GLI OSPITI DI PSYCHIATRY ON LINE
le pagine che gli amici ci regalano
di Redazione POL.it

DIARIO PERUVIANO 1: "Ritrovarsi...." di Maria Vittoria Calisse

Share this
11 gennaio, 2015 - 16:50
di Redazione POL.it

(NDR: La collega Maria Vittoria Calisse si appresta a compiere un viaggio in Perù. Con i suoi contributi ci accompagnerà in questo itinerario di ricerca e scoperta in uno dei luoghi più affascinanti e magici del pianeta)

Il titolo parte da un presupposto in cui credo, ossia spiega come “scegliamo” di “seguire ciò che deve accadere”….il tutto non a caso in un luogo, il Peru, che “unisce il cielo e la terra”.
Volevo addentrarmi in Sud America e, sinceramente, non pensavo al Peru, che sentivo come un posto in “ombra” o che comunque vedevo come un viaggio “sofisticato”….“lontano” al momento….
E invece la vita mi porta proprio qui, anzi, mi piace unire la scelta personale alle cose che la vita ti offre lungo la strada dell’esistenza…per cui, diciamo che la vita “mi chiede se voglio andare lì”.
Quindi, accade proprio così:
dopo pochi mesi dal “parto” della mia idea di raggiungere il Sud America, ad ogni costo, anche da “sola” (pensavo all’Argentina in particolare…), un bel giorno, un amico del circuito lavorativo, mi bussa alla porta e mi dice “Calisse, ti interessa andare in Peru?”.
Qui inizia il viaggio, esattamente qui. Senza sapere come, con chi e perché, la mia risposta, immediata, “autonoma da me” è “Si”, accompagnata da tanto di entusiasmo che le parole possono solo raccontare.
Mi “ritrovo” quindi ad andare in Perù, in una fase della mia vita dove predomina la necessità, la “spinta” a “ritrovare me stessa”….una terra, quindi, che non a caso viene raccontata come particolarmente ricca e “comunicativa” in tal senso….
Già dei significanti emergono forti ”scelta…accadere”…”ombra”…”lontano”….”parto” (inteso come “nascita”, ma che richiama il verbo “partire”…)..”sola”…”ritrovarsi”…”spinta”.
Insomma, il mio inconscio è già a lavoro, è già in viaggio: come dire “il viaggio inizia dentro”.


 
Leggo tutto ad un fiato un libro che un paio di persone, senza sapere che sto per andare, mi consigliano:  “La profezia di Celestino” di…..
Inizio quindi a collegare, a capire nel qui ed ora come nulla, proprio “nulla accade per caso”.
Cerco nel frattempo altri libri, che mi raccontino il Peru…
 
Si PARTE........
> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 804