Editoriale
il punto di vista di Psychiatry on line Italia
di Francesco Bollorino

CHIARIMENTI IN MERITO ALL'APPELLO PER UNA DONAZIONE ALLA RIVISTA PSYCHIATRY ON LINE ITALIA

Share this
4 maggio, 2020 - 14:01
di Francesco Bollorino
Cara Amica, Caro Amico,
sento la necessità di dare alcuni chiarimenti in merito ai ripetuti appelli che ho fatto per una donazione a favore di Psychiatry on line Italia.


 


La rivista Psychiatry on line Italia si basa sul volontariato culturale e non ha scopo di lucro ma ha costi veri che ricadono tutti sulle spalle del suo editor.
 
Mi domando se i lettori hanno inteso questo serio problema o se pensano che il fatto che Psychiatry on line Italia sia una risorsa libera e gratuita la renda anche senza costi (onerosi) di gestione?
 
Sento pertanto la necessità di dare alcuni chiarimenti in merito ai ripetuti appelli che ho fatto per una donazione a favore di Psychiatry on line Italia.
 
Il primo chiarimento è ovviamente rivolto a chi tra quanti leggono queste righe ha già GENEROSAMENTE fatto una donazione LIBERA alla rivista: questo messaggio NON E’ un sollecito ad una eventuale altra donazione, ma è rivolto ai tanti che non hanno recepito, purtroppo, il nostro appello.
 
Purtroppo ad oggi il target a cui miravo per mettere a posto i conti della Rivista non è stato raggiunto per cui ho deciso di rinnovare questo invito a valutare l'ipotesi di dare una mano alla Rivista.
 
Il secondo chiarimento riguarda il merito del mio appello.
 
Ho postato sul Canale Tematico Youtube un video in cui spiego davvero in maniera chiara i problemi in cui si dibatte da tempo la rivista e ad esso rimando con un caldo invito alla visione seguendo il link: https://www.youtube.com/watch?v=bOBTcLnvncw11
 
Qui mi preme chiarire, apertis verbis, il nocciolo del problema: la rivista NON E’ IN BANCAROTTA MA HA DIFFICOLTA’ A FARE GLI INDISPENSABILI AGGIORNAMENTI CHE NECESSITA, nello specifico (e indico anche i costi):
 
Psychiatry on line DEVE aggiornare il software di controllo del sito per adeguarlo alle nuove norme sulla privacy e per renderlo compatibile coi sempre più diffusi strumenti mobile per la visione (costo preventivato tra i 3 e i 5.000€ a seconda della profondità dell’aggiornamento)
Psychiatry on line DEVE cambiare il proprio hardware per il montaggio dei video del suo Canale Tematico Youtube. L’attuale hardware un MacBook Pro di 8 anni non è compatibile con le necessità e va aggiornato. (costo preventivato oltre 10.000€ per avere una macchina che duri un congruo numero di anni)
Psychiatry on line Italia DEVE cambiare la propria attrezzatura per le videoriprese, l’attuale è vecchia di 8 anni e non ce la fa più.(costo preventivato tra i 4 e i 5.000 € per una attrezzatura che duri un equivalente numero di anni di onorato servizio)
 
In tutto siamo attorno ai 20.000€, spesa che non posso permettermi di finanziare come ho sempre fatto in passato. Senza contare le spese fisse rappresentate da hosting e commercialista che assommano a circa 3000€/anno.
 
E’ questo l’obiettivo della campagna di sollecito alle donazioni che ho fatto. Obiettivo in vero raggiungibile se tutti i lettori di POL.it dessero un piccolo contributo visto che siamo oltre i 100.000 lettori singoli al mese!!!
 
Visto che la rivista è assai apprezzata ho ritenuto possibile rivolgermi ai lettori e in particolare agli Utenti Registrati di POL.it  per essere aiutato: non mi pare una richiesta fuori dal mondo, anche perché riguarda la raccolta di danaro volto SOLO al miglioramento della rivista e non al pagamento del mio lavoro volontario.
 
Il terzo chiarimento riguarda il fatto che se sollecito donazioni è perché ho investigato a fondo altre vie e ne ho verificato la non attuabilità poiché comportano a priori costi che non posso sostenere e vista la purtroppo scarsa risposta ai miei appelli la più che probabile non riuscita: mi riferisco a ipotesi di rendere il sito a pagamento o di avviare una campagna di crowdfunding classica in particolare.
 
Ho ovviamente cercato nel tempo sponsorizzazioni ma nonostante i costanti sforzi senza risultato e mi riferisco ovviamente a Fondazioni e Case farmaceutiche di settore, in una logica ETICA ma al tempo stesso realistica per la sopravvivenza della testata.
 
