Riflessioni (in)attuali
Uno sguardo psicoanalitico sulla vita comune
di Sarantis Thanopulos

Mercato libero delle identità sessuali?

Share this
17 luglio, 2017 - 16:41
di Sarantis Thanopulos

Kori Doty, vive nel distretto canadese di British Columbia. Nato con un corpo di donna, ha deciso di essere uomo. Ha dei baffi radi e un’abbozzo di barba (grazie a trattamenti ormonali), ma ha conservato l’apparato sessuale femminile e il seno. Ha avuto un bambino, che ha allattato, per il quale ha chiesto una tessera sanitaria senza riferimento al sesso. Per garantire la libertà del bambino di sceglierlo quando sarà in grado di farlo. 
La British Columbia ha rilasciato una tessera sanitaria con la U (iniziale di unknown, ignoto) al posto del sesso, come era stato suggerito da Doty e dai suoi sostenitori. Trascurando un fatto: indicare il sesso nei documenti di identità non è, in genere, di nessuna utilità amministrativa, ma ciò non vale nel campo della salute. Qui la differenza biologica tra i due sessi è significativa ed è nell’interesse dei bambini che venga esplicitata.
Doty ha chiesto e avuto la cancellazione legale della contraddizione reale tra il suo sesso biologico e la sua iscrizione psichica nel sesso opposto. Perché questa contraddizione potesse essere elaborata, sarebbe stato necessario che l’avesse riconosciuta e accettata come limitazione, invece di negarla. La libertà nasce dalla capacità di far uso delle contraddizioni ed è insensato interpretarla come diritto di cancellarle.
Doty ha ottenuto il permesso di risolvere la sua mancanza di libertà interiore, proiettandola, sotto forma di libero arbitrio, al figlio/a. Si sarebbe potuto verificare se come genitore fosse in grado di differenziare il destino del suo bambino dalle proprie angosce. È stato, invece, assecondato nella sua richiesta di gestirlo come sua proprietà, come cavia personale, perché edificare la propria identità a prescindere dal corpo è conforme alla scarnificazione diffusa delle relazioni sociali.
La sovradeterminazione sociale del nostra identità non passa attraverso l’assegnazione biologica del sesso. Tale assegnazione rispetta il legame tra psiche e corpo, senza il quale è impossibile sentire un vero piacere. L’effetto restrittivo della società sul nostro modo di definirci, passa attraverso l’indebolimento di questo legame. Nei casi estremi psiche e corpo si dissociano e l’effetto sociale diventa alienante. Quando l’alienazione è grave la psiche si ritrae in se stessa e fa tacere il corpo elaborando strategie di scarica delle sue tensioni.           
I bambini non possono costruire da sé la propria appartenenza a un sesso, indipendentemente dalla particolarità del loro corpo sessuato e senza l’incoraggiamento a svilupparlo nelle sue più intrinseche inclinazioni. I genitori non devono astenersi da questo incoraggiamento, che è anche un necessario riconoscimento.
Il diritto di Doty di sentirsi donna nel suo corpo d’uomo è altra cosa rispetto al suo progetto onnipotente di poter partorire da uomo con un corpo di donna nel quale non si riconosce e aspira a falsificare in senso maschile. Nel campo della transessualità la falsificazione opera sempre nel senso dell’ermafroditismo: la negazione della differenza e del legame con l’altro che può arrivare fino all’amputazione del corpo sessuale. Del rigetto dell’alterità si appropria un liberismo delle identità che si sta espandendo: l’idea di poterci costruire a nostra immagine e somiglianza. Il trionfo dell’autoreferenzialità, una fabbrica perfetta di automi.
Cos’altro può significare la U sulla tessera sanitaria, se non l’adesione, sotto forma di professione di libertà, all’ideale alienante di un’identità ignota? Essere ignoti a se stessi, prede senza difesa di un agire inconsapevole, impersonale, terreno fertile del totalitarismo.

 
 
 

> Lascia un commento


Commenti

Post Scriptum
Non chiamare Angoscia la Persecuzione

https://www.facebook.com/notes/giannielle1it/scuola-austriaca-rifiuta-un...

Non sono d'accordo.
Intanto non sappiamo il genere del neonato/a
I generi sono TRE, non due... lo diceva anche Ulrichs, il padre del movimento Lgbt nel 1860, quindi non è una fantasia di una donna malata di mente e se la comunità giuridica ha accolto l'istanza ci sarà un perché che tu non cogli, per mancanza di dati.
Il terzo genere sono gli intersessuali, ovviamente, ma anche le persone transessuali...
MALATI DI MENTE
urli nel tuo mondo
NOI NON SIAMO MALATI
urliamo noi e se permetti
LE TUE URLA ISTERICHE E LA TUA ANGOSCIA te la possiamo curare noi...
VIENI A UN GAYPRIDE!

Andiamo nel merito.
Dice DOTY:

Searyl’s private parts are private, whether they conform to the biological standard or not, like you said it’s not actually about the definition and gender identity which will develop later in life
What someone’s genitals look like when they are born doesn’t actually give us an accurate indication of who they will be

Nonostante queste affermazioni di principio siccome ad essere cambiata è proprio la tessera sanitaria si può presupporre che effettivamente la persona in oggetto (SEARYL) sia intersessuale perché nessun giudice può emettere un'assurdità come quella che TI ANGOSCIA

Quello che NOI CHIEDIAMO è che ALLA NASCITA e per scelta nel caso dei MINORI GENDER VARIANT e per gli ADULTI TRANSESSUALI è proprio di ottenere un terzo iindice.
IN ITALIA io propongo M/F/T dove T sta per TERTIUM DATUR

Anche in INDIA si può usare la O per Other e in Australia si può usare la X di ...xtraterrestre oppure di pareggio...
Quindi esiste una LETTERATURA INTERNAZIONALE nel merito del TERZO SESSO.

IL TERTIUM DATUR quindi implica la persistenza della maggioranza M ed F, perché gli INTERSESSUALI sono 1/400 nati (se consideri XXY XO e XYY) altrimenti 1/10mila (solo per le mille cause di variazioni fenotipiche) mentre le persone stabilmente Gender Variant sono solo 1/10mila...

LA TUA ANGOSCIA per 1/5000 persone? Mi pare eccessivo...
CURALA si chiama PARANOIA

Vedi anche
http://www.psychiatryonline.it/node/6865/edit


Totale visualizzazioni: 900