Peso: 
3

NDR: Psychiatry on line Italia è in rete ininterrottamente dal 1995. Si basa sul volontariato culturale di chi pubblica contenuti e di chi ogni giorno mantiene e aggiorna il Sito.
Psychiatry on line Italia non ha cespiti di supporto economico e ha bisogno dell'aiuto dei suoi lettori per continuare la sua opera di divulgazione culturale libra e INDIPENDENTE.
AIUTATE LA RIVISTA, E' FACILE!!

Peso: 
1

La soddisfazione del paziente nei confronti dei Servizi per la salute mentale è diventata, nell’ultimo quarto di secolo, un elemento di crescente importanza sia come obiettivo del trattamento, sia come punto di riferimento nella valutazione dei risultati terapeutici, sia, infine, come elemento chiave nella valutazione dell’efficienza dei Servizi.

Peso: 
5

Per misurare efficacemente un quadro psicopatologico è necessario che gli item ne esplorino i diversi aspetti e siano quindi coerenti tra loro; se questa coerenza manca, è probabile che essi misurino cose diverse e non contribuiscano perciò alla misurazione del fenomeno in studio.

Peso: 
11

American Psychiatric Association: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Third Edition. Washington, DC, American Psychiatric Association, 1980.

American Psychiatric Association: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Third Edition, Revised. Washington, DC, American Psychiatric Association, 1987.

Peso: 
10

Le interviste diagnostiche che abbiamo descritto sono tutte in grado, in linea di massima, di portare alla formulazione di diagnosi affidabili per i disturbi psichiatrici maggiori. Un adeguato livello di affidabilità è comunque ottenibile solo se i valutatori si sono sottoposti ad un training rigoroso.

Peso: 
9

Una scala di valutazione diagnostica semistrutturata molto interessante è il Mini-International Neuropsychiatric Interview - M.I.N.I., messa a punto congiuntamente dai gruppi di Sheehan (USA) e di Lecrubier (Francia) (Sheehan et al., 1994) e oggi tradotta in numerose lingue (oltre 35).

Peso: 
8

La Structured Clinical Interview for DSM - SCID è un’intervista semistrutturata sviluppata da Spitzer e collaboratori (1987) per la diagnosi della maggior parte dei disturbi di Asse I e per quelli di personalità sull’Asse II secondo il DSM-III-R. Esistono tre versioni per la valutazione dei disturbi di Asse I nell’adulto ed una per quelli di Asse II:

Peso: 
7

Sotto l’egida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) e della Alcohol, Drug Abuse, and Mental Health Administration (ADAMHA) degli USA, nell’ambito di un progetto congiunto "WHO/ADAMHA Joint Project on Diagnosis and Classification of Mental Disorders, Alcohol and Drug Related Problems" è stata sviluppata la Composite International Diagnostic Interview - CIDI (Robins et al., 198


Totale visualizzazioni: 1627