I DIRITTI DEI SOFFERENTI PSICHICI
Come possiamo organizzare leggi, istituzioni, associazioni e SSN per garantire l'emancipazione
di Manlio Converti

DIRITTO a VALUTARE la QUALITA' della SALUTE MENTALE

Share this
12 dicembre, 2017 - 13:26
di Manlio Converti

L'OMS raccomanda caldamente di fare intervenire i sofferenti psichici e i loro familiari in qualità di Portatori di Interessi (Stakeholders) in numerosi trattati incluso l'ultimo sulla Qualità della Vita in Salute Mentale o meglio la Qualità dei Diritti in Salute Mentale.

Se è chiaro che Salute Mentale è un concetto Socio.Sanitario più complesso di Psichiatria, non si capisce perché nella maggioranza dei casi gli Stakeholders siano semplicemente ignorati dai Servizi di Salute Mentale, che restano centrati sulla indisponibilità al dialogo e la riduzione costante di personale e servizi medesimi, con effetti anche di Burn Out del personale sanitario.

UNA PSICHIATRIA SENZA PSICHIATRI

L'emancipazione da una psichiatria senza psichiatri è possibile anche facendo un lavoro di Osservatorio Efficace dei Servizi per poter monitorare dal punto di vista degli Stakeholder (o della popolazione civile) la Qualità dei Diritti e dei Servizi medesimi allo scopo di fare pressione politica e garantire strumenti, servizi e personale oggi semplicemente assenti.

Per farlo occorre un METODO.

Il primo obiettivo è ottenere SPAZI per discutere i propri obiettivi in modo assembleare da parte degli Stakeholders, in modo da solidarizzare eventuali risposte non psichiatriche a tutto il gruppo.

Le PROPOSTE da parte degli Stakeholders non dovrebbero mai essere ignorate ma anzi incentivate e garantite, una volta chiariti gli obiettivi di base che sono:

1) Metodi Evidence Based

2) Qualità della Vita

3) Inserimento Sociale, Scolastico e Lavorativo

4) Diritti Umani, Equità e Rispetto delle Differenze di Genere (anche Lgbt)

A questo punto se un gruppo di Stakeholder insieme ad altre associazioni di cittadini vorranno usare quei criteri potranno creare un Gruppo di Valutazione della Qualità dei Diritti e dei Servizi della Salute Mentale che potrà seguire il Metodo Scientifico:

1) Guardare, Toccare, Annusare, Assaporare, Ascoltare

2) Contare (il personale, i posti letto, il rapporto M/F, la distribuzione per età, il numero e il tipo dei servizi offerti, il numero dei partecipanti a progetti di riabilitazione  e ad ogni altro servizio offerto, il numero di persone in terapia volontaria, il numero di consensi informati, il numero di TSO per persona, la permanenza delle persone nei vari servizi in giorni... ecc)

3) Intervistare il Personale, i Pazienti e i Parenti, in modo random, secondo un'intervista standard in modo che siano paragonabili le risposte, facendo solo domande aperte, per ottenere risposte sincere e ampliare eventualmente l'inchiesta.

4) Verificare i seguenti standard: terapie e servizi offerti in modo personalizzato; effettiva possibilità di scelta e informazioni corrette ed aggiornate ogni volta agli Stakeholders; effettiva adesione ai diritti civili e alle attitudini dei pazienti; dignità e rispetto degli Stakehoders ma anche progetti contro lo Stigma nella comunità; effettiva partecipazione degli Stakeholder alle scelte di vita e alla propria emancipazione; presenza di metodi di valutazione della quantità ma anche della qualità dei servizi offerti.

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 807