CYBER COMMUNISM: come gli Americani stanno sostituendo il capitalismo nel cyberspazio

Share this
4 novembre, 2012 - 23:13

‘… è l'impatto della rivoluzione dell'informazione sul capitalismo non l'ultima esemplificazione della … tesi di Marxs che: "in una certa fase dello sviluppo, le forze produttive materiali entrano in conflitto con le relazioni esistenti della produzione …"? … la prospettiva del "villaggio globale" non segna la fine delle relazioni di mercato .. almeno nella sfera dell'informazione digitalizzata?'

 

FANTASMI NELLA MACCHINA

Un fantasma sta infestando la Rete: lo spettro del comunismo. Riflettendo la stravaganza dei nuovi media, questo spettro assume due forme distinte: l'appropriazione teorica del comunismo stalinista e la pratica quotidiana del cyber-comunismo. Qualsiasi loro convinzioni politiche professate, tutti gli utilizzatori della Rete partecipano con entusiasmo a questa rinascita dell'ala sinistra. O in teoria o in pratica, ognuno di loro desidera la trascendenza digitale del capitalismo. Tuttavia, allo stesso tempo, persino il membro più zelante della sinistra non più credere veramente nel comunismo. Dopo la caduta del muro di Berlino e l'implosione dell'Unione Sovietica, questa ideologia è completamente screditata. Le promesse dell'emancipazione sociale si è trasformata negli orrori del totalitarismo. I sogni della modernità industriale sono culminati nella stagnazione economica. Lungi dal rappresentare il futuro, il comunismo sembra un resto del passato.

Soprattutto, l'Unione Sovietica è stata incapace di condurre la rivoluzione dell'informazione. Le strutture economiche e politiche del comunismo stalinista erano troppo inflessibili e segrete per l'emergere del nuovo paradigma tecnologico. Come potrebbe il partito totalitario consentire a tutti di produrre media senza la sua supervisione? Come potrebbe l'agenzia di pianificazione centrale permettere ai produttori di costituire delle reti di collaborazione senza la sua autorizzazione? Era necessaria una società molto più aperta e spontanea per sviluppare la Rete. Eccitati dal potenziale libertario dell'ulteriore convergenza digitale, i proponenti di quasi tutta l'ideologia radicale hanno recentemente aggiornato le loro posizioni. Tuttavia, tra le cyber-femministe, i guerriglieri della comunicazione, i tecno-nomadi e gli anarchici digitali, non c'è alcuna nuova versione della corrente una volta dominante del comunismo stalinista. Persino i suoi seguaci precedenti ammettono che l'Unione Sovietica ha esemplificato i fallimenti peggiori del Fordismo: l'autoritarianismo, il conformismo e il degrado ambientale (Hall e Jacques, 1989).

Gli ideologi del neo-liberalismo americano si sono impadroniti di questa opportunità per rivendicare il futuro. Per quasi trenta anni essi hanno predetto che le nuove tecnologie stavano per creare una civilizzazione utopistica: la società dell'informazione. Per esempio, i Tofflers sono stati convinti per lungo tempo che la convergenza del computer, delle telecomunicazioni e dei media avrebbero reso gli individui liberi dalle grinfie sia dei grandi affari, sia del grande governo (Toffler, 1980). Similmente, Ithiel de Sola Pool profetizzò che la televisione interattiva avrebbe consentito a tutti di creare i loro propri media e di partecipare al processo decisionale politico (de Sola Pool, 1983). Nonostante la loro retorica radicale, questi esperti radicali erano interessati principalmente a dimostrare che le tecnologie dell'informazione avrebbero forzato la privatizzazione e la deregolamentazione di tutta l'attività economica. Il loro futuro post-Fordista era il ritorno al passato liberale. Quando la Rete divenne popolare, questo fondamentalismo del libero mercato è stato adattato rapidamente per adeguarsi alla nuova situazione. Wired dimostra a meraviglia che il ‘Nuovo Paradigma' della competizione non regolata tra i cyber-imprenditori sta ampliando la libertà individuale e sta incoraggiando l'innovazione tecnologica negli USA (Barbrook e Cameron, 1996). Quando la Rete di diffonderà nel mondo, i valori materiali e spirituali del neo-liberalismo americano si imporranno alla fine sull'umanità intera. Come Louis Rossetto — l'editore fondatore di Wired - spiega:

‘Questo mondo nuovo [della Rete] è caratterizzato da una nuova economia globale che è in sé anti-gerarchica e decentralizzata e che la mancanza di rispetto nei confronti dei legami nazionali o il controllo dei politici e dei burocrati … e da parte di una consapevolezza globale, diffusa … che sta facendo fallire le politiche elettorali in una fine completa' (Hudson, 1996, 30).

 

 

IL CULTO DEI DIGERATI

Il narcisismo della Californian Ideology riflette la fiducia in sé stessa di una nazione trionfante. Con la vittoria della Guerra Fredda, gli USA non hanno più alcun concorrente militarmente o ideologicamente serio. Persino i suoi rivali economici nell'Europa unita e nell'Asia dell'Est sono stati superati. Secondo la maggior parte dei commentatori, la rinascita dell'egemonia americana è fondata sulla sua avanguardia nelle tecnologie della nuova informazione. Nessun paese può uguagliare le ‘armi intelligenti' dell'esercito americano. Poche aziende possono competere contro le ‘armi intelligenti' utilizzate dalle corporazioni americane. Soprattutto, gli Usa dominano l'avanguardia dell'innovazione tecnologica: la Rete. Realizzando il sogno americano, pochi fortunati stanno facendo enormi fortune facendo oscillare le loro aziende hi-tech a Wall Street (Greenwald, 1998). Ipnotizzati dal potenziale commerciale del commercio elettronico, molti altri stanno speculando i loro risparmi sulle emissioni azionarie dei nuovi media.

‘Le azioni di Internet … possono essere le cose più calde da quando il bulbo di tulipano olandese fece impazzire nel 1600' (Kadlek, 1999, 1).

Nonostante tutta la ricchezza generata dall'innovazione tecnologica, la divisione tra ricchi e poveri continua ad ampliarsi negli USA (Elliott, 1999). In contrasto con le forme di capitalismo dell'Europa e dell'Asia dell'Est, il neo-liberalismo americano è in grado di combinare con successo il progresso economico con l'immobilità sociale. Sin dalla rivoluzione francese del 1789, i conservatori hanno cercato questa unione degli opposti: modernismo reazionario (Herf, 1984). Sebbene necessarie per la sopravvivenza del capitalismo, le implicazioni sociali della crescita economica hanno sempre spaventato la Destra. Nel lungo periodo, l'industrializzazione continua ha eroso lentamente i privilegi di classe. Quando i loro redditi aumentano, la gente comune può determinare sempre più le questioni politiche e gli atteggiamenti culturali della società. Come risultato, le generazioni successive dei conservatori hanno affrontato il dilemma di riconciliare l'espansione economica con la stasi sociale. Nonostante le profonde differenze ideologiche, essi hanno sempre proposto la medesima soluzione: la formazione di un'aristocrazia hi-tech (Nietzsche, 1961; Ortega e Gasset, 1932):

Le versioni più recenti di questa fantasia reazionaria ha enfatizzato la divisione gerarchica del lavoro sotto il Fordismo. Sebbene molte abilità siano state distrutte dal sistema industriale, nuove specializzazioni sono state contemporaneamente create. Nel Fordismo, ingegneri, burocrati, insegnanti ed altri professionisti hanno costituito un livello intermedio tra i dirigenti e la base operaia (Elger, 1979). Al contrario di molti impiegati, questa parte della classe lavoratrice riceveva stipendi alti e sfuggiva alla subordinazione della catena di montaggio. Timorosi di perdere i loro privilegi limitati, alcuni professionisti diventarono sostenitori entusiasti del modernismo reazionario. Invece di lottare per la giustizia sociale, essi sognavano di fondare una nuova aristocrazia: la tecnocrazia.

‘Ragione, scienza e tecnologia non sono processi inerti tramite i quali gli uomini [e le donne] scoprono, comunicano e indirizzano i fatti imparzialmente e senza passione, ma mezzi con i quali, attraverso i sistemi, alcuni uomini [e donne] organizzano e controllano le vite di altri uomini [e donne], secondo le loro concezioni di cosa è preferibile' (Israel, 1973, 2-3).

Durante gli anni dell'esplosione del Fordismo, la nuova classe dominante si supponeva che fosse costituita dai direttori e da altri professionisti da grandi corporazioni e dipartimenti governativi (Burnham, 1945). Tuttavia, quando l'economia entrò in crisi nei primi anni '70, gli intellettuali dell'ala destra furono costretti a cercare dei sostenitori tra altre parti del segmento intermedio. Ispirati da Marshall McLuhan, essi scoprirono presto il numero crescente di persone che stavano sviluppando le nuove tecnologie dell'informazione (McLuhan, 1964). Per almeno tre decenni, i gurus conservatori hanno predetto che la nuova classe dominante sarebbe stata costituita da capitalisti temerari, scienziati innovatori, hacker geniali, stelle dei media ed ideologi neo-liberali: i digerati (Bell, 1973; Toffler, 1980; Kelly, 1994). Cercando di rendere popolari le loro profezie, essi sostengono sempre che ogni professionista hi-tech ha l'opportunità di diventare un membro di questa nuova aristocrazia. All'interno delle industrie convergenti, i lavoratori specializzati sono essenziali per lo sviluppo di prodotti originali, come software e progetti di siti web. In comune con molti dei loro simili, la maggior arte degli artigiani digitali risentono le conseguenze dell'insicurezza del contratto di impiego. Tuttavia, essi sono anche meglio pagati e hanno un'autonomia maggiore sul loro lavoro. Come in passato, questa posizione sociale ambigua può incoraggiare la credulità verso il modernismo reazionario. Inseguendo il sogno americano, molti lavoratori hi-tech sperano di fare i milioni dal fondando una loro propria società. Invece di identificarsi con i loro simili, essi aspirano a far parte dei digerati: la nuova tecnocrazia della Rete (Kroker e Weinstein, 1994).

Contrariamente alle prime forme di conservatorismo, questo desiderio di dominio sugli altri non è più espresso apertamente nella Californian Ideology. Invece, i suoi gurus sostengono che il ruolo dei digerati porterà beneficio a tutti. Dal momento che essi sono gli inventori di macchine sofisticate e i perfezionatori dei metodi di produzione. Essi stanno aprendo la strada ai servizi hi-tech che alla fine saranno goduti dalla popolazione intera. Nel tempo, i digerati trasformeranno le restrizioni del Fordismo nelle libertà della società dell'informazione. I compromessi della democrazia rappresentativa saranno sostituiti dalla partecipazione personale nel ‘municipio elettronico'. I limiti nella creatività personale nei media esistenti saranno superati da forme interattive di espressione estetica. Persino i confini fisici del corpo saranno trascesi nel cyberspazio. Nella Californian Ideology, l'autocrazia dei pochi nel breve termine è necessaria per la liberazione dei molti nel lungo periodo (Toffler, 1980; Kelly, 1994; Hudson, 1996, Dyson, 1996).

