I MEDICI-GAY ed i pazienti LGBT di ogni medico!
Raccolta e analisi di casi personali, clinici, tra colleghi e di fantasie sull'omosessualità di medici e pazienti.
di Manlio Converti

Felice Coming Out con Amigay

Share this
20 gennaio, 2019 - 10:06
di Manlio Converti

Vuoi essere Felice?
Fai Coming Out!
E leggi direttamente il Post Scriptum

Vuoi sapere perché esiste ancora l'omofobia sanitaria?
Questo sarà molto triste...
Continua a leggere tutto il testo:

Secondo il giudizio di primo grado contro la De Mari

https://torino.repubblica.it/cronaca/2019/01/16/news/torino_la_dottoress...

non esiste "un soggetto giuridico individuato" dietro le continue offese alle persone Lgbt e alla persecutoria richiesta di essere "curati".

Secondo il giudizio ella e tutti gli altri medici omofobi italiani sono nel loro pieno diritto perché la "facoltà di manifestare il proprio pensiero è un diritto costituzionalmente garantito".

Il giudizio non ha riguardo del fatto che il pensiero sia stato espresso in termini pseudoscientifici, contro le Linee Guida 2016 della WPA (Associazione Mondiale degli Psichiatri) forse perché in Italia solo il 31 dicembre scorso sono stati riconosciuti su nostra richiesta dalla SIP (Società Italiana di Psichiatria)

http://www.psichiatria.it/wpa-position-statement-on-gender-identity-and-...

ma non ancora dal SSN che invece aderisce, attraverso l'ICD 9 CM, all'idea di malattia psichiatrica col nome ipocrita di "omosessualità egodistonica".

Tutto ciò ferisce la dignità professionale dei medici Lgbt, impedisce la nostra serenità lavorativa, danneggia i pazienti Lgbt e i loro parenti e il silenzio nel merito diventa complice di una persecuzione inaccettabile.

Il 25 dicembre, come a novembre scorso, scenderemo in piazza per chiedere che il CCNL includa tra le sue braccia le seguenti richieste e chiediamo a tutti i sindacati a partire da Anaao e Fimmg di farsi carico delle seguenti istanze affinché i medici e il personale sanitario Lgbt non sia più costretto a nascondersi:

1) Rendere esplicito che i Medici e il Personale Sanitario hanno il Diritto di fare Coming Out. partecipare al Gaypride e ad ogni altra forma di attivismo per i Diritti Civili e Sanitari delle persone Lgbt.
2) Rendere esplicito che i Medici e il Personale Sanitario hanno il Dovere di Sostenere il Coming Out di altri Medici o altro Personale Sanitario, dei Pazienti e dei loro Parenti, nel contesto lavorativo sanitario e in quello sociale, dove l'autorevolezza dei Medici e del Personale Sanitario non può che avere un peso Assertivo.
3) Si intende altresì rendere esplicito che i Medici e il Personale Sanitario hanno il Dovere di Contrastare Attivamente ogni forma di Omofobia, in particolare quella in ambito Sanitario, che sia di tipo Verbale, non Verbale, Formale, Agita, Sociale, Lavorativa, Scolare, Familiare ecc
4) Si richiede infine l'obbligo di Formazione in Sex Orienteering e Medicina di Genere Lgbt, per completare o realizzare il proprio curriculum formativo, affinché le conoscenze evidence based sostituiscano per sempre le affermazioni pseudoscientifiche e persecutorie dei medici omofobi!

PS Amigay festeggia a Napoli il suo primo compleanno, il, 23 gennaio ore 17.30, ex Palazzetto Urban, via Concezione a Montecalvario 26 e vi invita a partecipare o a mandare attestato di solidarietà ad amigayonlus@gmail.com

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 132