Editoriale
il punto di vista di Psychiatry on line Italia
di Francesco Bollorino

Perché i lettori di Psychiatry on line Italia non sostengono finanziariamente la rivista?

Share this
8 luglio, 2017 - 13:51
di Francesco Bollorino
Mi sono posto questa domanda alla luce dei risultati, dopo dieci mesi dall’appello lanciato in maniera credo chiara e non equivocabile, delle donazioni spontanee alla Rivista e questo nuovo contributo proverà ad essere una risposta onesta e sincera e al tempo stesso un rilancio spero ancora più chiaro dell’appello a suo tempo pubblicato su queste pagine.
 

Psychiatry on line Italia è una rivista di nicchia che essenzialmente si rivolge ad un pubblico professionale di operatori della Salute Mentale. Nonostante ciò e nonostante il bacino di utenza piccolo rispetto a risorse più generaliste, i numeri sono davvero significativi: ogni mese oltre 60000 lettori singoli accedono alle nostre pagine (abbiamo oltre 6500 articoli archiviati e in costante aggiornamento) e oltre 35000 utenti singoli vedono i video caricati sul Canale Youtube della testata (che rappresenta un vero fiore all’occhiello coi suoi 900 video unico come quantità e qualità in tutta la rete mondiale).
Ogni anno sono lette oltre 1.400.000 pagine della rivista e se tutto procede come ora entro l’autunno supereremo la soglia delle 1.500.000 viste dei video del Canale Youtube. Numeri davvero confortanti, frutto, credo, del lavoro costante sui contenuti fatto dalla Redazione e dai tanti collaboratori/contributori che regolarmente pubblicano su POL.it, a cui va il mio ringraziamento sincero.
Considerando i trend attuali si può dire che non passa giorno in cui la Rivista non proponga almeno  un nuovo contenuto all’attenzione dei suoi lettori.
 
Tutto questo ha un prezzo: in termini di lavoro e di costi visto che la “leggenda metropolitana” per la quale una risorsa gratuita (quale è e resterà sempre POL.it) non costa nulla, va, una volta per tutte, sfatata.
 
Procediamo con ordine e con estrema chiarezza.
 
Dietro a Psychiatry on line Italia non vi sono Società Editoriali o potetentati di qualche sorta, vi è un'unica persona, il sottoscritto, che da 23 anni, col suo lavoro e con i suoi quattrini, faticosamente gestisce e ha fatto crescere questa realtà che ora in tanti credo apprezziate.

Gestire la rivista implica un lavoro di parecchie ore settimanali che sono TUTTE a carico di chi scrive, così come la realizzazione e il montaggio dei video per YouTube. Ovviamente non immagino di avere un ricavo da tale lavoro, poiché di lavoro VERO si tratta, ma PURTROPPO vi sono altre voci a bilancio che vanno considerate: la rivista ha una partita IVA indispensabile ove dovesse fatturare (cosa che NON ACCADE ormai da molti anni), ciò comporta spese di tasse e di commercialista, per non parlare delle spese di trasferta per la partecipazione ai congressi per i video (mi pagano, non sempre, l’albergo ma non il viaggio necessariamente in macchina per via delle attrezzature), per non parlare dei costi del Server e della manutenzione ordinaria dal punto di vista informatico del sito.
Spannometricamente PER DIFETTO si può dire che la rivista abbia costi di gestione ordinaria compresi tra i 10.000 e i 12.000€ all’anno che sono TOTALMENTE a mio carico.
Queste sono spese correnti e fisse a cui vanno aggiunte le spese straordinarie ma molto significative che per mantenere POL.it viva e al passo coi tempi andrebbero presto fatte: sostituzione delle attrezzature ( computer e videocamera) indispensabile poiché ciò che uso non è più al passo coi tempi, il costo è quantificabile in non meno di 10.000€; aggiornamento radicale del sito per adattarlo all’uso sul Mobile, cosa che attualmente non è, per la quale cosa ho un preventivo di 5000€.
 
A fronte di tutto ciò le entrate della rivista sono pari a ZERO e davvero non so più come andare avanti sempre donando il mio lavoro a titolo completamente gratuito visto che il fabbisogno annuale anche considerando un “ammortamento” per le attrezzature di quattro anni si aggira attorno ai 16.000€/anno.
 
Ho voluto essere estremamente chiaro ed esplicito poiché continuo a temere che molti lettori non abbiano capito la situazione ne è testimonianza il fatto che solo 200 tra loro hanno voluto generosamente, ognuno secondo il suo sentire e secondo le sue possibilità fare una donazione alla rivista.
Il risultato ad oggi è di meno di 7000€ raccolti ovvero molto al di sotto delle spese fisse che abbiamo e che credo di avere descritto in maniera molto chiara.
 
In tanti, troppi oso dire, sono mancati all’appello e mi domando e vi domando perché, visto che non mi pare di essere stato in passato poco chiaro nelle ragioni della mia richiesta.
 
Resta però il fatto inoppugnabile che il mio appello è risultato, per la maggior parte dei lettori, inascoltato e sono qui NON SOLO a riproporlo spero in maniera molto chiara ma pure a chiedervi la ragione di tale comportamento.
 