‘Not haves and have nots - [but have-nows and] have-laters' (Rossetto, 1996).

 

LA MINORANZA CHE LIBERA

Ciò che ci sia aspetta ora dai digerati nell'era della Rete è stato predetto una volta circa le altre elites eroiche nell'era del ferro e dell'elettricità. Sin dal tardo diciannovesimo secolo, i romanzieri di fantascienza hanno fantasticato su un piccolo gruppo di scienziati e di filosofi che inventano il dilemma tecnologico per i problemi della società (Bellamy 1982; Wells, 1913). Tra gli attivisti politici, la fede nel ruolo dominante della minoranza illuminata ha un'origine ancora più antica. Al culmine della Rivoluzione Francese nel 1790, i Giacobini decisero che la repubblica democratica poteva essere creata solo da una dittatura rivoluzionaria. Sebbene il loro regime stava lottando per la libertà politica e culturale, sezioni importanti della popolazione resistettero violentemente alla modernizzazione della società francese. Secondo i Giacobini, le menti di questi tradizionalisti erano state corrotte dall'aristocrazia e dal clero. La dittatura rivoluzionaria era necessaria non solo per annientare le ribellioni amate, ma anche per rendere popolari i principi della democrazia repubblicana. Solo per una volta coloro che erano stati educati potevano partecipare al processo decisionale politico. La tirannia della minoranza nel breve periodo avrebbe condotto alla democrazia per la maggioranza nel lungo periodo (Brinton, 1961; Barbrook 1995: 19-37).

Sebbene i Giacobini abbiano conservato il potere per pochi anni, il loro esempio ha ispirato i movimenti rivoluzionari per generazioni. In molti paesi, i gruppi radicali si sono trovati di fronte lo stesso problema di trasformare le comunità tradizionali in società industriali. Nonostante le loro differenze ideologiche, ciascuna minoranza rivoluzionaria aveva lo stesso compito: condurre le masse verso la modernità. Con la metà del diciannovesimo secolo, la Sinistra europea si è resa conto che questo obiettivo di emancipazione politica e culturale poteva esser raggiunta solo tramite il progresso economico. Henri de Saint-Simon ha spiegato che il potere dell'aristocrazia e del clero era fondato sull'agricoltura. Se l'economia poteva essere modernizzata, la ricchezza ed il potere si sarebbero inevitabilmente trasferiti ai membri delle nuove professioni industriali: imprenditori, lavoratori, politici, artisti e scienziati. Come i Giacobini, Saint-Simon sosteneva che questa nuova elite non avrebbe dovuto badare solo ai propri interessi. Dal momento che questi innovatori avevano anche il compito storico di liberare i loro concittadini meno fortunati dalla povertà e dall'ignoranza. Creando l'abbondanza economica, la minoranza illuminata avrebbe messo tutti in grado di vivere vite felici e produttive.

‘I politici ora non dovrebbero essere niente più se non la scienza di fornire al popolo tanti beni materiali quanta soddisfazione morale possibile' (Saint-Simon e Halévy, 1975, 280).

Ispirati da Sint-Simon, i primi socialisti credevano che la crescita economica avrebbe condotto inevitabilmente all'emancipazione politica e culturale. Sotto il capitalismo, ci dovevano essere miglioramenti continui nei metodi e nei macchinari utilizzati per produrre i beni ed i servizi: le forze di produzione. Nel tempo, questi progressi lentamente minarono il possesso privato dell'azienda: le relazioni di produzione. Secondo questa versione di Saint-Simon, l'interdipendenza crescente dell'economia moderna avrebbe indotto alla fine all'adozione di forme più collettive di organizzazione sociale. Qualunque fossero le loro difficoltà, i partiti parlamentari della sinistra europea erano fiduciosi della vittoria finale. Prima o poi lo sviluppo delle forze di produzione avrebbero reso democratiche le relazioni di produzione (Marx, 1970, 20-21; Engels, 1975, 74-101).

Con la metà del ventesimo secolo, questo mescolamento Marxista di Saint-Simon è stato fatto proprio anche dagli apologisti del totalitarismo. Anche prima di prendere il potere, V.I. Lenin ha sostenuto che gli intellettuali rivoluzionari avrebbero dovuto costituire un prototipo della dittatura Giacobina: il partito dell'avanguardia (Lenin, 1975). Sotto il vecchio ordine, la mente della maggior parte della gente è stata riempita da ideologie scorrette da giornali dell'ala destra, chiese ed altre istituzioni culturali. La minoranza illuminata aveva il dovere storico di condurre queste masse ignoranti verso il futuro utopico. Dopo la rivoluzione russa del 1917, Lenin ed i suoi seguaci furono in grado di creare una dittatura modernizzante. Come il suo predecessore nella Francia del 1790, a questo nuovo regime era stato commissionato di combattere contro le forze reazionarie e di educare la popolazione intera (Lenin, 1975a). In aggiunta, la dittatura rivoluzionaria ha acquisito un compito ancora più importante: l'industrializzazione dell'economia russa. Appropriandosi dell'analisi di Saint-Simon e dei suoi interpreti Marxisti, Lenin affermò che la modernizzazione dell'economia avrebbe condotto, alla fine, alla liberazione politica e culturale. Imponendo il regime autoritario nel breve periodo, i rivoluzionari russi speravano di costruire la democrazia partecipativa nel lungo termine (Lenin, 1932; Burkharin, 1971).

Questa determinazione di modernizzare l'economia condusse presto alla rimozione di tutte le libertà politiche e culturali. La promessa dell'emancipazione finale giustificò l'assassinio e la prigionia di milioni di persone. La creatività degli artisti venne ridotta a fare propaganda per il partito totalitario. La dittatura moderna ha persino perso interesse nel migliorare le condizioni di vita delle masse (Ciliga, 1979, 261-291). Invece, il comando sovietico divenne ossessionato dall'introduzione delle nuove tecnologie: la prova meccanica delle forze produttive crescenti. Con i primi anni '30, Josef Stalin — il successore di Lenin —misurava i progressi verso il futuro utopico dalla crescita nel prodotto dei beni industriali: acciaio, auto, trattori e macchinari (Stalin, 1954, 512-520). Lo sviluppo economico era diventato fine a se stesso.

‘I risultati del Piano Quinquennale [di industrializzazione] hanno mostrato che il sistema capitalista … è diventato obsoleto e deve dare corso ad un altro, più alto sistema sociale sovietico …' (Stalin, 1954, 541-542).

Nel diciannovesimo secolo, non ci sono state chiare definizioni del comunismo. Mentre Mikhail Bakunin ha trovato i suoi antecedenti in comunità di contadini, Karl Marx riteneva che il nuovo sistema era stato prefigurato dalla cooperative industriali (Bakunin 1973, 182-194; Marx 1959, 435-441). Ma, dopo la vittoria sovietica sulla Germania nazista nel 1945, non ci sarebbe stato più alcun dubbio sull'interpretazione corretta del comunismo. Nel mondo, quasi tutti i movimenti rivoluzionari hanno abbracciato alcune varianti del credo Stalinista. Gli intellettuali radicali devono costituire un partito di avanguardia per rovesciare l'ordine esistente. Una volta al potere, questa minoranza rivoluzionaria dovette instaurare la dittatura moderna. Lo stato totalitario dovrebbe organizzare lo sviluppo rapido dell'economia, così come fornire sicurezza ed educazione (Djilas, 1966). Quasi tutti i radicali ritenevano che questa versione stalinista del comunismo era stata messa alla prova sia nelle fabbriche, sia sul campo di battaglia. Una volta che iniziò a Guerra Fredda, qualsiasi altra interpretazione è stata marginalizzata. Per quasi cinquanta anni, la rivalità imperiale tra le due superpotenze è stata espressa come un feroce conflitto ideologico: il comunismo russo contro il capitalismo americano.

 

STALIN NELLA SILICON VALLEY

Durante la Guerra fredda, ciascuna parte affermava che le sue particolari strutture socio-economiche rappresentavano il futuro dell'umanità. Nonostante sostenessero sistemi contrapposti, gli apologisti di entrambe le superpotenze condividevano, tuttavia, una fonte teorica comune — e non confessata -: Saint-Simon. Sin dalla rivoluzione del 1917 lo stato Russo ha utilizzato le sue profezie futuriste per giustificare le proprie azioni. Imparando dai suoi oppositori della Guerra Fredda, il governo degli Stati Uniti cominciò a fare delle affermazioni simili circa le sue politiche. Sebbene promuovendo il capitalismo liberale, i propagandisti americani hanno entusiasticamente imitato la retorica teorica del comunismo Stalinista. Il potere della minoranza dei capitalisti era negli interessi a lungo termine della maggioranza della popolazione. Qualsiasi pecca nella società americana sarebbe stata risolta presto dall'ulteriore crescita economica. Soprattutto, il potenziale utopico degli USA è stato messo alla prova dall'introduzione continua delle nuove tecnologie: il simbolo delle forze produttive crescenti (Rostow, 1971). A fianco del loro contesto politico-militare sulle ‘sfere di influenza', le due superpotenze entrarono anche in competizione su chi rappresentò il futuro.

