I DIRITTI DEI SOFFERENTI PSICHICI
Come possiamo organizzare leggi, istituzioni, associazioni e SSN per garantire l'emancipazione
di Manlio Converti

Diritto a CURE SPECIALI ma non per tutti

Share this
19 aprile, 2017 - 14:31
di Manlio Converti

In risposta al testo del collega Gilberto Di Petta 
http://www.psychiatryonline.it/node/6731

Ho trovato su Quotidiano Sanità il testo della mhGAP dell'OMS
http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=49961

Che tra l'altro terrà a fine anno sul tema a GINEVRA il 9-10 ottobre 2017 un convegno internazionale proprio sul tema del GAP (differenza inaccettabile) rispetto alle Cure Mediche (Medical Health mh).
http://www.who.int/mental_health/mhgap/en/

Siccome sono un tipo fissato sulla questione Lgbt mi sono andato a cercare l'originale del testo in Inglese ed ho scoperto che questo conteneva come premessa che gli psichiatri devono essere attenti alla questione del GENERE, ma l'Azienda Sanitaria Univeritaria Integrata di Trieste ha invece ben pensato di tradurre "gender" con SESSO, come se solamente i genitali e solo quelli binari di una persona abbiano importanza nell'ambito PSY.
http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:JTKkv-fSBQ0J:www.minsa.gob.pe/dgsp/archivo/salud_mental_documentos/14_mhGAP_Intervention_Guide.pdf+&cd=3&hl=it&ct=clnk&gl=it

Siccome sono un tipo fissato anche sulla Questione della Salute Mentale, mi sono anche letto quali fossero le differenze fondamentali nel merito.

1) Si pretende che siano gli STAKEHOLDER ad organizzarsi rispetto a tutti i livelli istituzionali per rappresentare le proprie esigenze ed esperienze in materia di Salute Mentale (intesa in senso lato per psichiatria, neurologia, neuropsichistria infantile e SERT)

2) Gli Stakeholder ovvero i portatori di interesse sono nell'ordine I PAZIENTI, I PARENTI, I TUTORI, LA SOCIETA'. Di fatto l'ordine avrebbe al vertice i pazienti, ma nella prassi si inverte il sistema, anche a causa del significato di Terapia Obbligatoria/Volontaria e TSO per cui è la società ad IMPORRE agli stessi Psichiatri comportamenti e modelli di azione coercitivi verso gli altri livelli.

3) Si pretende che la priorità sia data alle cure DOMICILIARI, quando per domicilio spesso oggi si intende una residenza protetta o un Manicomio Privato.

4) Si pretende che la priorità sia data alle cure specialistiche e specifiche... svalutando quelle generiche e sociali o la reintegrazione familiare. Questo è il punto del quale parla il collega Di Petta e sul quale andrebbe fatta una grande discussione perché non mi è chiaro cosa intendiamo per cure specialistiche.

Speciale a casa mia può essere chiunque, se è in grado di capirmi
Speciale è il costoso psicofarmaco o la costosa clinica con tanti infermieri e medici che mi danno costosi psicofarmaci
Speciale è il dolce che fa mia madre al mio compleanno
Speciale sono io se faccio un buon risultato sul lavoro o nello sport

Speciale e specialistico in Psichiatria sono solo gli interessi dei Medici e delle Case Farmaceutiche.
Speciale e Specialistico in Salute Mentale è l'accoglienza e la Riabilitazione, la Psicoterapia e il Reinserimento sociale e lavorativo.

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 393