ESSERE O NON ESSERE?
Suicidio e prevenzione del suicidio
di Maurizio Pompili

AVVICINARSI E SALVARE VITE: un obiettivo per la XIII° ed. della Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio 2015

Share this
25 luglio, 2015 - 11:22
di Maurizio Pompili

 
 

La vera via passa per una corda che non è tesa in alto,
ma appena al di sopra del suolo.
Sembra destinata a far inciampare più che a essere percorsa.”
Franz Kafka

 

 
È difficile immaginare il dolore psicologico estremo che porta a pensare al suicidio come l’unica, possibile, via di fuga. Ancor più difficile è avvicinarsi a chi sta lottando con la decisione di mettere fine alla propria vita, nel tentativo di valicare  quel limite, del tutto soggettivo, da cui  partire per ac-cogliere il vissuto dell’altro, prenderlo per mano e ri-attraversarlo insieme.
 
“La prevenzione del suicidio: avvicinarsi e salvare vite”: questo il focus, e insieme l’esortazione, rivolta a tutti, proposta dalla XIII° ed. della Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, evento gratuito, che si terrà il 10 e 11 settembre 2015 presso l’Aula Magna del Rettorato – Sapienza, Università di Roma - Piazzale A. Moro 5, Roma.
Nato sotto gli auspici dell’International Association for Suicide Prevention (IASP) e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’evento diviene occasione rara per un avvicinamento degli operatori della salute mentale, oltre che della comunità, verso un intervento sempre più unitario e di squadra.
Si tratta di una chiamata all’azione e all’unione da parte di tutti coloro che lavorano con l’obiettivo comune di prevenire il suicidio.
L’unione fa la forza! Nel mondo sono tanti gli individui e le organizzazioni coinvolte nel lavoro per la prevenzione del fenomeno. Possiamo imparare gli uni dagli altri, unire i nostri operati per costruire interventi efficaci e ridurre il numero delle oltre 800 mila persone che, nel mondo, muoiono per suicidio ogni anno e di quanti sopravvivono alla morte di un caro per suicidio, un numero ancora maggiore.
Con oltre 10 anni di storia, quest'anno l'evento si rivolge ad ancora più figure professionali, e a quanti siano interessati a saperne di più su un fenomeno complesso e in continua espansione.
Il tema incoraggia ad operare nella prevenzione del suicidio  attraverso interventi mirati all’ascolto della sofferenza e di  aspetti del vissuto soggettivo non sempre accessibili ad una prima valutazione. In questa direzione, il mostrare cura, attenzione  e preoccupazione per qualcuno, vulnerabile al suicidio, può davvero  fare la differenza.
Influenzato da fattori di rischio psico-sociali, culturali e ambientali, il suicidio rappresenta, tra le cause di morte prematura,  quella più  prevedibile grazie a  strategie nazionali ed internazionali, orientate al riconoscimento dei principali fattori di rischio e al rafforzamento di quelli protettivi.

Con otre trenta relazioni scientifiche, approfondimenti e dibattiti, l’evento è sostenuto dal Magnifico Rettore di Sapienza Università di Roma.

La Giornata prevede 11 crediti ECM gratuiti per diverse figure professionali (Psichiatria, Neurologia, Neuropsichiatria Infantile, Pediatria, Medicina Generale; Psicoterapia, Psicologia; Farmacia Ospedaliera e Territoriale; infermieri ed educatori professionali).
L’evento è, inoltre, aperto alla partecipazione degli insegnanti e agli studenti  in qualità di uditori con riconoscimento di crediti formativi ove previsto dai corsi di laurea.

Per informazioni sul programma e sulle modalità d’iscrizione consultare:
www.giornataprevenzionesuicidio.it
www.prevenireilsuicidio.it  

Direzione Scientifica
Maurizio Pompili
Responsabile Servizio per la Prevenzione del Suicidio
Azienda Ospedaliera Sant’Andrea,
Sapienza Università di Roma.
Tel. 06 33 77 56 74
maurizio.pompili@giornataprevenzionesuicidio.it
> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 787