La caduta dell'Unione Sovietica non ha posto fine all'influenza teorica del comunismi Stalinista sugli intellettuali americani dell'ala destra. Al contrario, la missione globale degli USA è stata confermata dalla vittoria sul suo rivale totalitario. Secondo un apologista, il neo-liberalismo americano è ora la realizzazione della ‘fine della storia' Hegeliana. Sebbene le guerre ed i conflitti continueranno, non c'è più alcuna forma alternativa del sistema socio-economico (Fukuyama, 1992). Per i proponenti della Californian Ideology, l'assunzione narcisistica è dimostrata dal dominio americano sull'incisività della modernità economica: la Rete. Se anche altri paesi vogliono entrare nell'era dell'informazione, dovranno imitare il sistema sociale peculiare degli USA. Come i suoi predecessori della Guerra Fredda, questa celebrazione contemporanea del neo-liberalismo americano si appropria di molte assunzioni teoriche del comunismo stalinista. Ancora una volta, la minoranza illuminata sta conducendo le masse ignoranti verso una civilizzazione utopica. Qualsiasi sofferenza causata dall'introduzione delle tecnologie dell'informazione viene giustificata dalla promessa della liberazione futura (Hudson, 1996, 33). Facendo eco al tiranno russo, i digerati misurano perfino il progresso verso l'utopia aumentando il possesso dei manufatti moderni: computers domestici, cicalini, telefoni mobili e computer portatili (Katz, 1997, 71-72). Sebbene l'Unione Sovietica è scomparsa da lungo tempo, i proponenti della Californian Ideology si stanno ancora appropriando dell'eredità teorica del comunismo Stalinista:

partito dell'avanguardia digerati

il Progetto Quinquennale il Nuovo Paradigma

ragazzo-incontra-trattore nullità-incontra-Rete

Terza Internazionale Terza Onda

Mosca Silicon Valley

Pravda Wired

linea telefonica in duplex pensiero unico

democrazia sovietica municipi elettronici

Lisenkoismo memetics

società-come-fabbrica società-come-alveare

Nuovo Uomo Sovietico post-umani

stacanovista contratto di lavoro abusato

epurazioni fare una versione ridotta di un programma

nazionalismo russo sciovinismo Californiano

 

LA VENDETTA DI SAINT-SIMON

Nel mondo industrializzato, questa appropriazione conservatrice dello Stalinismo domina ora le discussioni sulla Rete. Ogni guru celebra il sorgere della nuova tecnocrazia: i digerati. Ogni esperto sostiene che questi pionieri della Rete stanno costruendo una nuova utopia: la società dell'informazione. Tuttavia, come i loro predecessori sovietici, gli intellettuali contemporanei dell'ala destra possono solo produrre versioni corrotte della profezia di Saint-Simon. Mentre il filosofo socialista voleva il progresso economico per liberare tutti, questi proponenti del modernismo reazionario escludono la maggioranza della popolazione dal loro futuro hi-tech. Dal momento che i privilegi dei digerati dipendono dalla subordinazione delle masse non illuminate. Nella Californian Ideology la rivoluzione tecnologica permanente è sempre identificata con la gerarchia sociale immutata. Tuttavia, senza la promessa di una redenzione finale, la modernizzazione economica diventa un fine a se stesso. Ancora una volta, i filosofi conservatori stanno promettendo un futuro immaginario per dissuadere la gente dal migliorare il suo presente.

Sebbene sempre imminente, l'arrivo della società dell'informazione deve essere rimandato in eterno. Come nella precedente Unione Sovietica, la profezia di Saint-Simon non si è mai creduto che venisse effettivamente realizzata negli Stati Uniti d'America. Al contrario, lo sviluppo delle forze di produzione è progettato per rinforzare le relazioni esistenti di produzione. Dal momento che sia le istituzioni pubbliche, sia quelle private introducono solo tecnologie della nuova informazione per promuovere i propri interessi. Negli anni '60, l'esercito degli Stati Uniti ha finanziato l'invenzione della Rete per combattere le guerre nucleari. Sin dagli '70 i mercati finanziari hanno utilizzato le reti dei computer per imporre la loro egemonia sul mondo intero. Duranti gli ultimi anni, sia le aziende capitaliste, sia i dipartimenti di governo hanno adottato la Rete per migliorare le comunicazioni con i loro impiegati, imprenditori e clienti. Al momento, ogni speculatore a Wall Street sta cercando il cyber-imprenditore che sta costruendo la prossima Microsoft. Nonostante tutte le predizioni utopiche dei digerati, non sembra esserci nulla di emancipatorio nella convergenza di computer, telecomunicazioni e media. Come le più remote forme di capitalismo, la società dell'informazione rimane dominata dalle gerarchie del mercato e dello stato (Schiller, 1995; Winston, 1998, 321-336).

All'inizio del nuovo millennio, il neo-liberalismo americano sembra avere raggiunto con successo gli scopi contraddittori del modernismo reazionario: il progresso economico e l'immobilità sociale. Dal momento che l'obbiettivo a lungo termine di liberare tutti non verrà mai raggiunto, la regola a breve termine dei digerati può durare per sempre. Pertanto, come nella precedente Unione Sovietica, la dialettica dello sviluppo e della stasi è instabile intrinsecamente. Con la modernizzazione delle società agricole, i partiti dominanti del comunismo Stalinista hanno distrutto lentamente le fondamenta del loro potere. Nel tempo, le relazioni di produzione costituite dal totalitarismo divennero incompatibili con l'espansione continua delle forze di produzione. In questo momento storico, Saint-Simon, alla fine, ha avuto la sua vendetta sui suoi falsi discepoli.

‘La rivoluzione comunista [Stalinista] … ha determinato una portata di civilizzazione industriale in vaste aree dell'Europa e dell'Asia. In questo modo, sono state create effettivamente le basi materiali per una società futura più libera. Così, mentre determinava il dispotismo più completo, la rivoluzione comunista [Stalinista] ha anche creato le basi per l'abolizione del despotismo' (Djilas, 1966, 41-42).

Come il suo oppositore di un tempo, il neo-liberalismo americano sta per essere scalzato dallo sviluppo delle forze di produzione. Come predetto da Saint-Simon, il potenziale pieno degli avanzamenti recenti tecnologici e sociali non possono essere realizzati nelle gerarchie tradizionali del capitalismo. Secondo i proponenti della Californian Ideology, la Rete è fondata sull'acquisto e la vendita di beni e servizi d'informazione. Solo attraverso la competizione di mercato i desideri degli individui possono essere soddisfatti. Pertanto, quando vanno on-line, gli utilizzatori della Rete sono principalmente impegnati nel dare e ricevere informazioni come regali. Abbastanza spontaneamente, la gente sta adottando dei metodi più democratici di lavoro insieme nel cyberspazio.

Soddisfacendo la profezia di Saint-Simon, queste nuove relazioni di produzione sono emerse nell'avanguardia del progresso economico: la Rete. Non sorprendentemente, è stata aperta loro la strada da una minoranza privilegiata della popolazione del mondo: persone con l'accesso a tecnologie di comunicazione mediate dal computer. Come risultato, questi nuovi modi di lavorare sono molto più diffusi nella nazione capitalista dominante: gli Stati Uniti d'America. Le precondizioni tecnologiche e sociali per la realizzazione della profezia di Saint-Simon sono ora presenti. Mentre gli ideologi conservatori rimangono estasiati dall'eredità teorica del comunismo Stalinista, i loro colleghi Americani stanno scoprendo i benefici pratici di una nuova versione di questo concetto: il cyber-comunismo.

‘I regali culturali sono adattamenti non alla scarsità, ma all'abbondanza. Essi sorgono nelle popolazioni che non hanno problemi di carenza materiale significativi con i problemi di sopravvivenza' (Raymond, 1998, 9).

L'economia del regalo della Rete emerge dai progressi tecnologici e sociali catalizzati dalla modernizzazione capitalista. Negli ultimi trecento anni, la riproduzione, distribuzione e manipolazione dell'informazione sono diventate lentamente più semplici attraverso un lungo processo di automazione. Un stampa creata manualmente produceva copie che erano relativamente costose , in numero limitato ed impossibili da modificare senza ristamparle. Dopo generazioni di miglioramenti tecnologici, la medesima quantità di testo in Rete è circolata facilmente, copiata e rimescolata. Tuttavia, gli individui hanno bisogno di denaro e di tempo per accedere a questo sistema avanzato di comunicazione. Mentre la maggior parte della popolazione del mondo vive ancora in povertà, gli abitanti dei paesi industrializzati hanno ridotto le loro ore di lavoro e aumentato le loro ricchezze in due secoli di crescita economica. Sin dall'avvento del Fordismo la produzione di massa è dipesa da lavoratori che hanno risorse sufficienti e tempo libero per il consumo di massa (Negri, 1998). Avendo un reddito disponibile e tempo libero, molti lavoratori nelle metropoli sono ora in grado di lavorare sui loro progetti (Gorz, 1989). Solo in questo momento storico particolare hanno le condizioni tecniche e sociali sufficientemente sviluppate per l'emergere del cyber-comunismo.

‘I capitali lavorano così verso la loro propria dissoluzione come forma dominante di produzione' (Marx, 1973, 700).

 

L'ECONOMIA ACCADEMICA DEL REGALO

L'invenzione della Rete è stata la più grande ironia della Guerra Fredda. Al culmine della lotta contro il comunismo Stalinista, l'esercito degli Stati Uniti involontariamente finanziò la creazione del cyber-comunismo. Minacciato da un attacco nucleare alle strutture di comando e di controllo, il denaro della ricerca venne dato agli scienziati per esperimenti su comunicazioni mediate dal computer. Sebbene inizialmente sviluppata per l'esercito, i suoi inventori iniziarono presto ad utilizzare la Rete per i loro propri propositi. In modo decisivo, gli scienziati assunsero semplicemente che tutta l'informazione avrebbe dovuto essere distribuita gratuitamente sul loro nuovo sistema di comunicazioni. Al contrario della maggior parte degli altri settori di produzione, l'economia del regalo è stata per lungo tempo il metodo principale del lavoro socializzante nelle università. Finanziati dallo stato o dalle donazioni, gli scienziati non dovevano tradurre il loro lavoro intellettuale direttamente in beni commerciabili. Invece, i risultati della ricerca sono pubblicizzati ‘consegnando una relazione' presso conferenze di specialisti e ‘contribuendo con un articolo' ai giornali accademici. Venendo citati, gli scienziati acquisiscono riconoscimento personale che innalza le loro prospettive di carriera nel sistema universitario. Nonostante la commercializzazione crescente, il dare via le scoperte rimane il metodo più efficace per risolvere i problemi comuni in una disciplina scientifica particolare.

‘La razionalità dei servizi professionali non è lo stesso della razionalità del mercato … Nelle professioni e, specialmente, nella scienza, la rinuncia al controllo morale distruggerebbe il sistema. Il produttore di servizi professionali deve essere … responsabile dei suoi prodotti ed è giusto che non sia alienato da essi' (Hagstrom, 1982, 29).

A causa di questi pionieri, l'economia del regalo divenne fermamente radicata nei costumi sociali della Rete. Nel tempo, il circolo affascinato dei suoi utilizzatori è lentamente cresciuto dagli scienziati, attraverso gli appassionati al pubblico generale. Ciascun membro nuovo non deve solo osservare le regole tecniche del sistema, ma anche aderire a certe convenzioni sociali. Senza neanche pensarci, la gente continuamente fa circolare informazione tra di loro gratuitamente. Sebbene la Rete si sia espansa ben oltre l'università, i suoi utilizzatori preferiscono ancora cooperare insieme senza la mediazione diretta del denaro.

Ci sono persino delle ragioni egoistiche per adottare il cyber-comunismo. Aggiungendo la propria presenza, ogni utilizzatore sta contribuendo con qualcosa alla conoscenza collettiva accessibile a quelli già on-line. In cambio di questo regalo, ciascun individuo ottiene un accesso potenziale a tutta l'informazione fornita da altri in Rete. In una economia di mercato, gli acquirenti ed i venditori tendono a scambiarsi beni di valore equivalente. Pertanto, all'interno dell'economia del regalo hi-tech, ognuno riceve molto di più dai suoi colleghi utilizzatori che da qualsiasi individuo potrebbe mai regalare (Ghosh 1998, 10). Non sorprendentemente, non c'è clamore popolare per l'imposizione di un equo scambio di mercato in Rete. Persino i neo-liberali più dogmatici stanno partecipando felicemente al cyber-comunismo.

