Open Arms e i migranti sani del Dott. Cascio

Share this
19 agosto, 2019 - 18:16
Nella triste, lunga vicenda della nave «Open Arms» bloccata da giorni al largo del porto di Lampedusa  è apparso un nuovo inedito protagonista: il dr. Francesco Cascio, medico responsabile del Poliambulatorio dell’isola. I mezzi di informazione hanno riportato che egli avrebbe dichiarato che delle tredici persone sbarcate perché bisognose  di urgenti cure, almeno secondo i medici del Sovrano Ordine di Malta che le avevano visitate sulla barca, una sola avrebbe avuto bisogno di trattamenti sanitari perché affetta da otite; gli altri dodici sarebbero stati bene. Il nostro valoroso Ministro dell’Interno ha subito commentato il referto del dr. Cascio come prova dell’attitudine degli operatori delle organizzazioni umanitarie a sparare “bufale” senza fondamento.

Io non sono su Lampedusa e non posso incontrare  i migranti in questione.  Però ritengo lecito e corretto chiedermi cosa ha cercato il dr. Cascio nei corpi dei migranti?
Osservo che il dr. Cascio ha declinato il concetto di “malattia” secondo rigidi, esclusivi criteri anatomici e biologici. Almeno così a me pare. Se è così, allora egli ha ignorato del tutto la dimensione della sofferenza psicologica e della compromissione della salute mentale, presumibilmente assai elevate, in persone, specie minori di età, che vivono da tempo grandi disagi e pessime condizioni della vita quotidiana. 
Sappiamo che la salute mentale è parte integrante della salute e del benessere, come si evince dalla definizione di salute che si trova nella Costituzione Italiana e nella Carta fondativa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS): "La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non semplice assenza di malattia o di infermità".
Non c’è salute senza salute mentale.
 

 

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 285