DOPO IL DELITTO
Il supporto psicologico alle famiglie delle vittime
di Rossana Putignano

CASO PAVLOV: CHI HA VANDALIZZATO LA TOMBA DI MADALINA?

Share this
1 febbraio, 2021 - 23:35
di Rossana Putignano
Qualche giorno fa mi giunge notizia della vandalizzazione della tomba di Madalina al cimitero di Condera a Reggio Calabria. A dare la notizia è stata una cara amica di Gabriella Agafia Cutulencu, madre di Madalina che oggi vive in Romania e che non può personalmente occuparsi della manutenzione della tomba della figlia. L’amica è solita portare un fiore a Madalina dopo aver fatto una preghiera per suo figlio. La signora, toccata dal dramma del 21/09/2012, data in cui Madalina perse la giovane vita,  sta seguendo con interesse la vicenda di Madalina e noi del CRIME ANALYSTS TEAM la ringraziamo per la segnalazione. Dalla tomba avrebbero rubato tutti fiori, 2 vasi (uno in ceramica e uno di plastica) incollati con silicone e un pupazzo di Hello Kitty che Gabriella aveva legato al vaso affinché non si perdesse con il vento: era un pupazzo molto caro a Madalina da quando era piccola. Infine, è stata rimossa anche una targa, anch’essa fissata con silicone sulla lapide, che recava la scritta “ti ameremo per sempre” e che Gabriella ha trovato “per miracolo” intatta per terra. Ho chiesto a Gabriella cosa ha pensato nell’immediatezza dei fatti: “Appena ho avuto la notizia, essendo che ho legato quell’ orsacchiotto con un fiocco bianco recante la frase “GIUSTIZIA E VERITA’ PER MADALINA penso che qualcuno si è ribellato, penso che sia un segno perché per 3 anni sono sempre andata e non ho trovato niente, questa volta ho lasciato su quel fiocco “Giustizia e verità per Madalina Pavlov” e a qualcuno deve aver dato fastidio. Mi ricordo che quando posavo i fiori con la foto di Madalina Via Buozzi nei pressi dello stabile dove è stata trovata senza vita, puntualmente venivano rimossi. A chi da fastidio che le indagini siano ancora aperte? “.Non è la prima volta che nel caso di Madalina Pavlov ci siano delle stranezze. Ricordiamo i danneggiamenti all’auto della giornalista Gabriella Lax che si è occupata del caso dal primo momento, quella sensazione di essere “spiati” da qualcuno e un accesso anomalo al pc del consulente informatico mentre era assente dalla camera d’albergo. Chi tiene sotto controllo la situazione ogni qual volta si parla di Madalina? Bisogna specificare che l’archiviazione è stata scongiurata grazie all’opposizione dell’Avv. Antonio Petrongolo e al nostro lavoro e che ad oggi le indagini sono aperte. La novità per noi del CRIME ANALYSTS TEAM è l’ingresso di un nuovo legale della signora Cutulencu con il quale ci stiamo già muovendo per continuare a fare luce su questa tragica vicenda. Ma verdiamo brevemente cosa è successo quel maledetto giorno.

 
21 SETTEMBRE 2012 
 
Madalina trascorre la mattinata a casa della sorella Elena fino alle 11,30, orario in cui la sorella avrebbe dovuto accompagnarla presso un bar vicino alla pizzeria “Pizza Roma” dove Madalina avrebbe dovuto iniziare il suo turno di lavoro.  Alle 16.30 viene avvistata allo stesso bar dal l’ex fidanzato che era li con un amico. Alle 17.00 si incontra con il suo ex fidanzato ma la conversazione prende una brutta piega in quanto il ragazzo non è più interessato ad avere una relazione con Madalina. Madalina scappa con gli occhi arrossati verso la Via Marina. Alle 19.56 Madalina percorre Via Bruno Buozzi da sola, andando verso Parco della Libertà, stando alle telecamere di videosorveglianza dell’esercizio commerciale presente nei pressi dello stabile dal quale Madalina sarebbe caduta. Alle 20.32 dalle stesse immagini di videosorveglianza dell’esercizio commerciale si nota il corpo di Madalina che cade e impatta su una 126 azzurra parcheggiata sotto il palazzo. 
 
Chi ha ucciso Madalina? Noi del CRIME ANALYSTS TEAM abbiamo stabilito che non fu suicidio e lo stesso GIP ha accolto l’ipotesi di omicidio facendo proseguire le indagini.
Attendiamo fiduciosi l’esito dell’indagine. 

> Lascia un commento



Totale visualizzazioni: 1318