Dall'inizio, queste relazioni di produzione gratuite erano cablate in strutture tecnologiche della Rete. Sebbene finanziati dall'esercito, gli scienziati svilupparono delle comunicazioni mediate dal computer per facilitare la distribuzione e la manipolazione dei loro dati di ricerca. Lavorando nelle università, non hanno mai concepito questa informazione come una merce. Al contrario, questi accademici facevano avanzare le loro carriere dando via i risultati del loro lavoro. Creando un sistema di comunicazioni per il loro proprio utilizzo, essi incorporarono questi metodi di lavoro all'interno delle tecnologie della Rete (Geise, 1996, 126-132). Soprattutto, la loro invenzione dipendeva dalla riproduzione continua e non ostacolata dell'informazione. Quando è on-line, ciascuna connessione comprende il copiare materiale da un computer ad un altro. Una volta che la prima copia di un pezzo di informazione è collocata in Rete, il costo di creare ciascuna ulteriore copia diventa quasi zero. L'architettura del sistema presuppone che copie multiple di documenti possono essere facilmente nascoste nella rete. Sebbene la maggior parte dei suoi utilizzatori siano ora fuori dall'accademia, il progetto tecnico della Rete assume ancora che tutta l'informazione sia un regalo.

‘In uno spazio dell'informazione, possiamo considerare la paternità dei materiali e la loro riscossione; ma … esiste un bisogno della struttura sottostante di essere in grado di creare copie semplicemente per motivi di efficienza e di affidabilità. Il concetto di "copywright" espresso in termini di copie fatte ha poco senso' (Berners-Lee, 1996, 11).

 

IL DECLINO DEL COPYWRIGHT

Nonostante la sua immensa popolarità, l'economia del regalo della Rete sembra essere un'aberrazione. Ipnotizzati dalla Californian Ideology, quasi tutti i politici, i dirigenti e gli esperti sono convinti che le comunicazioni mediate dal computer possono solo essere sviluppate tramite la competizione di mercato tra imprenditori privati. Come altri prodotti, l'informazione deve essere comprata e venduta come una merce. Questa fiducia nelle forze di mercato deriva dall'esperienza storica. Durante i tre secoli precedenti, la mediazione dello scambio delle materie prime ha aumentato drammaticamente la produttività del lavoro. Rispondendo ai cambiamenti dei prezzi, i lavoratori e le risorse vengono distribuiti nei settori più efficienti dell'economia. Essendo in competizione contro ditte rivali, gli imprenditori devono migliorare continuamente i metodi ed i mezzi di produzione. Quando viene disciplinato dal mercato, l'interesse degli individui può essere diretto verso l'accrescimento della ricchezza dell'intera nazione (Smith, 1970; Ricardo 1973).

I padri fondatori del sistema economico liberale scoprirono il paradosso centrale del capitalismo: la proprietà individuale è la precondizione del lavoro collettivo. Nelle società pre-moderne, il controllo dell'aristocrazia e del clero sulle loro terre era circoscritto dai diritti e dai doveri feudali. Il lavoro dei contadini era organizzato tramite la serie di consuetudini trovate in ciascun settore. In contrapposizione, i pionieri del capitalismo trasformarono la terra in un bene commerciabile: i luoghi cintati. Una volta che i vincoli feudali furono rimossi, il lavoro di diversi tipi ed in vari luoghi poterono essere regolati con un singolo meccanismo: il mercato (Marx 1976: 873-930). Negli ultimi secoli, questa forma moderna di lavoro collettivo è diventata onnipresente. Dal momento che le discipline della competizione di mercato non hanno solo innalzato la produttività nei commerci tradizionali, ma hanno anche incoraggiato lo sviluppo di nuove industrie. Nei paesi metropolitani, la gente comune ora utilizza beni e servizi che non erano ancora disponibili ai re ed ai papi nei tempi passati. Tuttavia, ciascuno di questi prodigi tecnologici è stato modellato dalle relazioni di produzione peculiari del capitalismo. Oltre a soddisfare un desiderio umano, ciascun nuovo prodotto deve anche essere venduto come una merce. In un'economia di mercato, il recinto del lavoro collettivo è eterno (Midnight Notes Collective 1990).

Sotto il capitalismo, la maggior parte dei beni e dei servizi vengono prodotti come merci. Se sono oggetti tangibili o azioni momentanee, questa trasformazione sociale non è solitamente problematica. Tuttavia, la mercificazione del lavoro intellettuale è sempre stata più difficile. Mentre l'insegnamento e l'intrattenimento sono come altri servizi, le pubblicazioni sono molto diverse dagli altri beni. La maggior parte del lavoro per creare un prodotto dell'informazione viene impiegato nel creare la prima copia. Persino con le prime macchine stampatrici il costo di produzione di ciascuna copia successiva è sempre più a buon mercato. In un mercato aperto, gli editori sarebbero incoraggiati a plagiare i lavori esistenti piuttosto che pagare per nuovo materiale. Le prime nazioni capitaliste scoprirono rapidamente una soluzione pragmatica a questo problema economico: il copywright. Sebbene tutti possano acquistare i manufatti culturali, il diritto di riprodurli era limitato dalla legge. Come qualsiasi altra forme di lavoro, il lavoro intellettuale poteva ora essere racchiuso in una merce (May, 1998, 68-73).

‘Milton produsse Paradise Lost come un baco da seta produce la seta, come l'attivazione della sua propria natura. In seguito vendette il suo prodotto per cinque sterline e così è divenne un mercante' (Marx, 1976, 1044).

Alla fine del ventesimo secolo, il copywright continua a fornire la struttura legale per la produzione dell'informazione. Molte forme di lavoro intellettuale vengono vendute come merci: libri, musica, films, giochi e software. Gli editori dei manufatti protetti da copywright sono diventati le industrie più importanti: le multinazionali dei multimedia. Gli accordi legali internazionali che proteggono la proprietà intellettuale vengono continuamente stretti: Berne, il WTO, TRIPS. Non sorprendentemente, la maggior parte dei politici, dei dirigenti e degli esperti sostengono che la Rete verrà inevitabilmente commercializzata. Come la radiodiffusione e la televisione via cavo nei tempi passati, il momento dell'economia del regalo può essere solo temporaneo. Come in altre industrie culturali, il lavoro intellettuale nel cyberspazio deve essere racchiuso tra le merci dell'informazione (May, 1998a; Frow, 1996; Porter, 1995).

Anticipando questa ossessione, alcuni pionieri tentarono di incorporare la protezione del copywright nelle comunicazioni mediate dal computer. Per esempio, il progetto di Ted Nelson Xanadu conteneva un complesso sistema di rilevamento e di pagamento per rafforzare la proprietà intellettuale. Utilizzando questo software, gli individui potevano lavorare insieme scambiandosi reciprocamente i beni dell'informazione. Pertanto, nonostante il suo splendore tecnico, lo schema di Xanadu ha fallito interamente per ragioni sociali (Wolf, 1995). Invece di incoraggiare la partecipazione, la protezione del copywright ha dimostrato di essere l'ostacolo maggiore alla collaborazione on-line. Dal momento che la maggior parte delle persone traggono beneficio più dalla circolazione dell'informazione senza pagamento che dallo scambio della cultura come merce. Regalando i loro sforzi personali, gli utilizzatori della Rete ricevono sempre i risultati di una quantità più grande di lavoro in cambio dagli altri. La scarsità del copywright non può competere contro l'abbondanza dei regali. Lungi dall'intensificare la mercificazione, la Rete è la prova pratica del vecchio slogan hacker: "l'informazione vuole essere libera" (Lang, 1998; Ghosh, 1998).

All'avanguardia della modernità, lo scambio di merci ora gioca un ruolo secondario per la circolazione dei regali. L'involucro del lavoro intellettuale è sfidato da un metodo più efficiente di lavoro: la divulgazione. Nelle università, gli scienziati hanno per lungo tempo risolto i problemi nella loro specializzazione mettendo in comune le loro scoperte. Poiché la Rete cresce, sempre più persone scoprono i benefici dell'economia del regalo. Dal momento che non hanno solo l'opportunità di contribuire con la propria informazione, ma ottengono anche l'accesso alla conoscenza di molti altri. Ogni giorno gli utilizzatori della Rete inviano e-mails, prendono parte ai listservers, creano siti web, contribuiscono ai newsgroup e partecipano alle conferenze on-line. Non più rinchiuso in una merce, il lavoro intellettuale viene scoperto continuamente come un regalo. Il consumo passivo dei prodotti dell'informazione fissa si sta trasformando in un processo fluido di ‘creatività interattiva' (Berners-Lee, 1998, 5).

‘La logica della tecnologia digitale ci conduce in una direzione nuova. Gli oggetti, così come le idee, non sono più fissi, non più tangibili. Nel cyberspazio non c'è peso, non ci sono dimensioni; la struttura è dinamica e mutevole; la dimensione è sia infinita, sia immateriale. In questo spazio, le storie sono scritte e cambiano con ciascun nuovo lettore; può essere aggiunto nuovo materiale ed il vecchio materiale può essere distrutto. Nulla è permanente' (Kleinman, 1996, 76).

I tipi di ‘creatività interattiva' tra gli utilizzatori della Rete sono molto vari. Mentre alcuni incontri on-line sono solo temporanei, altri evolvono in collaborazioni a lungo termine. Sebbene molti utilizzatori parlino solo agli amici più vicini ed alla famiglia, alcuni stanno costruendo delle relazioni che esistono esclusivamente in Rete. Se la maggior parte delle conversazioni on-line sono frivole, altri gruppi si incontrano per discutere di questioni serie. Fuori da tutti questi diversi tipi di ‘creatività interattiva', gli utilizzatori della Rete hanno sviluppato la propria forma distinta di organizzazione sociale: la comunità di rete (Rheingold, 1994; Hamman, 1999). Facendo circolare regali tra di loro, gli individui sono in grado di lavorare insieme su progetti comuni. Dal momento che, così come si divertono, i membri delle comunità di rete sono coinvolti in un processo continuo di lavoro collettivo. Ognuno può inviare regali di testi, immagini, animazioni, musica, giochi ed altri software ai loro colleghi on-line. In cambio, riceveranno numerosi regali virtuali dai loro colleghi membri della comunità Contribuendo con il loro lavoro, ciascun individuo potenzialmente possiede le opere creative della comunità dell'intera rete (Ghosh, 1998; Kollock, 1999).

