COVID-19: LETTERA DA SAN PAOLO, BRASILE

Share this
2 giugno, 2020 - 08:09

     Tutto è iniziato nel febbraio 2020, quando l'Italia ha sofferto di una sofferenza che mi ha toccato profondamente come essere umano e in modo particolarmente emotivo.                                 

     Bene, sono brasiliana e il mio cuore ha nella sua memoria affettiva la lingua, gli  profumi e la storia dell'Italia che è stata fornita da mia madre e dai miei nonni materni nati a Lucca, in Toscana.   

      Ho seguito da vicino la pandemia italiana, attraverso i miei cugini e zii nati e residenti in Italia, alcuni amici e giornali.   

      Oggi, penso che il momento peggiore sia felicemente passato.   

      Le prime notizie sul Covid sono iniziate in Brasile e a seguito di un significativo aumento del contagio. I voli sono stati cancellati, di conseguenza, anche il mio viaggio a New York.  

     Subito dopo, il terrore, le previsioni, i morti, gli ospedali affollatiInsieme a questo, la frase di vulnerabilità dei meno favoriti.   

      Allo stesso tempo, stiamo vivendo una destabilizzazione politica in Brasile.  Il nostro presidente, Jair Bolsonaro, in contrasto con i ministri, sottolinea l'importanza dell'economiaMinistri che se ne vanno, ministri che entrano nel governo.  Disaccordi politici che descrivono un momento doppiamente drammatico.   


 

     Nel tentativo di mantenere la crescita dei contagi, i sindaci e i governatori si organizzano per riaprire gli affari in base alla regione, vale a dire quelli più colpiti dalla crescita del contagio e meno colpiti.  Il governo ha stabilito le regole di apertura per regione e per impresa in base al grado di necessità della popolazione.      

     A Manaus, in Amazon, la mancanza di servizi igienico-sanitari di base e medici, innescata da Convid, ha provocato un colasso del sistema sanitario pubblicoUn dramma pietoso per il nostro paese. 

      Nel mezzo della situazione, il governo fornisce aiuti trascurabili ai meno fortunati, prestiti a commercianti e imprenditori.  Il tentativo ora è di contenere la pandemia e riaprire l'economia.   

      C'è chi può stare a casa.  Ma c'è una parte della popolazione che vive precariamente in regioni ad alto rischio, con cattive condizioni sanitarie, come favelas, posti indigeni, spesso trascurati dal governo e dalla popolazione.  Ora stiamo esaurendo il tempo e in modo diseguale, perché chiunque può stare a casa.   

      Per quanto riguarda la necessità di essere a casa e la salute mentale, noi psicologi, psicoanalisti e psicoterapeuti stiamo affrontando la controversia fra la presença física del paziente e la presenza online. La differenza fra presenza fisica e quella on line pone il problema della difficoltà di instaurare un rapporto di transfert efficace. 

      Tuttavia, l'esperienza online ha dimostrato che, il  rapporto di tranfert avviene durante il processo terapeutico.

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 286