Mi sono pure chiesto cosa avrei fatto io al vostro posto e la risposta SINCERA è che avrei contattato la Rivista per chiedere eventuali chiarimenti ove le cose non mi fossero chiare e poi avrei devoluto 50€ come contributo annuale sapendo che lo avrei poi ripetuto nel tempo. Questo avrei fatto io ma al di là della cifra che sta nelle disponibilità di ognuno e  qualunque essa fosse sarebbe un segno di generosità e comprensione, perché così in pochi lo hanno fatto?
 
Rinnovo pertanto l’invito a valutare attentamente le mie parole sincere e al limite spiegarmi perché ritenete di non dover o poter aiutare POL.it essendone regolari lettori ed essendo OBIETTIVAMENTE la testata a rischio se non di chiusura drastica (possibile) di lenta agonia (certa) se non verrà aiutata adeguatamente e nel tempo.
Psychiatry on line Italia è una testata indipendente che ha fatto della qualità e della pluralità dei suoi contenuti la chiave del suo crescente successo negli anni.
 Forse la sua indipendenza, il suo essere totalmente fuori da qualunque giro di potere o di interesse economico non l’ha aiutata ma resta per me un tratto ineludibile che finché potrò porterò avanti senza se e senza ma.
 
Arrivato a questo punto mi permetto di rinnovare l’invito ad una libera donazione alla rivista ognuno per quanto può anche considerando il fatto che se TUTTI i lettori regolari di POL.it partecipassero alla sottoscrizione davvero basterebbe poco per portare fuori dai guai la rivista e renderla stabile e sempre migliore.
IL POCO DA TANTI PUO’ FARE IL BENE DI TUTTI.
 
Se volete aiutare Psychiatry on line Italia vi è un solo modo per farlo:
 
FARE UNA LIBERA DONAZIONE ALLA RIVISTA e lo potete fare tramite BONIFICO all’IBAN IT23A0335901600100000121875 intestato, presso BANCA PROSSIMA, a ASSOCIAZIONE PSYCHIATRY ON LINE ITALIA - Via Provana di Leynì 13 Genova, oppure potete usare il nostro account PayPal connesso all’email boll001@pol-it.org

 
 
 

Vedi il video
> Lascia un commento


Commenti

Caro Francesco,
hai visto cosa è successo per la colletta benefica al matrimonio di Messi? Da prendere ad esempio, per capire come va il mondo.
Ciao

Caro Bollorino, ritengo che le ragioni sociologiche o psicologiche che possano rispondere alle tue domande e alle tue perplessità siano estremamente complesse o estremamente banali.
Mi verrebbe in mente che nella “Società del Godimento”, il godimento stesso sia tanto più grande, quanto meno costoso è l'oggetto del godimento stesso e sia massimo, se gratuito.
Io sarei pragmatico e propongo:
1. Tu, seguita a lanciare appelli,
2. Noi, da parte nostra e cioè quelli che hanno contribuito finora, cerchiamo di contribuire con una quota superiore.
E questo per fare continuare a vivere la rivista, permettendo così, nel tempo, una maggiore sensibilizzazione, che sortisca, augurabilmente, gli effetti sperati.
L’unica cosa da non fare è “Cedere sul nostro Desiderio” di far sopravvivere la rivista.
Un caro saluto.
Stefano De Luca

Buonasera Francesco B., Il tuo appello,purtroppo,resta ancora avvolto nelle nebbie dell' oltretomba: novello Tiresia. Ritorno anch'io sul tema e contraddicendo al tuo verbo sacro di voler mantenere la veste di gratuità alla Rivista, giunti al punto di non ascolto della maggioranza degli illustri colleghi registrati, oso suggerire una sorta di quota associativa ( tema che avevo già parafrasato in precedenza), con una ipotetica password di accesso per la fruizione dei contenuti dei testi: bisogna trovare il modo di garantire la libertà di consultazione unendola alla autoresponsabilizzazione di essere parte attiva nel mantenimento di uno strumento indispensabile di cultura e di lavoro. Spero di non far germinare alcuna rivoluzione o risentimento. Grazie per ciò che impieghi del tuo entusiasmo e forza di fare. Attendo feedback da parte di tutti ( nel mio piccolo). Giovanni Luppi.

Caro Giovanni comprendi bene che mettere una quota ha poco senso se non vi è riposta alcuna
Testate ben più potenti di Psychiatry on line Italia si son scontrate con l'impossibilità PRATICA di trovare abbonati on line.
Il concetto che io vorrei fosse compreso è SOLO UNO: realizzare Psychiatry on line Italia COSTA poichè è una realtà BEN PIU' COMPLESSA di un blog personale e perchè per fare le cose che facciamo vi sono costi veri e tali COSTI VERI sono TUTTI a mio carico e ONESTAMENTE dopo tanti anni non ce la faccio più a sostenerli da solo.
Ho cercato invano Sponsor, ho proposto invano ai Congressi di finanziare le riprese fatte dalla rivista.
Tutto inutile evidentemente non mi saprò vendere non so..
Resta il fatto che pure i lettori registrati latitano e lentamente POL.it morirà


Totale visualizzazioni: 682