LE PAROLE CHE CURANO
Una Poesia al giorno toglie l'Analista di torno...
di Maria Ferretti

La Poesia per me

Share this
17 giugno, 2017 - 09:32
di Maria Ferretti

La poesia per me arriva nella stanza di analisi, per caso per istinto nel momento in cui le parole iniziano ad esser vuote soprattutto in risposta ad assenza di interpretazioni .

Ecco perché questa rubrica si chiama le parole che curano.

La poesia, quella che piace a me e che mi ha fatto bene veramente e' quella che buca e arriva immediatamente in profondità come una buona interpretazione.

In poche parole si tolgono veli e si può sentire ciò che sta sotto lo si può vedere.

A volte le poesie ritraggono perfettamente l'essere umano nella sua complessità emozionale.

Come diceva Ezra Pound le poesie sono un distillato della parola.

La definizione che più si avvicina alla mia idea di poesia e quella di Paul Eluard : “Non c’è niente di più ripugnante del linguaggio poeticistico, di parole troppo graziose elegantemente legate ad altre perle. La vera poesia si trova bene in compagnia di crude nudità, fra tavole che non son di salvezza, fra lacrime non iridate. Sa che ci sono deserti di sabbia e deserti di fango, impiantiti lucidati a cera, capelli spettinati, mani rugose, vittime fetide, eroi miseri, idioti splendidi, ogni specie di cani, di scope, di fiori tra l’erbe, di fiori sulle tombe. Perché la poesia è nella vita” (Paul Éluard, La poesia è contagiosa, in Poesie)

Non sono un'esperta di poesia ma ne faccio esperienza ed è l'unica cosa che so fare bene nella vita e cioè fare esperienze e la ricerca nella cura ha trovato la poesia.

Così con questa rubrica mi dedico al linguaggio più arcaico e comprensibile che come essenza arriva la dove forse non possiamo arrivare noi gente PSY (Psichiatri, Psicologi, Analisti, Terapeuti).

Penso a noi che dedichiamo la vita a curare-prenderci cura degli altri e che, proprio per questo, siamo in continua ricerca di arginare il nostro malessere.

Questa rubrica la dedico a noi.
Sperando di accarezzarci un po’.

> Lascia un commento