Detto questo e, spero, sgomberate le eventuali incomprensioni mi permetto di sollecitare ancora una volta la tua attenzione per un sostegno alla nostra campagna e in forma di donazione e in forma di diffusione presso amici e colleghi del mio appello.
 
Psychiatry on line Italia NON E’ un account di Facebook, non è un blog personale creato sopra una piattaforma gratuita e dietro ogni nuovo articolo o ogni nuovo video vi sono costi VIVI non supportati da pubblicità o altro che ricadono TOTALMENTE SULLE MIE SPALLE.
 
Ci sono oltre 8500 articoli negli archivi di POL.it e oltre 1800 video caricati sul Canale Tematico Youtube: nessuna realtà di rete in Italia, in ambito psichiatrico, può vantare una tale massa di contenuti frutto certo della contribuzione volontaria di chi ha scritto, ma pure del lavoro volontario di chi ha assemblato tutto regolarmente ogni giorno ininterrottamente dal 1995!!!
 
FARE POL.it COSTA SOLDI SPESI, NON MANCATI GUADAGNI!!!!!
 
Per questo da tempo chiedo ai lettori un aiuto. 
IL POCO DA MOLTI FA IL BENE DI TANTI.

 

AIUTARE LA RIVISTA E’ FACILE

 

lo puoi fare tramite BONIFICO all’IBAN   IT83W0306909606100000121875 intestato, presso BANCA INTESA - SAN PAOLO , a ASSOCIAZIONE PSYCHIATRY ON LINE ITALIA - Via Provana di Leynì 13 Genova, oppure puoi usare il nostro account PayPal connesso all’email boll001@pol-it.org

 
Grazie per ciò che farete
 

 

Image

 

 
MI SCUSO PER L’INVASIONE E GRAZIE DELL’ATTENZIONE

 
 
 
 
 

Vedi il video
> Lascia un commento


Commenti

AIUTARE LA RIVISTA E’ FACILE: lo puoi fare tramite BONIFICO all’IBAN IT83W0306909606100000121875 intestato, presso BANCA INTESA - SAN PAOLO , a ASSOCIAZIONE PSYCHIATRY ON LINE ITALIA - Via Provana di Leynì 13 Genova, oppure puoi usare il nostro account PayPal connesso all’email boll001@pol-it.org

mi pare tutto molto chiaro... Commenti?

BUONASERA CARO FRANCESCO BOLLORINO,

DA QUANDO FECI UNA MIA MISERA PROPOSTA DI APPLICARE A TUTTI GLI UTENTI DEL SITO UNA SORTA DI QUOTA ASSOCIATIVA ( CHE TU GIUDICASTI CORRETTAMENTE INAPPLICABILE ), I TUOI APPELLI SI SONO REPLICATI INDEFESSI E SEMPRE PIU' CHIARI E CIRCOSTANZIATI. E DUNQUE, MI CHIEDO, VISTA LA MASSIMA TRASPARENZA DEL TUO APPELLO E VISTA L'ALTISSIMA PERCENTUALE DEGLI UTENTI FRUITORI,SE PUOI ALMENO SOTTOLINEARE IN MANIERA STATISTICA UN AUMENTO DEI CONTRIBUTI DONATI ALLA RIVISTA?
MENTRE STAVO LEGGENDO UN LIBRETTO DI R. STEINER SUL DANARO ED IL SIGNIFICATO DEL SUO VALORE SOCIALE ED INDIVIDUALE, HO FATTO UN CALCOLO MENTALE SULLE PERCENTUALI CHE HAI ESPRESSO NELLA TUA NOTA IN RAPPORTO ALLA CIFRA DEI 20.000,00 € OCCORRENTI PER L'AGGIORNAMENTO ED APPUNTO GLI UTENTI FRUITORI GIORNALIERI: SE TUTTI NOI CONTRIBUISSERO NELLA TOTALITA' LA QUOTA PER OGNUNO SAREBBE PARI A 0,20 € - SE NON HO LE TRAVEGGOLE - !!! FA IMPRESSIONE.
CERCANDO DI FARE LA MIA PARTE PER QUELLO CHE MI E' POSSIBILE, SPERO CHE QUESTA MIA SEMPLICISSIMA CONSIDERAZIONE POSSA QUANTOMENO AGGIUNGERE UNA BRICIOLA IN PIU' ALLA RIFLESSIONE COMUNE.
GRAZIE PER L'OPERA CHE SVOLGI.

GIOVANNI LUPPI

in realtà basterebbero 50€ per 400 generosi lettori ovvero una risposta positiva dal 2,5% del totale mensile dei lettori..... o 25€ per 800 pari al 5% dei lettori.. 10€ per 2000 lettori pari al 15%. ma forse è chiedere troppo


Totale visualizzazioni: 2063