Giovani psichiatri - La ricerca italiana

Share this
30 novembre, 2012 - 15:32

 

La sala Cavalieri 1 ancora una volta � gremita di gente, i quattro ricercatori riescono a tenere alto l'interesse della platea per tutta la durata della sessione, tutte le relazioni sono di alto livello e gradite dal pubblico.

A. Bertolino(Bari) riporta i risultati dei suoi ultimi studi di imaging cerebrale (MRI) con N-acetil aspartato, un amminoacido marker di integrit� neuronale (in particolare per quel che riguarda i neuroni piramidali glutammatergici). Viene riportato un calo dei livelli di tale amminoacido nei pazienti schizofrenici a livello della regione prefrontale dorsolaterale. Interessante la possibilit� di valutare l'effetto della terapia farmacologia: gli antipsicotici di prima e di seconda generazione sono in grado di aumentare in modo selettivo e reversibile, i livelli di N-acetil aspartato nella corteccia prefrontale dorsolaterale.

C. Pariante (Londra) ricorda la presenza di disfunzioni a livello dell'intero asse ipotalamo-ipofisi-corticosurrene nella depressione riportando interessanti e innovative evidenze. Nei pazienti depressi infatti l'ipercortisolemia potrebbe essere spiegabile con l'impossibilit� da parte di tale ormone di agire con feedback negativo sull'asse a causa di una ridotta funzionalit� dei suoi recettori GR intracitoplasmatici. Un ruolo importante potrebbe essere giocato anche da trasportatori per i glucocorticoidi in grado di limitare la quantit� di ormone intracellulare. Secondo gli studi di Pariante i farmaci antidepressivi sono in grado di ripristinare la funzionalit� dell'asse proprio agendo come bloccanti su tali trasportatori. In futuro potrebbero essere messe a punto altre due classi di farmaci antidepressivi:modulatori dei i recettori del CRF e dei glucocorticoidi e modulatori dei trasportatori per i glucocorticoidi. Pariante con simpatia ed entusiasmo spiega il significato del curioso titolo della sua relazione: Il cortisolo nella depressione: da �la febbre del sabato sera� a �Pulp Fiction�. Bisogna evitare l'effetto John Travolta (scomparso dagli schermi negli anni '80-90, periodo in cui anche gli studi su cortisolo e depressione erano in disuso) e rimanere con la ricerca sempre sulla cresta dell'onda senza scoraggiarsi.

  P. Pietrini (Pisa) si conferma, come sempre, come una delle personalit� di pi� alto livello nel panorama psichiatrico italiano, oltre che come ricercatore capace e appassionato. Analizza lo stato dell'arte nella ricerca inerente le basi neuronali delle funzioni cerebrali normali e patologiche. Riporta interessanti studi sulla aggressivit�, modulata a livello delle corteccia prefrontale ventro-mediale, in modo diverso fra uomo e donna, come comprensibile in un ottica evolutiva e studi sulla plasticit� cerebrale.

 A. Serretti illustra con grande chiarezza espositiva i risultati delle ricerche nell'ambito della farmacogenetica. Esiste una variabilit� interindividuale su base genetica sia per quel che riguarda la farmacocinetica che la farmacodinamica dei composti terapeutici. Grazie ai promettente risultati del gruppo di ricerca del San Raffaele l'applicazione nella pratica clinica di tali conoscenze non appare pi� cos� remota. Esistono gi� alcuni validi perditori della risposta agli antidepressivi e al litio, la ricerca continua per arrivare ad avere predittori sempre pi� validi e concretamente utilizzabili per indirizzare la scelta delle terapia. 

> Lascia un commento