Il piacere di dare e ricevere regali può cambiare radicalmente l'esperienza personale del lavoro collettivo. Nel mercato, gli individui collaborano principalmente attraverso lo scambio impersonale delle merci. Gli acquirenti ed i venditori rimangono sconosciuti tra loro sul destino l'uno dell'altro. In contrapposizione, la circolazione dei regali incoraggia l'amicizia tra i suoi partecipanti. La costruzione di una comunità di rete di successo è sempre un lavoro di amore. Lavorare nel cyber-comunismo può essere non solo più produttivo, ma anche più divertente del capitalismo digitale. Secondo Howard Rheingold, questi benefici sociali dell'economia del regalo hi-tech non sono confinati alla Rete. Nonostante tutta la loro ricchezza, molti Americani stanno soffrendo per l'isolamento e l'alienazione imposti dalla competizione di mercato. Fortunatamente, alcuni possono ora trovare amicizia ed intimità nelle comunità di rete. Dal momento che non c'è la necessità della chiusura del lavoro collettivo nel cyberspazio, gli Americani possono compensare il danno causato dalla ‘… perdita del senso di un popolo sociale' della loro nazione (Rheingold, 1994, 12).

I risultati di una ‘creatività interattiva' nelle comunità di rete sono spesso triviali e mondani. Tuttavia, allo stesso tempo, alcune collaborazioni on-line stanno creando dei prodotti molto sofisticati. Tra i più celebrati, ci sono le comunità di rete che lavorano su software gratuiti. Dall'inizio, gli scienziati hanno sviluppato i programmi centrali della Rete come regali. L'espansione esponenziale del sistema è stata resa possibile solo dall'assenza dei vincoli di proprietà. Per esempio, sebbene il progetto di Xanadu contenesse la maggior parte delle capacità tecniche del Web, questo prototipo di comunicazioni mediate dal computer mancava della 'applicazione molto avanzata' dell'invenzione di Tim Berners-Lee: l'assenza del copywright. Né il programma, né i suoi prodotti erano progettati per essere delle merci (Berners-Lee, 1996).

Negli anni recenti, la crescita rapida della Rete ha catalizzato una rinascita esuberante dell'etica hacker. Sempre più frustrati dai prodotti commerciali, gli esperti di computer si sono riuniti per scrivere i loro software . Quando protette da copywright, le capacità di un programma vengono congelate finché la nuova versione è resa disponibile. Persino i suoi difetti non possono essere fissati. In contrapposizione, quando divulgata come un regalo, questa macchina virtuale può essere modificata continuamente, corretta e migliorata da chiunque con le abilità di programmazione appropriate. Il prodotto è diventato un processo. Soprattutto, ciascun membro della comunità di rete che sviluppa un programma potenzialmente ha accesso alle abilità di tutti i suoi colleghi. Se una persona non è in grado di risolvere un problema di software, altri nel gruppo lo aiuteranno a trovare la soluzione (Leonard, 1998a). Partecipando a tale ‘creatività interattiva' gli esperti di computer in precedenza isolati si stanno ora facendo degli amici nel mondo. Come altre comunità di rete, il lavoro collettivo nello sviluppo del software gratuito può essere non solo più efficiente, ma anche più divertente che lavorare su progetti commerciali. Dal momento che la convergenza tecnologica si intensifica, l'economia del regalo della Rete sta ora invadendo ulteriormente l'economia di mercato del computer (Porterfield, 1998). Partendo da un prototipo di Linus Torvalds, una comunità di rete di sviluppatori sta costruendo il loro sistema operativo non brevettato: Linux (Linux Online, 1999). Per la prima volta, Microsoft ha un concorrente serio per Windows. Circondati da un monopolio capitalista, molti esperti di computer americani stanno lavorando duro per perfezionare la sua alternativa pragmatica: il software del cyber-comunismo.

‘…supponi che i bachi siano generalmente dei fenomeni superficiali — o, almeno, che si trasformino in piuttosto superficiali quando esposti a migliaia di co-sviluppatori appassionati che si battono su ogni nuova singola versione di software' (Raymond, 1998a, 7).

La convergenza di molte tecnologie diverse tra i formati digitali sta rinforzando anche l'economia del regalo trovata in altre aree della produzione culturale. Secondo le multinazionali dei multimedia, la Net dovrà adottare presto i metodi del mercato. Protetta dalla crittografia e dalle password, l'informazione digitale sarà commercializzata come una merce. Tuttavia, questi che aspirano a chiudere la Rete sono ora messi a confronto dalla mercificazione parziale delle loro industrie culturali. Per esempio, la registrazione domestica delle musica esiste da molti decenni. Gli avanzamenti continui nella riproduzione digitale e la diffusione rapida della Rete stanno rendendo questa pirateria del materiale protetto da copywright sempre più facile (Chesterman e Lipman, 1988, 36-45; Leonard, 1998). In modo cruciale, le forme più innovative di musica popolare ora emergono dall'appropriazione creativa della proprietà intellettuale di altre persone: house, hip-hop, drum & bass. Invece di rimanere congelati in una singola registrazione, le melodie e gli intervalli possono essere ripetutamente provati, mixati e remixati. Se qualcuno ha una buona idea, molti altri musicisti tenteranno di raffinare il concetto. Come la Rete, la cultura dei DJ contemporanei è anche ‘creatività interattiva' (Garratt, 1998; James, 1997).

Per anni, la parola più popolare introdotta nei motori di ricerca era abbastanza prevedibile: ‘sesso'. Eppure, nel 1999, il più richiesto divenne il formato della musica della Rete: ‘MP3' (Wice, 1999). Per l'industria della musica commerciale, il problema minore della registrazione domestica si sta amplificando in una crisi maggiore. Poiché copiare e distribuire è ora così facile, molte persone regalano cassette digitali non solo ai loro amici, ma anche a completi estranei. Dal momento che la musica è integrata nella Rete, la scarsità delle merci si sta trasformando spontaneamente in abbondanza di regali (Leonard, 1998). Oltre a facilitare la pirateria delle registrazioni esistenti, la convergenza tecnologica approfondisce anche la ‘creatività interattiva' musicale. La convergenza tecnologica così come facilitare la pirateria delle registrazioni esistenti, sta anche approfondendo la ‘creatività interattiva' musicale. Come molte altre persone, i musicisti stanno lavorando insieme, diventando amici, ispirandosi tra loro nelle comunità di rete. Pubblicando il loro materiale, essi possono offrire la loro musica come regali agli utilizzatori della Rete nel mondo. Da queste collaborazioni on-line, essi stanno inventando nuove forme di espressione ritmica; midi-jamming, musica interattiva, cyber-trance.

Come altre tecnologie dei media che convergono nella Rete, tutte le forme di produzione culturale si stanno integrando lentamente nell'economia del regalo hi-tech. Persino la televisione e la produzione di films verranno presto trasformate dalle possibilità della ‘creatività interattiva'. Nonostante il loro potere e la loro ricchezza, le multinazionali multi-media possono solo impedire questa trasformazione economica. Abbastanza spontaneamente, gli utilizzatori della Rete stanno adottando dei modi più efficienti e divertenti di lavorare insieme. All'alba del nuovo millennio, molti Americani stanno ora sperimentando i benefici pratici del cyber-comunismo:

merce -- regalo

chiusura -- apertura

copyright -- pirateria

fissato -- fluido

prodotto -- processo

proprietario -- documento libero

crittografia digitale -- download gratuito

registrazione originale -- ultimo remix

scarsità -- abbondanza

alienazione -- amicizia

competizione di mercato -- comunità di rete

e-commerce -- cyber-comunismo

 

IL MERCATO DEL TERZO STATO

Confrontati con il resto dell'umanità, gli abitanti degli Stati Uniti d'America sono già molto privilegiati. Sebbene sia anche stata anche negata un'adeguata fornitura del benessere, la maggior parte degli Americani non solo consuma più beni e servizi, ma gode anche di libertà democratiche maggiori della maggioranza della popolazione del mondo. Nei duecento anni passati, l'espansione continua e l'intensificazione dello scambio della merce ha innalzato in modo massiccio la produttività del lavoro collettivo negli Stati Uniti d'America. Regolati dal governo federale e dagli stati locali, gli imprenditori rivali sono entrati in competizione per costruire un sistema economico sempre più complesso ed interdipendente. Secondo quasi tutti i politici, i dirigenti e gli esperti americani, il prossimo stadio della commercializzazione della società è stato aperto all'avanguardia della tecnologia: la Rete. Come nel passato, la chiusura di nuovi tipi di lavoro collettivo innalzerà inevitabilmente gli standards di vita ed amplierà le libertà personali negli Stati Uniti d'America. Non c'è alternativa al principio organizzativo delle relazioni esistenti di produzione: lavoro-come-merce.

Ironicamente, la vendetta di Saint-Simon sta ora per essere colpita dai suoi falsi discepoli americani. Come nella precedente Unione Sovietica, le crescite costanti nelle forze di produzione stanno minacciando le relazioni dominanti di produzione. Lungi dall'essere l'apoteosi dello scambio di beni, le strutture sociali e tecniche delle comunicazioni mediate dal computer incarnano una forma alternativa di lavoro collettivo: l'economia del regalo. Se gli individui fossero costretti a collaborare in primo luogo attraverso il commercio elettronico, le loro opportunità di partecipare nella ‘creatività interattiva' sarebbero molto limitate. Il potenziale completo di queste forze di produzione della Rete può essere realizzato solo adottando le relazioni più avanzate di produzione: il cyber-comunismo.

In tali momenti storici, i proponenti del modernismo reazionario sono sprofondati in una crisi esistenziale. Nonostante le loro profonde differenze ideologiche, quasi tutti gli intellettuali dell'ala destra hanno lo stesso obiettivo: lo sviluppo economico senza il progresso sociale. A volte, per decenni, le elites dominanti sono in grado di combinare questi propositi contraddittori del modernismo reazionario. Tuttavia, la crescita continua delle forze di produzione, alla fine, scalzeranno le relazioni esistenti di produzione. Prima o poi, i sostenitori del modernismo reazionario saranno costretti a compiere una scelta difficile: la crescita economica o la stasi sociale. Per esempio, i seguaci del comunismo Stalinista si trovavano a confronto con questo dilemma alla fine degli anni '80. Volendo raggiungere i loro vicini occidentali, la maggior parte dei politici, dei dirigenti e degli intellettuali dell'Europa dell'Est accettarono il crollo dello stato totalitario che forniva il loro sostentamento. In contrapposizione, l'elite dominante Serba decise di compiere un'altra scelta: distruggere le forze di produzione. Timorosi di perdere la loro ricchezza ed il loro potere, essi avviarono guerre e ‘pulizie etniche' per bloccare qualsiasi ulteriore progresso sociale ed economico. Invece di muoversi verso il futuro utopico, il loro stato totalitario si dirigeva in un'altra direzione: ‘il volo dalla modernità' (Perovic, 1999).

Negli Stati Uniti d'America, ci sono anche dei gruppi potenti che sostengono il modernismo anti-reazionario: i fondamentalisti religiosi, i sostenitori della supremazia dei bianchi ed i gruppi armati. Come in Serbia, alcune persone influenti desiderano sacrificare la crescita economica per mantenere l'ordine sociale esistente. Tuttavia, la maggior parte di coloro che hanno il potere e la ricchezza vorrebbero evitare di compiere questa scelta. Invece, vogliono aggiornare il modernismo reazionario per l'era della Rete. Tra, i politici Americani dell'ala destra, il liberalismo hi-tech è stato per lungo tempo l'alternativa ottimista al conservatorismo tradizionale. Lungi dal temere il futuro, i suoi profeti predicono fiduciosamente che il progresso economico alla fine libererà l'umanità. Incapaci di utilizzare la ‘lettera L' per peculiari ragioni storiche, i neo-liberali Americani, si descrivono anche come ‘libertari': ‘moniker' presi dagli anarchici dell'ala sinistra.

