La strana marcia su Mosca.

Share this
26 giugno, 2023 - 05:20

Sono due giorni che il mondo sta col fiato sospeso per le notizie diffuse dai media, non si capisce bene a danno o a favore di chi, sempre che ci sia qualcuno ancora interessato alle vicende delle guerre degli altri. Tanto chi sta male di cuore continua ad attaccarsi cerotti di nitroglicerina sul margine sinistro dello sterno, chi vende armi all’Ucraina (anche scadute e obsolete, come pare facciamo noi) continua a farlo, come chi deve staccare gli assegni per Zelensky. Anche quelli che devono trovare i quattrini per la ricostruzione dell’Ucraina, pure sotto le bombe che ci fanno vedere ogni giorno, se ne fregano e si riuniscono lo stesso, si parla di 175 miliardi di dollari!  

 

La rivolta del cuoco di Putin, ha fatto scomparire “la guerra” (quella dell’Ucraina, molto redditizia per tutti tranne che per loro), le battaglie di Bachmut, Kramators'k, nell’Oblast di Donec'k, la controffensiva dei soldati di Zelensky che è sempre li per partire e via discorrendo. La strana marcia su Mosca di Evgenij Prigozhin, che probabilmente tutti conoscevano, come il segreto di pulcinella, ha tenuto la scena di questo fine settimana: 23-24-25 giugno 2023. Un po’ di titoli. 

 

Russia, la Wagner si ferma a 200 chilometri da Mosca: “No bagno di sangue”. La mediazione di Lukashenko. Niente processo per Prigozhin, ...” 

< www.quotidiano.net › Esteri 2023/06/23> 

Il golpe di Wagner si ferma a 200 km da Mosca: la mossa di Putin, il ritorno di Lukashenko e la vittoria di Prigozhin. Che cambia gli assetti .... 

< www.ilfattoquotidiano.it › 2023/06/24 › il-golpe-di-wagner-si-ferma-a-200...> 

La marcia di Yevgeny Prigozhin si è fermata a 200 km da Mosca. Dopo mesi di critiche sempre più violente contro le istituzioni militari, il capo ... 

< www.corrieredellacalabria.it › 2023/06/24 › la-wagner-si-ferma-a-200-km-...> 

La Wagner si ferma a 200 km da Mosca: «Non sia versato sangue ... Giunti a duecento chilometri da Mosca i miliziani della Wagner hanno deciso di fare marcia indietro per evitare “spargimento di sangue russo”. La guerra in Ucraina giunge al giorno 487. Dopo essersi ribellata, la brigata Wagner ha fermato la sua avanzata a 200 chilometri da Mosca. " ... 

<www.lavocedeltrentino.it › 2023/06/25 › la-wagner-si-ferma-a-200-km-da-...> 

La Wagner si ferma a 200 km da Mosca: "Torniamo indietro, ma gli ... Secondo i blogger militari russi, 15 soldati di Mosca sono stati uccisi durante la rivolta. La Wagner si ferma e torna indietro.   

< www.metropolitanmagazine.it 2023/06/25>  

Il capo dei mercenari pronto a marciare sulla capitale se "non avrà" Gerasimov e Shoigu. Putin parla alla Nazione: «Siamo stati pugnalati alle spalle» - Piano Wagner controlla Rostov e ha passato Voronezh: obiettivo Mosca. Prime truppe cecene di Kadyrov giunte a Rostov per fermare i ribelli. Tajani: “Nessuna evacuazione degli italiani”. Meloni sempre informata 

< www.ilmattino.itVideo › Primo piano 2023/06/25> 

 

Ci sono momenti che vale la pena ragionare con la propria testa. Sappiamo che il cuoco litigava da tempo con Shoigu, Gerasimov e indirettamente con Putin, combattendo nell’inferno di Bachmut, perché non gli mandavano i proiettili necessari. Sappiamo che era sempre li in attesa che scattasse la controffensiva del generale Moscalev poi sostituito da Zelensky con Serhiy Nayev, perchè si era accorto che rubava. Ora non si capisce come Prigozhin sia arrivato di soppiatto a 200 km da Mosca, quando per arrivare alla capitale russa, partendo dall’Oblast di Donec'k, si debbono percorrere 933,7 km.  

 

Non può essere arrivato a 200 km da Mosca, se, come si dice, coi suoi mercenari, ha superato prima la provincia di Voronezh, poi quella di Lipetsk, che si trovano a 450 chilometri a sud della capitale. Se invece, come dice un’altra informazione, si fosse fermato a Rostov sul Don, la celebre patria storica dei Cosacchi, dove la Russia europea apre “le Porte del Caucaso”, la distanza chilometrica da Mosca è 958,7 km. La gloriosa città - sette teatri e tre università a statuto federale - fondata nel 1749, dall'imperatrice Elisabetta di Russia, sulla sponda destra del fiume, il “Tanai”, degli antichi Greci, è ritenuta il confine convenzionale tra Europa ed Asia. Taganrog è la sua città portuale sul golfo omonimo del Mar d'Azov a ponente del delta del Don, 75 km ad ovest di Rostov. 

 

Nondimeno, cercare di verificare panzane di ogni genere, messe in giro da chiunque abbia accesso a una qualsiasi fonte d’informazione, non mi tranquillizza affatto, anzi mi preoccupa proprio per il fatto che ognuno fa il suo sporco gioco, fregandosene degli altri. Come fossero tanti Madame de Pompadour, intenta a consolare il suo amante Luigi XV « Après nous le déluge! » (“Dopo di noi il diluvio!”) 

> Lascia un commento


Totale visualizzazioni: 307