GLI OSPITI DI PSYCHIATRY ON LINE
le pagine che gli amici ci regalano
di Redazione POL.it

DIARIO PERUVIANO 5: Nelle Ande: si vola con i condor... di Maria Vittoria Calisse

Share this
24 gennaio, 2015 - 05:18
di Redazione POL.it
Mi ritrovo immersa in un miscuglio imponente di generi e di colori.

Ogni passo cambia la figura davanti ai miei occhi su uno sfondo gradato in altezza e luminosità.

Mi sento in una particella in mezzo allo spazio.
Qui tutto è Natura. Quasi tocchi il cielo...

Lo stomaco tira verso l'alto, l'aria, pur nel vento, sembra ferma. Si sale e si scende tra i 2300, i 4900, i 3650 metri sul livello del mare e poi di nuovo... fino a riscendere, relativamente.

Nel tragitto, cominciato a notte fonda, incontro la neve, che ricopre la terra nei picchi e che lentamente lascia il posto a scenari talmente pieni, articolati, variegati, immensi, brillanti... che l'unica spinta che mi possiede è di donare, attraverso irrefrenabili scatti fotografici, ciò che i miei occhi vedono e tutto il mio cuore sente.

Ma non è mai abbastanza... Non è mai lo stesso... Troppo immenso.

Non rimane che assoggettarsi e accettare che il poter raccontare tutto ciò che si vive è un illusione... Ma, in fondo, la mia mente allaccia le esperienze e realizzo che è così sempre...

Tutto il viaggio per raggiungere Colca, attraversare la sua valle e giungere nel canyon, dove abitano i condor.

La veduta è mozzafiato, arrivo e vedo subito una coppia di condor ferma, ma procedo oltre... Vado a esplorare il fondo profondo che mi cattura... E mi perdo l'attimo, lo spicco del volo.

Non posso, quindi, non soffermarmi sul mio errore di sempre: il non saper attendere. Qui tocco un punto energico attraverso il quale trovo uno specchio e una direzione per la mia anima...

Tento ancora, aspetto davanti alla solita coppia di condor che con emozione ho osservato danzare sincrona, in volo.... Tutti e due si fermano di nuovo.... Aspetto...

Ma questa volta il tempo per ammirare il loro volo spiccare non c'è.

Pazienza.

Fotografo dentro di me questo momento, ne faccio tesoro e proprio in quell'istante mente e cuore realizzano la stessa cosa: l'importanza di saper attendere... di lasciare il tempo alle cose e agli eventi di dispiegarsi da sé.

Di nuovo, la Natura, ristabilisce il suo potere nel dettarci i suoi tempi.


 

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 685