Questa forma ottimistica di conservatorismo è facilmente adattata per le analisi dell'ala destra della Rete. Per esempio, i proponenti della Californian Ideology credono ancora che il cambiamento tecnologico costante può essere conciliato con la conservazione della gerarchia sociale (Barbrook e Cameron, 1996). Come i loro antenati conservatori, questi gurus spesso affermano che i loro obiettivi contraddittori saranno realizzati tramite mezzi mistici: la mente di Gaia, i post-umani e i ‘memetics'. In modo più importante, essi invocano anche un metodo pratico per perpetuare il modernismo reazionario: l'ibridazione della merce e del regalo.

Come i pionieri nel Selvaggio West, i cyber-imprenditori stanno afferrando tutte le opportunità per racchiudere le frontiere elettroniche nuovamente aperte. All'avanguardia della convergenza, i profitti delle compagnie commerciali dipendono ora dalla rapida espansione dell'economia del regalo hi-tech (Kelly, 1997). L'hardware ed il software per accedere alla Rete possono essere venduti come merci dalle grandi aziende: IBM, Sun, Microsoft. La circolazione dell'informazione gratuita tra gli utilizzatori può essere racchiusa nei siti commerciali: AOL, Yahoo!, GeoCities. Invece di resistere a tutti i cambiamenti, i digerati devono abbracciare alcuni progressi sociali per raccogliere i benefici materiali del progresso tecnologico. I pochi fortunati hanno scoperto un modo nuovo per raggiungere il sogno americano: la chiusura del lavoro cyber-comunista nella proprietà capitalista digitale (Leonard, 1999). Questa unione bizzarra degli opposti puntella la speculazione frenetica nelle azioni della Rete. Ciascun momento di ‘creatività interattiva' è una fonte potenziale di profitti. Se il giusto ibrido di regalo e merce potesse essere trovato, il lavoro collettivo si trasformerebbe immediatamente in ricchezza individuale. Eccitati dalle ricchezze di alcuni cyber-imprenditori, molti Americani stanno ora speculando sulla stessa affermazione circa la Rete: ‘… il comunismo è … una generalizzazione ed il compimento della … proprietà privata' (Marx, 1961, 99).

Per circa trenta anni, i profeti del neo-liberalismo hi-tech hanno identificato la crescita economica con la stasi sociale. In molti settori, essi hanno difeso i metodi vecchia maniera per incrementare i profitti: orari estesi, riduzione dei salari, accelerazione della produzione, taglio delle spese ed aumento dell'inquinamento. Pertanto, all'interno della Rete, questi gurus sostengono la sintesi sia dell'innovazione tecnologica, sia del progresso sociale. Dal momento che la mercificazione del cyberspazio è impossibile senza alcun accordo con l'economia del regalo. Persino l'importanza crescente del commercio elettronico è facilitata dalla struttura non commerciale della Rete. Il ‘costo di ingresso' nel mercato digitale è così basso ed è dovuto all'assenza dei vincoli di proprietà. Le piccole aziende hanno ora accesso alle comunicazioni mediate dal computer una volta disponibili solo alle agenzie del governo, alle istituzioni finanziarie ed alle aziende multinazionali. Tagliando i mediatori, molti fornitori di beni e servizi possono incrementare i loro profitto trattando direttamente con i fornitori ed i clienti in Rete. Eccitati da questi sviluppi, i proponenti della Californian Ideology credono che il più libero di tutti i liberi mercati stia ora per essere organizzato nel Terzo Stato nel cyberspazio (Kelly, 1994; Hudson, 1996; Dyson, 1997).

 

LA PUREZZA DEL REGALO

Ostili a questa invasione da parte degli interessi commerciali, alcuni attivisti dell'ala sinistra stanno facendo rivivere una visione purista del regalo. La chiusura della Rete sarà evitata rifiutando ogni compromesso con la merce (Critical Art Ensemble, 1996). Questa posizione rivoluzionaria prende la sua ispirazione dal radicalismo hippie degli anni '60. Oltre trenta anni fa, molti giovani si ribellarono contro i sistemi socio-economici sia degli Stati Uniti d'America, sia dell'Unione sovietica. I benefici materiali della modernità non hanno compensato più l'autoritarismo politico ed il conformismo culturale imposti dall'industrialismo. Disillusi dal futuro hi-tech, questi hippies hanno cercato ispirazione dal passato tribale. Mentre molti erano semplicemente dei turisti, altri stavano cercando un'alternativa rivoluzionaria alla modernità. In modo decisivo, alcuni intellettuali dell'ala sinistra ritenevano che questa utopia potesse essere trovata nell'economia del regalo delle tribù Polinesiane: il potlatch (Mauss, 1990).

Per gli hippies radicali questa economia del regalo era l'antitesi completa del capitalismo. Invece di accumulare il superfluo, gli individui in queste società primitive ottenevano prestigio regalando la loro ricchezza nelle celebrazioni pubbliche. Se la competizione di mercato richiedeva lavoro alienante per produrre sempre più beni e servizi, il potlatch comprendeva la piacevole distruzione delle risorse in eccesso. Mentre la merce moderna imponeva la gerarchie e l'utilitarismo, il regalo primitivo incoraggiava l'uguaglianza e l'edonismo. Rifiutando il lavoro-come-merce, gli hippies dell'ala sinistra proclamavano un nuovo principio organizzativo per la società utopica: lo spreco-come-regalo (Situationist International, 1981; Baudrillard, 1975; Negri, 1979).

Molti anni dopo, questo anti-modernismo rivoluzionario influenza ancora le analisi dell'ala sinistra delle comunicazioni mediate dal computer. Sebbene emergente all'avanguardia della tecnologia, l'economia del regalo della Rete può essere confusa facilmente con il potlatch delle società primitive. Questi atteggiamenti tribali si trovano anche nella musica dance, nei parties gratuiti, nei movimenti di protesta e in altre forme di ‘cultura DIY' (Brass, Koziell e Searle, 1997; McKay, 1998). Imitando i loro antenati hippie, gli attivisti della Rete dell'ala sinistra enfatizzano l'autonomia di queste relazioni del regalo dalla corruzione dello scambio della merce. Rifiutando qualsiasi ibridazione, essi difendono la distruzione della proprietà privata tramite la pirateria del materiale protetto dal diritto d'autore: spreco-come-regalo. Invece di essere comprata e venduta, l'informazione sarà disponibile gratuitamente a tutti i partecipanti del potlatch on-line.

Sfortunatamente, questa rinascita dell'anti-modernismo rivoluzionario ha anche delle implicazioni reazionarie. Come nei tempi passati, gli intellettuali dell'ala sinistra sono tentati di considerarsi come un'avanguardia che conduce le masse non illuminate. Estratti dallo strato intermedio, essi sostengono il ‘rifiuto del lavoro' per simbolizzare la loro superiorità sul resto della classe lavoratrice. Sebbene privati dell'Unione Sovietica, alcuni membri della minoranza rivoluzionaria si scuseranno ancora per le dittature straniere che si oppongono all'egemonia americana. Nonostante l'avvento delle nuove tecnologie dell'informazione, le vecchie abitudini politiche sono difficili da scardinare. La retorica rivoluzionaria del comunismo hippie è tormentata dalla pratica reazionaria del comunismo Stalinista (Barbrook, 1998).

 

LA STRADA AMERICANA VERSO IL COMUNISMO

Negli USA, il punto di vista dell'ala sinistra del semplice regalo rimane marginale. Mai dall'indipendenza, un credo fervente nell'imprenditoria privata è stato definito ‘eccezionalismo' americano. Durante la Guerra Fredda, nessun patriota poteva sostenere l'ideologia rivoluzionaria del nemico nazionale. Persino oggi, molte persone ancora si oppongono in modo maligno alla fornitura pubblica dei servizi del benessere considerati indispensabili in altri paesi sviluppati (Lipset, 1996). Tuttavia, questi stessi Americani dell'ala destra stanno partecipando felicemente alla costruzione del cyber-comunismo. Abbastanza spontaneamente, essi adottano i metodi di lavoro che sono più vantaggiosi per i loro interessi. A volte, essi vogliono impegnarsi nel commercio elettronico. Altre volte, essi preferiscono collaborare nell'economia del regalo hi-tech. Come chiunque altro, i conservatori americani scelgono il cyber-comunismo per ragioni pragmatiche.

Nonostante la loro dipendenza dalle panacee del libero mercato, gli Americani hanno preferito a lungo le soluzioni pratiche alla correttezza ideologica. Scettici circa le ossessioni teoriche degli Europei, essi sono sempre stati orgogliosi del loro ‘pragmatismo Yankee' (de Tocqueville, 1975, 3-20). Aggiornando questa tradizione alla Rete, la maggior parte degli americani ignorano semplicemente l'ampia discrepanza tra le loro credenze politiche e le loro attività quotidiane. Sebbene costretti a parlare come neo-liberali, essi scelgono spesso di agire come comunisti nel cyberspazio. Dal momento che l'applicazione letterale della Californian Ideology rimuoverebbe molti dei benefici della Rete. Non sorprendentemente, pochi Americani ammetteranno apertamente il loro piacere nel peccare contro il mito nazionale. Mentre la richiesta riformista per un sistema di salute pubblica rimane ovviamente dell'ala sinistra, le implicazioni sovversive della circolazione dell'informazione come regalo sono letteralmente impensabili. Senza alcun dubbio personale, Eric Raymond può essere contemporaneamente un sostenitore appassionato della de-mercificazione del software e ‘.. si descrive un neo-pagano libertario [dell'ala destra] che si diverte a sparare con armi semi-automatiche …' (Leonard, 1998, 2).

Tra gli Americani, il cybercomunismo è l'amore che non osa dire il suo nome. Nessuno parla di ciò che ciascuno sta facendo. Soprattutto, il significato storico del loro comportamento collettivo in Rete non può mai essere messo in discussione. Nella vita quotidiana, le persone si sono sempre scambiati dei regali tra loro. Molte attività sociali sono già organizzate dal lavoro volontario e con risorse regalate. La cultura DIY è la celebrazione del fare-cose-per-se stessi in tutti gli aspetti della vita dalla politica alla musica (Hyde, 1999; Brass, Koziell e Searle, 1997). Ora, con l'avvento della Rete, l'economia del regalo sta sfidando la competizione del mercato all'apice della modernità. Dal momento che solo queste nuove relazioni di produzione possono realizzare pienamente il potenziale sociale e tecnico delle sue forze avanzate di produzione. Quando i regali digitali circolano liberamente, le persone sono in grado di partecipare alla ‘creatività interattiva'. Dal momento che l'informazione viene riprodotta incessantemente, la quantità del lavoro collettivo concretizzata in ciascuna copia viene presto ridotta a quasi niente. Sotto queste condizioni sociali e tecniche, le informazioni circolanti come regali possono essere non solo più gradevoli, ma anche più efficienti dello scambio delle materie prime. Sebbene apprezzino i benefici del commercio elettronico, gli Americani stanno partecipando entusiasticamente ad una forma di lavoro collettiva alternativa: il cyber-comunismo.

