INTERVISTA A GIULIANO KURDOGLU (Lundbeck Italia)

Share this
28 novembre, 2012 - 17:15

Cosa bolle in pentola? Ovvero quali sono i prossimi farmaci di area neuropsichiatria sulla rampa di lancio in Italia?
Noi abbiamo appena messo in commercio un nuovo farmaco per il trattamento del morbo di Alzheimer, che ha come nome commerciale Ebixa e come nome scientifico di Memantina, l�importanza del quale e� legata al fatto che attualmente e� l�unico farmaco a possedere l�indicazione per Alzheimer di grado medio e grave. Il farmaco e� disponibile in Italia dalla meta� dell�ottobre scorso e lo stiamo attivamente promuovendo dall�inizio di quest�anno. La seconda novita�, che riguarda un altro campo terapeutico piuttosto interessante, concerne il trattamento del morbo di Parkinson: verosimilmente all�inizio dell�anno prossimo avremo la possibilita� di mettere a disposizione dei neurologi italiani un nuovo farmaco, la Rasaginina, che verra� commercializzato col nome di Azilect, che rappresenta un passo avanti nel trattamento di questa patologia, che e� ben presente agli occhi di tutti, non fosse altro che per la fama di alcuni suoi malati illustri. Dopo di che Lundbeck ha in programma anche un farmaco per il trattamento della schizofrenia, ed un nuovo farmaco per la terapia del morbo di Parkinson.
Il rapporto fra industria farmaceutica ed educazione medica continua
Questo e� un impegno collaudato, direi che Lundbeck ha rapporti con tutte le principali societa� scientifiche italiane, con le quali ha cercato sempre di creare dei momenti di aggiornamento scientifico che unissero all�aspetto qualitativo anche una componente di innovazione e di condivisione delle conoscenze.
Qual e� l�atteggiamento della vostra azienda nei confronti della ricerca farmacologica in Italia?
E� un rapporto che si va costruendo. La filiale italiana di Lundbeck e� particolarmente giovane, ha cominciato a lavorare sul versante commerciale e soltanto negli ultimi due anni abbiamo cominciato a creare dei rapporti di partnership per quanto riguarda la ricerca. E� chiaro che si tratta di un settore che non potra� che andare sviluppandosi in sede Lundbeck, casa madre, con un�attivita� di ricerca che sappiamo essere fondamentale.
(a cura di E. L. Fiscella e L. Adriano)

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 785