4-TR ed il nuovo manuale questo è il sito che fa per voi. Qui potete scaricare il relativo file in Pdf.

Vediamo ora cosa possiamo trovare in italiano.

Non si può non cominciare questa rewiev con un video di David Kupfer ripreso alla SOPSI 2013 riguardante la genesi ed i razionali utilizzati nella revisione del DSM.   Come saprete Kupfer è il responsabile del progetto DSM V. Quindi con questo video, della durata di 32 minuti, è possibile avere informazioni originali sui meccanismi che hanno permesso la stesura del testo:  studi utilizzati, articoli, sforzi per rendere il più possibile universale e non solo statunitense lo strumento diagnostico ecc. Il video è presente sul canale tematico Youtube di POL.it  ed è in lingua inglese. Ricordo che è possibile vedere  i sottotitoli (sempre in inglese) cliccando sulla piccola icona CC in basso a destra ed attivando l’opzione “English: Automatic Caption”. Buon ascolto.

Naturalmente non perdete la nostra pagina di presentazione del  volume  DSM 5   con una descrizione riguardante la nuova organizzazione delle patologie e relativi processi diagnostici.

Poi potete trovare un  lungo ed articolato commento  di Paolo Migone su Psychomedia:  Aspettando il DSM 5  originariamente pubblicato su Il Ruolo Terapeutico cartaceo dove vengono evidenziate le molteplici criticità del'l impianto diagnostico proposto e le numerose contraddizioni e lacune.

Si possono trovare dei contributi relative allla nuova classificazinoe dei Distrubi di Personalità:

 “Il disturbo narcisistico di personalità, verso il DSM-5″ – Lectio Magistralis di Otto Kernberg e Frank Yeoman
Eccovi la riduzione on line su State of Mind di un intervento dei due psicoanalisti ad un congresso in Italia del 2012. Articolo sicuramente da leggere per chi ha fondati dubbi sull'impianto "ateorico" del manuale e desidera leggere cosa ne pernsano due grandi della psicoanalisi mondiale. 

Anche siti non proprio specialistici si stanno interessando al volume.


La psichiatria e le sue diagnosi hanno sempre esercitato un certo qual fascino sulle persone e quindi ecco che riviste divulgative trattano gli aspetti più curiosi e controversi del nuovo impianto diagnostico: la rivista Le Scienze pubblica un articolo " La nuova edizione della Bibbia della psichiatria"
Contributo che mi pare complessivamente equilibrato e serio per una rivista divulgativa.

Non potevano mancare i Social Netrwork!
Sapevate che è già stata registrata una pagina sul DSM 5 su Facebook? Eccola qua! Essendo una pagina aperta a tutti ha contributi estremamente disomogenei, spesso non professionali e di mera curiosità. Ma sono presenti due interessanti anteprime sulle nuove definizioni, criteri diagnstici e caratteristiche del PTSD e dello spettro autistico.
 
Insomma non c'e' ancora moltissimo, molto fumo e poco arrosto si potrebbe dire.
Ma adesso che il testo è in vendita e disponibile a tutti ci aspettiamo un fiorire di siti e di commenti. Cercheremo di tenerci aggiornati in modo da potervi tempestivamente riferire sui migliori commenti in rete.

> Lascia un commento


Commenti

DA SEMPRE Psychiatry on line Italia poggia sulle mie spalle di editor sia dal punto di vista organizzativo che dal punto di vista finanziario e dopo tanti anni in cui sono andato avanti mettendoci tempo, lavoro e denaro è giunto il momento di dire con chiarezza e onestà intellettuale che non ce la faccio più con le mie sole forze e ho necessità di un aiuto diffuso e consapevole da parte di chi sappia riconoscere ciò che è stato fatto, ciò che si fa e ciò che si farà in futuro.

Siamo ad un bivio: la rivista oltre che avere spese di base fisse ha bisogno di aggiornamenti di software e di hardware che con le mie sole forze non sono in grado più di supportare, al tempo stesso Psychiatry on line Italia è e sarà SEMPRE una risorsa gratuita di libera fruizione ma come ho più volte sottolineato non confondiamo la gratuità con il non costo: dietro alla risorsa vi è LAVORO e vi sono COSTI VERI E NON VIRTUALI DA SOPPORTARE.
Delle due l’una: volete che POL.it piano piano si spenga schiacciata da obiettive difficoltà? O volete che continui il suo cammino cercando sempre di migliorare la sua offerta culturale?

Contribuire ai beni che si usano non è un'obbligo è un'oppotunità e un segno per me di civiltà.

Se la vostra risposta è la seconda e non avete ancora fatto una donazione è il momento di valutare di dare davvero una mano a Psychiatry on line Italia.

Vi è un solo modo per farlo:

FARE UNA LIBERA DONAZIONE ALLA RIVISTA e lo potete fare tramite BONIFICO all’IBAN IT23A0335901600100000121875 Intestato, presso BANCA PROSSIMA, a ASSOCIAZIONE PSYCHIATRY ON LINE ITALIA - Via Provana di Leynì 13 Genova, oppure potete usare il nostro account PayPal connesso all’email boll001@pol-it.org

Grazie per ciò che farete, grazie dell’attenzione.


Totale visualizzazioni: 350