In tempi più remoti, l'abolizione del capitalismo veniva considerata in termini apocalittici: insurrezioni rivoluzionarie, mobilitazioni di massa e dittature moderne. In contrasto, il cyber-comunismo è ora un'esperienza quotidiana irrilevante negli Stati Uniti d'America. Gli utilizzatori della Rete stanno adottando spontaneamente dei modi più divertenti ed efficienti di lavorare insieme. Invece di distruggere l'economia di mercato, gli americani sono impegnati nel lungo processo di superamento del capitalismo (Hegel, 1873,141-142; Marx 1961, 98-114). In questo movimento dialettico, i neo-liberali hi-tech perfezionano le relazioni esistenti di produzione sviluppando il commercio elettronico: il lavoro-come-merce. Reagendo alla chiusura del cyberspazio, gli attivisti dell'ala sinistra distruggono la proprietà dell'informazione nel potlatch on-line: lo spreco-come-regalo. Per quei nostalgici della certezza ideologica, non ci può essere alcun compromesso tra questi punti di vista contraddittori della Rete.

Pertanto, la sintesi di questi opposti dialettici deve avvenire per ragioni pragmatiche. Spesso gli utilizzatori della Rete traggono maggiori benefici dal lavorare insieme attraverso la circolazione dei regali che dal prendere parte al commercio elettronico. Vivendo in una società prospera, molti Americani non sono più solo motivati dai riconoscimenti economici. Con tempo e denaro sufficienti, essi lavoreranno anche per ottenere il rispetto dei loro pari per i loro sforzi. Sempre più persone stanno ora soddisfacendo questo desiderio di riconoscimento nelle comunità di rete. Gli individui ricevono lodi e amicizia dai loro membri-compagni offrendo dei contributi eccellenti ai progetti collettivi. Nella Rete, la crescita delle forze di produzione incoraggia una forma più avanzata di lavoro collettivo: il lavoro-come-regalo (Kohn, 1998; Leonard, 1998a).

‘… Il lavoro è nato dal Desiderio di Riconoscimento … e si conserva ed evolve in relazione a questo stesso Desiderio' (Kojève, 1969, 203).

Il processo dialettico del superamento del capitalismo è segnato dalle sintesi in evoluzione del regalo e della merce nella Rete. Durante questa transizione, né l'apertura, né la chiusura del lavoro collettivo possono essere immaginati. Se l'ibrido corretto non viene trovato, gli individui che lavorano su un progetto collettivo possono sparire rapidamente verso ubicazioni più gradevoli nel cyberspazio.

A volte, essi cercheranno ricompense economiche. In molte occasioni, essi preferiranno la libertà del lavoro autonomo. Dipendendo dalle circostanze, ciascuno di questi desideri necessita di essere parzialmente realizzo in un ibrido di successo per una credi regalo e materia prima. Durante gi ultimi duecento anni, gli intimi legami di parentela e di amicizia hanno contemporaneamente inibito e puntellato le relazioni impersonali necessarie per una rapida crescita economica. Il moderno è sempre coesistito con il tradizionale. Ora, nell'era della Rete, lo scambio di beni viene sia intensificato, sia ostacolato dalla circolazione dei regali. Il moderno deve sintetizzarsi con l'hyper-moderno.

I gurus della Calfornian Ideoloy enfatizzano la sopravvivenza della gerarchia sociale all'interno di queste relazioni ibride di produzione. I cyber-imprenditori di successo iniziano già le loro carriere dando via i loro prodotti migliori. Se il loro marchio viene ampiamente adottato, essi sperano di guadagnare offrendo servizi e prodotti di supporto ai loro utilizzatori. Pochi digerati fortunati possono diventare molto ricchi vendendo azioni agli speculatori di Wall Street (Cusumano e Yoffie, 1998; Leonard, 1999). Pertanto, anche in questa sintesi conservatrice di regalo e merce, il diritto d'autore ha cessato di essere la precondizione della produzione dell'informazione. Ogni consumatore viene ora conquistato da articoli promozionali. Incapaci di resistere alle possibilità tecniche della convergenza digitale, alcuni ideologi neo-liberali accettano la scomparsa futura del diritto d'autore (Barlow, 1994). Dal momento che il plagio diventerà presto onnipresente, i cyber-imprenditori devono adottare altri modi di mercificare la Rete: servizi in tempo reale, pubblicità, commercializzazione. L'aristocrazia hi-tech può solo proteggere i suoi privilegi facendo continuamente regali alle masse.

Questa ibridazione delle relazioni di produzione è prevalente tra le industrie hi-tech. Per esempio, molte persone ottengono un impiego solo dopo avere compiuto un apprendistato nelle comunità di rete. Se il loro lavoro viene rispettato tra i loro pari, essi possono unirsi allo strato intermedio impiegatizio emergente dalle aziende del commercio elettronico: gli artigiani digitali. Sebbene operante fuori dall'accademia, il regalo dell'informazione favorisce tuttora la vendita del lavoro. Secondo le profezie di Saint-Simon, i lavoratori innovatori nelle industrie avanzate dovrebbero fare da pionieri alle condizioni economiche e culturali per l'emancipazione sociale. Lo strato intermedio è l'avanguardia della modernità. Fedeli a questo ruolo, gli artigiani digitali stanno compiendo numerosi progressi tecnologici ed estetici. Nonostante debbano vendere la loro creatività per denaro, i loro modi di lavorare sono spesso egualitari e collaborativi. Ancora una volta, lo strato intermedio sta inventando il futuro.

Pertanto, persino questa sintesi sta già per essere sostituita al punto di svolta della modernità. La minoranza eroica non è più sola. Dopo due secoli di crescita economica, la gente comune è in grado anche di adottare delle relazioni di produzione avanzate. Nella Rete, lavorare insieme tramite la circolazione di regali è ora una esperienza quotidiana per milioni di persone. Così come nei loro lavori, gli individui collaborano anche a progetti collettivi nel loro tempo libero. Liberato dalle discipline immediate del mercato, il lavoro può diventare sempre più un regalo. I pochi illuminati non hanno più bisogno di condurre le masse verso il futuro. Dal momento che la maggioranza degli utilizzatori della Rete stanno già partecipando alle relazioni produttive del cyber-comunismo. Ogni giorno, inviano e-mails, prendono parte ai listservers, creano siti web, contribuiscono ai newsgroup e partecipano alle conferenze on-line. Non avendo la necessità di vendere l'informazione come merce, essi lavorano insieme spontaneamente, per mezzo della circolazione di regali. In tutto il mondo, i politici, i dirigenti e gli esperti sono ispirati dalla rapida espansione del commercio elettronico negli Stati Uniti d'America. Ipnotizzati dall'ideologia neo-liberale, essi non riescono a notare che la maggior parte dell'informazione sta già circolando come regalo nella Rete. Impegnati nel superamento del capitalismo, gli Americani stanno costruendo con successo il futuro utopico nel presente: il cyber-comunismo.

‘Nessun ordine sociale viene mai distrutto prima di tutte le forze di produzione per cui è sufficiente essere stato sviluppato, e nuove relazioni superiori di produzione mai sostituiscono le più vecchie prima che le condizioni materiali per la loro esistenza siano maturate nel conteso della vecchia società. … Il modo borghese di produzione nell'ultima forma antagonista del processo sociale di produzione - … un antagonismo che emana dalle condizioni sociali dell'esistenza degli individui — ma le forze di produzione che si stanno sviluppando nella società borghese creano anche le condizioni materiali per una soluzione di questo antagonismo. La preistoria dell'umanità concorda, di conseguenza, con la formazione sociale' (Marx, 1970, 21-22).

 

LE DIALETTICHE DEL CYBER-COMUNISMO

Il Positivo: lavoro-come-merce

commercio elettronico

modernismo reazionario

La Negazione: spreco-come-regalo

potlatch

anti-modernismo rivoluzionario

La Negazione della Negazione: lavoro-come-regalo

reti di comunità

modernismo rivoluzionario

 

*Traduzione dall'originale inglese di Anna Fata su gentile concessione dell'Autore.

Bakunin, M. (1973) ‘Letter to Sergei Nechaev, June 2nd, 1870' in Lehring, A. (ed.), Michael Bakunin: Selected Writings, London: Jonathan Cape, pp. 182-194.

Barbrook, R. (1995) Media Freedom: the contradictions of communications in the age of modernity, London: Pluto, <ma.hrc.wmin.ac.uk/ma.theory.4.1.db>.

Barbrook, R. and Cameron, A. (1996) ‘The Californian Ideology', Science as Culture, No. 26, Vol. 6 Part 1, pp. 44-72, <ma.hrc.wmin.ac.uk/ma.theory.4.2.db>.

Barbrook, R. (1998) 'The Holy Fools: a critique of the avant-garde in the age of the Net', Mute, 11, pp. 57-65, <ma.hrc.wmin.ac.uk/ma.theory.4.9.db>

Barlow, J.P. (1994) ‘The Economy of Ideas: a framework for rethinking patents and copyrights in the digital age (everything you know about digital property is wrong), Wired, March, vol. 2, no. 3, pp. 84-90, 126-129, <www.eff.org/pub/intellectual_property>

Baudrillard, J. (1975) The Mirror of Production, St. Louis: Telos.

Bellamy, E. (1982) Looking Backward, London: Penguin.

Bell, D. (1973) The Coming of Post-Industrial Society: a venture in social forecasting, New York: Basic Books

Berners-Lee, T. (1996) ‘The World Wide Web: Past, Present and Future', <www.w3.org/People/Berners-Lee/1996/ppf.html>

Berners-Lee, T. (1998) ‘Realising the Full Potential of the Web', <www.w3.org/1998/02/Potential.html>

Brass, E. and Koziell, S. with Searle, D. (ed.) (1997) Gathering Force: DIY culture - radical action for those tired of waiting, London: Big Issue.

Brinton, C. (1961) The Jacobins: An Essay in the New History, New York: Russell and Russell.

Bukharin, N. (1971) Economics of the Transformation Period (with Lenin's critical notes), London: Pluto.

Burnham, J. (1945) The Managerial Revolution, London: Penguin.

Chesterman, J. and Lipman, A. (1988) The Electronic Pirates: DIY crime of the century, London: Comedia/Routledge.

Ciliga, A. (1979) The Russian Enigma, London: Ink Links.

