Editoriale
il punto di vista di Psychiatry on line Italia
di Francesco Bollorino

Uno, nessuno, centomila

Share this
11 febbraio, 2013 - 13:28
di Francesco Bollorino

Lo scorso 31 ottobre sono successe due cose che mi hanno, al tempo stesso, stupito e commosso:
dimostrandosi quel che alla fin fine è, una sorta di memoria digitale storica a volte incosapevole di fatti pubblici e privati, dal mare del WEB una ricerca casuale fatta su un motore di ricerca mia ha " restituito" come un messaggio trovato in una bottiglia una mia antichissima ( per i tempi della rete) mail che si trovava indicizzata in un remoto server americano.
La riproduco così come l'ho trovata:

*** From Net-Happenings Moderator ***
Date: Sun, 16 Jul 1995 11:14:19 -0500
From: boll001@pn.itnet.it
Subject: Psychiatry on line Italia
http://www.cityscape.co.uk/users/ad88/ital.htm
The italian section of international psychiatric magazine is born!
Edited by F. Bollorino of Genoa (boll001@pn.itnet.it) don't esitate to contact him in order to submitt your italian psychiatric papers.

L'indirizzo web non è più attivo, la mia posta elettronica da allora è cambiata, ora ho in casa una linea ISDN e in Istituto una linea dedicata, allora viaggiavo a 2,8 K al secondo, ma questa email è la traccia dell'inizio di questa avventura di POL.it che tanto è cambiata dai suoi gracili esordi.

Sempre il 31 ottobre scorso per la prima volta "ufficialmente" (i counter, si sa non sono precisissimi e per stessa ammissione dei loro gestori danno dati approssimati per difetto nel momento in cui non tutti i click vengono tracciati) il nostro Counter HIT BOX ha superato le 100.000 pagine lette in un mese ed i 30.000 lettori singoli nello stesso periodo di tempo, un risultato che ha dell'incredibile per una piccola realtà come la nostra libera e non supportata, alle spalle, da alcuna macchina editoriale tradizionale

Questi due fatti, come detto all'inizio mi hanno stupito e commosso, al tempo stesso mi hanno portato a fare delle considerazioni che oggi vorrei condividere con i lettori della rivista:
allora ero "uno", provavo ad avviare "una cosa" nuova ed inesplorata e non avevo "nessun" interlocutore, scrivevo ed organizzavo il materiale che, faticosamente, riuscivo a mettere assieme inviandolo "ad un mondo" le cui dimensioni mi erano sconosciute ed in ogni caso sicuramente più piccole delle fantasie "consolatorie" che mi aiutavano a continuare in una strada irta di ostacoli il primo dei quali era l'indifferenza e a volte l'ostilità nei confronti di uno strumento di comunicazione nuovo e sconosciuto ai più, non c'è nulla di peggio dell'ignoranza, quando l'hai di fronte come ostacolo.....
ora siamo in tanti, sia sul versante redazionale con continui nuovi ingressi in Redazione che portano lavoro ed entusiasmo rinnovato nell'impresa, sia sul versante utenti, sappiamo quanti siete ( e la cifra ha dell'incredibile, testimonianza in ogni caso del difinitivo radicamento della rete nella cultura informativa delel persone) e ciò oltre che una grande soddisfazione rappresenta un impegno sempre maggiore nel non deludervi.

Quale Editor di POL.it mi sono posto la domanda sulle ragioni di tali lusinghieri risultati e la risposta è complessa e provo a proporvela: 

  1. la visibilità della Rivista su Internet è alta, nel senso che "godiamo" di molti links ( + di 800) verso di noi inseriti in altri siti e i motori di ricerca hanno indicizzato in maniera notevole il nostro materiale (anche per la longevità della Testata), per cui chi cerca "psichiatria " sul WEB bene o male con POL.it si incrocia e finisce forse per diventarne fedele lettore, come dimostrano le nostre statistiche che ci dicono che la maggior parte degli accessi avviene attraverso i bookmarks dei browsers
  2. Il taglio editoriale della rivista con il suo misto di informazione d'attualità e approfondimento scientifico credo "catturi" esigenze diverse ma non per questo incompatibili di chi vuole aggiornarsi professionalmente e di chi dal web cerca soprattutto notizie
  3. La grande varietà di contenuti associata alla ormai buona navigabilità all'interno del sito evidentemente soddisfa le più varie esigenze dei lettori, che possono trovare in POL.it un punto di arrivo e di partenza serio e professionale nel campo della psichiatria

Se ho un cruccio è quello più volte segnalato in questo spazio della scarsa interattività con il pubblico dei lettori che spesso scrivono chidendo informazioni attraverso la pagina del FEEDBACK ma che raramente, come invece accade spesso all'estero, interagiscono con gli autori e la redazione in materia dei contenuti proposti.
Io credo sia fondamentalmente una questione di tempo e di ulteriore maturazione nell'uso di questo strumento, io sono fiducioso come lo ero quella mattina di domenica in cui invia quel messaggio di posta elettronica.........

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 716