Critical Art Ensemble (1996) Electronic Civil Disobedience and Other Unpopular Ideas, New York: Autonomedia.

Cusumano, M. and Yoffie, D. (1998) Competing on Internet Time: lessons from Netscape and its battle against Microsoft, New York: Free Press.

Djilas, M. (1966) The New Class: an analysis of the Communist system, London: Unwin Books.

Dyson, E. (1997) Release 2.0: a design for living in the digital age, London: Viking.

Elger, T. (1979) ‘Valorisation and "Deskilling": a critique of Braverman', Capital & Class, 7, Spring, pp. 58-99.

Elliott, L. (1999) ‘Rise and Rise of the Super-Rich', The Guardian, 14th July, G2 section, pp. 2-3.

Engels, F. (1975) Socialism: Utopian and Scientific, Beijing: Foreign Languages Press.

Frow, J. (1996) ‘Information as Gift and Commodity', New Left Review, 219, September/October, pp. 89-108.

Fukuyama, F. (1992) The End of History and the Last Man, London: Penguin.

Garratt, S. (1998) Adventures in Wonderland: a decade of club culture, London: Headline.

Geise, M. (1996) ‘From ARPAnet to the Internet: a cultural clash and its implications in framing the debate on the information superhighway' in Strate, L., Jacobson, R. and Gibson, S. (eds.), Communications and Cyberspace: social interaction in an electronic environment, New Jersey: Hampton Press, pp. 123-141.

Ghosh, R. (1998) ‘Cooking Pot Markets: an economic model for the trade in free goods and services on the Internet', First Monday, <dxm.org/tcok/cookingpot/>.

Gorz, A. (1989) Critique of Economic Reason, London: Verso.

Greenwald, J. (1998) ‘Heroes of a Wild and Crazy Stock Ride', Time, 3rd August, pp. 46-47.

Hagstrom, W. (1982) ‘Gift Giving as an Organisational Principle in Science' in Barnes, B. and Edge, D. (eds.), Science in Context: readings in the sociology of science, Milton Keynes: The Open University. pp. 21-34.

Hall, S. and Jacques, M. (eds.) (1989) New Times: the changing face of politics in the 1990s, London: Lawrence & Wishart.

Hamman, R. (1999) ‘Computer Networks Linking Network Communities: effects of AOL use upon pre-existing communities' in Armitage, J. and Roberts, J. (eds.), Exploring Cyber-Society: social, political and cultural issues, conference papers, 5th-7th July, vol. 1, unpaginated.

Hegel, G. (1873) Logic, Oxford: Oxford University Press.

Herf, J. (1984) Reactionary Modernism: technology, culture and politics in Weimar and in the Third Reich, Cambridge: Cambridge University Press.

Hudson, D. (1996) ‘There's No Government Like No Government (interview with Louis Rossetto)', San Francisco Bay Guardian, 6th November, pp. 30-34.

Hyde, L. (1999) The Gift: imagination and the erotic life of property, London: Vintage.

Israel, J. (ed.) (1972) Building the Organisational Society: Essays on Associational Activities in Modern America, New York: Free Press.

James, M. (1997) State of Bass: Jungle - the story so far, London: Boxtree.

Kadlec, D. (1999) ‘Internet Mania', 18th January, Time, Personal Time/Your Money, <cgi.pathfinder.com/time/magazine/articles>

Katz, J. (1997) ‘The Digital Citizen', Wired, December, vol. 5, no.12, pp. 68-82, 274-275.

Kelly, K. (1994) Out of Control: the new biology of machines, London: Fourth Estate.

Kelly, K. (1997) ‘New Rules for the New Economy: twelve dependable principles for thriving in a turbulent world', Wired, September, vol. 5, no.9, pp. 140-144, 186-197.

Kleinman, N. (1996) ‘Don't Fence Me In: Copyright, Property and Technology' in Strate, L., Jacobson, R. and Gibson, S. (eds.), Communications and Cyberspace: social interaction in an electronic environment, New Jersey: Hampton Press, pp. 59-82.

Kollock, P. (1999) ‘The Economics of Online Cooperation: gifts and public goods in cyberspace' in Smith, M. and Kollock, P. (eds.), Communities in Cyberspace, London: Routledge, pp. 220-239.

Kohn, A. (1998) ‘Studies Find Reward Often No Motivator', Free
Software Foundation, <www.fsf.org/philosophy/motivation.html>.

Kojève, A. (1969) Introduction to the Reading of Hegel: Lectures on the ‘Phenomenology of Spirit', Ithaca NY: Cornell University Press.

Kroker, A. and Weinstein, M. (1994) Data Trash: the theory of the virtual class, Montreal: New World Perspectives.

Lang, B. (1998 ) ‘Free Software For All: freeware and the issue of intellectual property', Le Monde Diplomatique, January, <www.monde-diplomatique.fr/md/en/1998/01/12freesoft.html>.

Leonard, A. (1998) ‘Mutiny on the Net', Salon, <www.salonmagazine.com/21st/feature/1998/03/cov_20feature.html>.

Leonard, A. (1998a) ‘Let My Software Go!', Salon, <www.salonmagazine.com/21st/feature/1998/04/cov_14feature.html>.

Leonard, A. (1999) ‘The Really New Economy: Red Hat's IPO', Salon, <www.salonmagazine.com/tech/log/1999/06/09/red.hat/index.html>.

Lenin, V.I. (1932) Will the Bolsheviks Maintain Power?, London: Martin Lawrence.

Lenin, V.I. (1975) What Is To Be Done?: burning questions of our movement, Beijing: Foreign Languages Press.

Lenin, V.I. (1975a) The Proletarian Revolution and the Renegade Kautsky, Beijing: Foreign Languages Press.

Linux Online (1999) F.A.Q., <www.linux.org>.

Lipset, S.M. (1996) American Exceptionalism: a double-edged sword, New York: W.W. Norton.

Marx, K. (1959) Capital: a critique of political economy, volume 3, the process of capitalist production as a whole, London: Lawrence & Wishart.

Marx, K. (1961) Economic and Philosophical Manuscripts of 1844, Moscow: Foreign Languages Publishing House.

Marx, K. (1970) A Contribution to the Critique of Political Economy, Moscow: Progress Publishers.

Marx, K. (1973) Grundrisse, London: Penguin.

Marx, K. (1976) Capital: a critique of political economy, volume 1, the process of the production of capital, London: Penguin.

Mauss, M. (1990) The Gift: the form and reason for exchange in archaic societies, London: Routledge.

May, C. (1998) ‘Thinking, Buying, Selling: Intellectual Property Rights in Political Economy', New Political Economy, vol. 3, no. 1, pp. 59-78.

May, C. (1998a) ‘Capital, Knowledge and Ownership: the "information society" and intellectual property', Information, Communication & Society, Autumn, vol. 3, no. 1, pp. 246-249.

McKay, G. (ed.) (1998) DiY Culture: party & protest in 1990s Britain, London: Verso.

McLuhan, M. (1964) Understanding Media: the extensions of man, London: Routledge & Kegan Paul.

Midnight Notes Collective (1990) ‘Introduction to the New Enclosures', Midnight Notes, no.10, Fall, pp. 1-9.

Negri, T. (1979) ‘Capitalist Domination and Working Class Sabotage' in Red Notes, Working Class Autonomy and the Crisis: Italian Marxist Texts of the Theory and Practice of a Class Movement 1964-79, London: Red Notes/CSE Books.

Negri, T. (1988) Revolution Retrieved: selected writings on Marx, Keynes, capitalist crisis & new social subjects 1967-83, London: Red Notes.

Nietzsche, F. (1961) Thus Spoke Zarathustra, London: Penguin.

Ortega y Gasset, J. (1932) The Revolt of the Masses, London: George Allen & Unwin

Perovic, L. (1999) ‘The Flight from Modernity', Bosnia Report, 28th May, <www.bosnia.org.uk/bosrep/archive.htm>.

Porter, V. (1995) ‘Wanted: a new international law to protect intellectual property rights on the GII', Intermedia, August/September, vol. 23. no. 4, pp. 31-36.

Porterfield, K. (1998) ‘Information Wants to be Valuable: a report from the first O'Reilly Perl conference', <www.netaction.org/articles/freesoft.html>.

Raymond, E. (1998) ‘Homesteading the Noosphere', <sagan.earthspace.net/~esr/writings/homesteading/homesteading.txt>.

Raymond, E. (1998a) ‘The Cathedral and the Bazaar', <sagan.earthspace.net/~esr/writings/cathedral-bazaar>.

Rheingold, H. (1994) The Virtual Community: finding connection in a computerised world, London: Secker & Warburg.

Ricardo, D. (1973) The Principles of Political Economy and Taxation, London: Dent.

Rossetto, L. (1996) ‘19th Century Nostrums Are Not Solutions to 21st Century Problems: a trans-atlantic jet streamer on European ideology and political eternal returns', Mute, Winter/Spring, no. 4, p. 17.

Rostow, W.W. (1971) Politics and the Stages of Growth, Cambridge: Cambridge University Press.

Saint-Simon, H. de and Halévy, L. ‘The Artist, the Scientist and the Industrial: Dialogue' in Taylor, K. (ed.) (1975) Henri Saint-Simon 1760-1825: Selected Writings on Science, Industry and Social Organisation, London: Croom Helm, pp. 279-288.

Schiller, H. (1995) ‘The Global Information Highway' in Brook, J. and Boal, I. (eds.), Resisting the Virtual Life: the culture and politics of information, San Francisco: City Lights, pp. 17-33.

Situationist International (1981) ‘The Beginning of An Era' in Knabb, K. (ed.), Situationist International Anthology, Berkeley CA: Bureau of Public Secrets.

de Sola Pool, I. (1983) Technologies of Freedom: on free speech in the electronic age, Cambridge Mass: Belknap Press.

Smith, A. (1970) The Wealth of Nations, London: Penguin.

Stalin, J. (1954) ‘The Results of the First Five-Year Plan: report delivered to the joint plenum of the Central Committee and Central Control Commission of the C.P.S.U. (B), January 7, 1933' in Problems of Leninism, Moscow: Foreign Languages Publishing House, pp. 489-542.

de Tocqueville, A. (1975) Democracy in America, volume 2, New York: Vintage.

Toffler, A. (1980) The Third Wave, London: Pan.

Wells, H.G. (1913) A Modern Utopia, Leipzig: Bernard Tauchnitz.

Wice, N. (1999) ‘Sony Tries to Put MP3 Genie Back in Bottle', Time Digital, <cgi.pathfinder.com/time/digital/daily/0,2822,24585,00.html>.

Winston, B. (1998) Media, Technology and Society, London: Routledge.

Wolf, G. (1995) ‘The Curse of Xanadu', Wired UK, June, pp. 70-85, 112-113.

Zizek, S. (1998) The Spectre is Still Roaming Around: an introduction to the 150th anniversary edition of the Communist Manifesto, Zagreb: Arkzin.

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 657